CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Weekend nero in piscina: a Perugia quarantenne si sente male e muore, a Fratta Todina bimbo salvo per miracolo

EVIDENZA Cronaca e Attualità Marsciano Todi Deruta Extra

Weekend nero in piscina: a Perugia quarantenne si sente male e muore, a Fratta Todina bimbo salvo per miracolo

Redazione
Condividi

L'intervento del 118

PERUGIA– Fine settimana terribile in Umbria sul fronte delle piscine. A Perugia un uomo ha perso la vita, a Fratta Todina un bambino si salva in extremis.

Perugia. A Ponte Pattoli la vittima è un quarantenne, colpito da malore mentre stava facendo il bagno in piscina, è annegato ed morto, sabato pomeriggio alle 18.45: è il secondo episodio in un mese dopo quello dello studente spagnolo a San Martino in Campo.

A dare l’allarme sono stati i bagnanti e il personale che si sono accorti dell’uomo in gravi condizioni, colto da malore. Il 118 ha tentato invano un salvataggio in extremis attivando un defibrillator ma l’attività cardiaca era fermo. Inutile il massaggio cardiaco degli infermieri intervenuti.

Fratta Todina. Tanta paura ma per fortuna nessuna vera conseguenza in una piscina di Fratta Todina. Un bambino di 10 anni, nella pomeriggio di giovedì ha rischiato di annegare mentre si trovava in vasca. Solo il  tempestivo intervento dei bagnini ha evitato il peggio. Sul posto è intervenuto il 118 con un’ambulanza partita da Pantalla. I soccorritori, dopo aver stabilizzato il piccolo, lo hanno trasportato all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.  Il bambino è stato sottoposto a diversi esami, tutti negativi e dopo un breve tempo di osservazione, è stato dimesso.