CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Voto in Umbria, tsunami Lega e macerie Pd: crollo ternano, raffronti con il 2013

Perugia Terni Alta Umbria Assisi Foligno Spoleto Politica Marsciano Todi Deruta Narni Orvieto Amelia Trasimeno Extra

Voto in Umbria, tsunami Lega e macerie Pd: crollo ternano, raffronti con il 2013

Andrea Giuli
Condividi

A.G.

TERNI –  Lo tsunami delle elezioni politiche del 4 marzo (lo scrutinio nazionale si deve ancora completare, mancano poche sezioni, e non tutti i seggi sono attribuiti) ha fatto sostanzialmente tabula rasa anche nella storicamente rossa Umbria. Per la verità più roseè che rossa negli ultimi tempi. Di seguito, analizziamo i dati più importanti nelle maggiori città umbre, raffrontando le performance delle ultime politiche con quelle del 2013.

Sintesi In sintesi, il dato complessivo dell’Umbria, vede il Pd perdere oltre 7 punti rispetto alle precedenti politiche, il M5S lima in meglio il risultato del 2013, Forza Italia perde 8 punti rispetto al Pdl, Fratelli d’Italia cresce del 2%. L’exploit della Lega è impressionante: cresce in 5 anni del 19,5% e aumenta di 100 mila voti. Il raffronto fra le due coalizioni è impietoso: il centrodestra aumenta di 11,5 punti e il centrosinistra ne perde 8. Per non parlare delle sfide nei cinque collegi uninominali: cappotto del centrodestra che li conquista tutti, con distacchi più o meno ampi. Il Pd collassa letteralmente a Terni (-11 % sul 2013), mentre nella stessa città il M5S ottiene il successo più ampio, sfiorando il 30%.

Umbria Basti analizzare i dati salienti e generali registrati nella regione, considerando che 5 anni fa vi era stata una affluenza un po’ più alta (79,5%) contro il 78,2 di oggi è quindi più votanti: nelle 1.005 sezioni umbre il Pd fa segnare il 24,81% dei consensi con 126.856 voti (era al 32,1 nelle politiche del 2013 con 168.726 voti); una perdita cioè di circa 42 mila voti e di oltre 7 punti. Sinistra Ecologia e Libertà aveva il 3,2% (16.772 voti), mentre oggi LeU ha il 2,97% con 15.215 voti. Il Movimento 5 Stelle aveva preso 5 anni fa il 27,2% con 142.959 voti e oggi conquista il 27,5 con 140.731 voti. Sul fronte del centrodestra, la Lega di Salvini fa la parte del leone, come in tutta Italia: prende oggi il 20,15% e 103.056 voti, nel 2013 la Lega Nord ottenne lo 0,6% con 3.081 voti; insomma, 100 mila voti in più e cresce del 19,5%. Forza Italia prende oggi l’11,2% con 57.368 voti, cinque anni fa il Pdl ebbe il 19,4% con 102.329 consensi, quasi dimezzandoli. Fratelli d’Italia ottiene il 4,9% e 25.146 (nel 2013 il 2,8% e 14.563 voti). Noi con l’Italia ha lo 0,5%, Più Europa l’1,9%, Civica Lorenzin 0,4, Insieme 0,37%, Potere al Popolo 1,3, Casa Pound 1,25, Partito Comunista 0,9, Popolo della Famiglia 0,75, Italia agli italiani 0,47, Dieci volte meglio 0,19, Partito Valore Umano 0,18, Partito Repubblicano 0,15.

La coalizione di centrodestra ottiene il 36,8% e 188.072 voti (24,3% cinque anni fa e 127.800 voti) e quella di centrosinistra il 27,5% con 140.665 voti (aveva nel 2013 il 35,5% e 187 mila voti). Al Senato, considerando che non votano gli elettori sotto i 25 anni, i risultati cambiano di pochi decimali per ciascuna forza politica.

Perugia Nel capoluogo regionale (Camera) il Pd ottiene il 26,9% (32% nel 2013, -7 mila voti), la Lega il 17,17% (0,55 nel 2013, + 15 mila voti), Forza Italia il 10,6% (17,2 nel 2013, -7.300 voti  quando era Pdl), Fratelli d’Italia il 6,66% (2,5 nel 2013, + 2.500 voti), M5S 24,17% (25,6 nel 2013, -3.300 voti), Piú Europa 2,85%, LeU 4%, Potere al Popolo 1,73%, Popolo della Famiglia 1,17%, Casa Pound 1,1%. La coalizione di centrosinistra ottiene oggi il 30,84% (37 nel 2013), il centrodestra il 35,1% (22 nel 2013).

Foligno Nella terza città umbra (Camera) il Pd ha il 23,3% (28,3 nel 2013, -2.300 voti), la Lega il 20,26% (0,55 nel 2013, + 6.100 voti), Forza Italia 11,75% (20 nel 2013, -3.000 voti), Fratelli d’Italia 4,5% (3 nel 2013, +400 voti), M5S 28,64% (26,6 nel 2013, -550 voti), Più Europa 1,81%, LeU 3,57% (Sel 4,5 nel 2013, -400 voti), Lorenzin 0,39%, Noi con l’Italia 0,42%, Casa Pound 1,7%, Potere al Popolo 0,86%, Popolo della Famiglia 0,67%, Partito Comunista 0,86%. Il centrosinistra ha raccolto il 25,8 % (33,1 nel 2013), il centrodestra il 36,9% (24,7 nel 2013).

Terni Nel secondo capoluogo umbro (Camera) il Pd prende il 22,2% (33,3 nel 2013, -8.330 voti), la Lega il 18,7% (0,32 nel 2013, +10.800 voti), Forza Italia il 12,2% (19,3% nel 2013 come Pdl, -5.200 voti), Fratelli d’Italia il 5% (2,6% +1.300 voti), M5S 29,8% (26,4 nel 2013, +600 voti), LeU 3,5% (3,5 nel 2013, -200 voti), Più Europa 2%, Lorenzin 0,40%, Insieme 0,24%, Casa Pound 1,6%, Potere al Popolo 1,3%, Noi con l’Italia 0,3%, Popolo della Famiglia 0,83%, Partito Comunista 0,82%, Italia agli italiani 0,35%, Partito Repubblicano 0,34%. Il centrosinistra ha raccolto oggi il 24,9% (nel 2013 il 37,1), il centrodestra il 36,2% (nel 2013 il 24).

Città di Castello Nel più importante centro del Tifernate il Pd ha preso il 26,1% (32,2 nel 2013, -1.845 voti), la Lega il 26%  (1,26 nel 2013, + 5.700 voti), Forza Italia il 10,5% (19,7 nel 2013, -2.400 voti), Fratelli d’Italia il 3,8% (3,8 nel 2013, circa gli stessi voti), Leu il 2% (Sel 2% nel 2013, circa gli stessi voti), M5S 23,8% (27,1% nel 2013, -1.130 voti), Più Europa il 2%, Insieme 0,80%, Lorenzin 0,30%, Potere al Popolo 1,06%, Casa Pound 0,77%, Partito Comunista 0,83%, Popolo della Famiglia 0,63%, Italia agli italiani 0,47%, Il centrosinistra ha raccolto il 29,1% (34,5 nel 2013), il centrodestra il 40,8% (25,8 nel 2013).

 

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere