giovedì 27 Gennaio 2022 - 07:00
-2.3 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Caos nel Vaccine day a Terni, Narni e nel tifernate: mancano le dosi, tanti rimandati a casa

Disastro organizzativo nel primo dei due Vaccine-day organizzati dalla Regione per le terze dosi: code chilometriche e fiale solo per pochi. Tanti rispediti a casa

TERNI – Il vaccine day si è rivelato una Waterloo per la Regione, soprattutto a Terni ed a Trestina, dove sono mancate le dosi ed in tanti sono stati mandati a casa. A Terni, al centro di Piazzale Bosco, c’erano poco più di 200 dosi, a fronte di oltre 1000 persone. Dunque la Regione si è fatta trovare impreparata ed in tanti sono andati a casa, tutti quelli arrivati dopo le 15.30: “Chi ha la prenotazione può fare il vaccino e può quindi rimanere in fila. Le restanti persone che non hanno la prenotazione, tolti i 200 numeri che verranno dati ad inizio fila, devono tornarsene a casa”, è stato detto. Peggio ancora a  Narni dove chi si è presentato per ricevere la dose di vaccino si è trovato costretto ad andarsene perché il personale presente non era a conoscenza della possibilità. Anche a Perugia il tetto delle 250 vaccinazioni senza prenotazioni è stato raggiunto rapidamente e c’è stato un blocco per diverse ore. Caos è stato segnalato anche a Trestina dove anche qui non si è riusciti ad andare oltre le 200 dosi e tantissimi in fila sono stati rimandati a casa.

La Regione: evitato il caos

La Regione però risponde: “Grande affluenza al vaccine day di domenica 5 dicembre in Umbria. Alle ore 17.30, circa due ore prima della chiusura dei centri, sono state somministrate 4.247 dosi, vicini all’obiettivo fissato dal Commissario nazionale Figliuolo che prevedeva per l’Umbria 4390 vaccinazioni”. Poi sull’affluenza si sottolinea: “L’affluenza è stata regolare fino alle ore 13.30 in tutti i centri della regione mentre nel pomeriggio si sono formate alcune code legate al fatto che l’adesione era senza appuntamento. Gli operatori dei punti vaccinali hanno garantito le somministrazioni a tutti, nei limiti delle disponibilità di dosi. Nei casi in cui l’affluenza è stata decisamente superiore alle dosi disponibili, i cittadini sono stati invitati a tornare a casa per evitare inutili attese. In particolare, al punto vaccinale di Terni sono state effettuate 915 somministrazioni, 546 con Moderna e 369 con Pfizer. La Regione ringrazia i cittadini per la grande sensibilità nei confronti della vaccinazione con terza dose e tutti gli operatori impegnati a garantire il corretto svolgimento del vaccine day”. Questo il quadro. 
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi