CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Volley, una Sir Perugia straripante stende Civitanova 3-0

Perugia Pallavolo Sport Extra EVIDENZA2 Città

Volley, una Sir Perugia straripante stende Civitanova 3-0

Redazione sportiva
Condividi

di Raffaello Agea 

CIVITANOVA MARCHE – Nonostante l’assenza di Massimo Colaci, vittima di un risentimento muscolare e per questo tenuto prudenzialmente a riposo, è proprio il caso di dire che oggi la Sir abbia steso al tappeto Civitanova. Potenza, lucidità, errori (quasi) zero e quella dose di cannibalismo che ha caratterizzato nella scorsa stagione le prestazioni della squadra di Bernardi, l’hanno fatta da padrone. E con un Leon in più i marchigiani nulla hanno potuto e sono stati costretti a capitolare.

Scherzetto… senza dolcetto  “Dolcetto o scherzetto?!” recitava oggi lo striscione della nutrita schiera di Sirmaniaci presente all’Eurosuole a sostenere i Block Devils. Alla fine, però, non c’è stato nessun dolcetto per i cucinieri, ma solo uno scherzetto, anzi un amaretto chiamato netta sconfitta. E siccome Halloween è ormai diventata un’occasione per declinare come notte degli spettri quella che precede Ognissanti, forse oggi Civitanova ha visto molti fantasmi. Primo fra tutti FantaLeon, che a partire dall’attacco dei nove metri, con ben 6 aces al suo attivo, ha creato scompiglio nella ricezione avversaria. Alle bordate al servizio del cubano di Perugia, si sono aggiunte quelle di Atanasijevic e Lanza, che sul loro tabellino personale hanno messo rispettivamente 3 e 2 servizi vincenti, per un ragguardevole 11 di squadra, quasi 4 a set! E dire che la partita ha stentato un po’ a decollare, quando nel corso del primo set, pur senza allungare significativamente, la Lube si era trovata in vantaggio, difendendo molto e ricostruendo con successo, senza che il muro di Perugia la impensierisse molto.
E’ il primo time out chiesto da Bernardi a dare una vera scossa al match, quando mister secolo chiama i suoi a difendere con più incisività e a murare con maggiore attenzione.
A quel punto non solo la Sir comincia a difendere come sa, con Piccinelli che ha disputato un’ottima partita anche in ricezione, ma come detto arriva quell’incisività al servizio che è il suo marchio di fabbrica. E ai 3 aces nel parziale di Leon che non sono certo una novità, si aggiungono i 2 di Lanza, del quale si può dire che ormai le incertezze delle prime sortite stagionali siano solo un lontano ricordo. Per la cronaca, che alla fine può sembrare quasi ripetitiva quando il giocatore caraibico va al servizio, è ancora una volta la sua serie a fine frangente a consentire l’allungo decisivo che porterà la Sir sul 23 a 20. La schiacciata in diagonale di Atansijevic vale il 24 a 20 e l’errore di Leal in attacco sull’azione successiv la conquisa del parziale da parte della Sir.
La Sir azzanna ancora la preda e la finisce  Dopo aver ceduto il primo set, la Lube appare ferita e smarrita. I 16 errori collezionati fino a quel punto, di cui 8 al servizio (contro 5 di Perugia, ma senza aces dei marchigiani), danno l’idea della situazione. Medei capisce che contro il servizio di Leon è quasi inutile cercare contromisure, tanto che dice ai suoi uomini di “disinteressarsene”; ma le altre contromisure non sortiscono alcun effetto. E se Perugia era passata a condurre nel conto dei parziali (anche) grazie al servizio di Leon, la seconda frazione si apre proprio con un’altra impressionante serie in battuta dello schiacciatore della Sir, che apre con un ace, consente attacchi vincenti a Lanza e Atanasijevic e porta la sua squadra sul 7 a 2 con un altro ace. Sul viso dei giocatori della Sir si intravede una serafica tranquillità, che è certo il miglior viatico per allontanare il timore di sbagliare e che consente di sfoderare giocate di gran classe.
Tutto funziona alla perfezione: non solo nei colpi d’attacco di palla alta, con il trio Leon-Atanasijevic-Lanza sempre più “oliato” e vincente, ma anche dalle parti dei centrali.
La spinta di Bernardi a difendere tutto non si esaurisce, consentendo una più che incisiva ricostruzione. E siccome il punteggio sarà ampiamente dalla parte della Sir, anche i 7 muri vincenti totali costituiscono una cifra ragguardevole, mentre i 2 di Civitanova appaiono invece del tutto insufficienti. In seconda linea c’è da segnalare la bella prestazione di Piccinelli, al quale i compagni di squadra, come ha riferito Podrascanin a fine incontro, avevano detto che avrebbe disputato la sua migliore partita. Non è il momento di fare bilanci di questo tipo, ma è certo che Piccinelli ha fornito un’ottima prestazione, senza sentire il peso di sostituire un campione come Colaci. Al lavoro di seconda linea contribuiscono in modo decisivo anche Lanza e Leon, senza peraltro indebolire la fase di attacco, tanto che quest’ultimo, da atleta eccezionale quale è, non lesina attacchi vincenti anche dopo ricezioni difficili o difese al limite.
Il secondo e il terzo set finiscono con ampio margine a favore della Sir, che assesta il colpo finale alla Lube senza concedere nulla e senza disattenzioni.

Punto esclamativo per la Sir La prestazione di oggi dei Block Devils vale il punto esclamativo. Probabilmente altre espressioni non renderebbero l’idea, né sarebbe facile descrivere con prosa non celebrativa questa prestazione. Il servizio, come ha affermato Sokolov prima della doccia, ha veramente messo in crisi la Lube. Ma parlare solo di servizio, è forse riduttivo. Quando tutto funziona e quando le bocche da fuoco, schiacciatori, opposto o centrali che siano, mettono a terra tutto e uno come De Cecco, anche quando in difficoltà, serve loro palle più che invitanti, non c’è molto altro da dire.
Anzi sì, qualcosa si può dire. Si può dire che se la Sir continuerà di questo passo, anche con le assenze (Berger operato, Hogendoorn e Colaci acciaccati) non parta battuta con nessuno. Piuttosto parte da favorita. Ultimo ingrediente: questa squadra è ancora in progress e ne vedremo ancora delle belle quando il processo di integrazione, peraltro già avviato su una strada più che buona, sarà completato. E il pane quotidiano di queste squadre sono le sfide di vertice, quasi che è un peccato che non ci siano sempre Civitanova o le altre pretendenti ai titoli di stagione. Così che, archiviate Verona, Trento e Civitanova, il pensiero va sicuramente alla Modena degli ex e delle tante sfide che da tempo non vedono la Sir vittoriosa.
La volta buona, ancora una volta è il caso di dire, potrebbe esser proprio al prossima.

Primo set

Dopo il 2 a 1 per i marchigiani, Leon mette fuori in attacco ed è 3 a 1 per i padroni di casa.
Errore di Atanasijevic al servizio ed è 4 a 2 per la Lube.
Leon mette a terra dalle sue altezze: 4 – 3 Lube.
Anche Leon sbaglia dai nove metri: 5 – 3 Lube.
Attacco da seconda linea di Juantorena: 6 – 3 Lube.
Errore di Sokolov al servizio: 6 – 4 Lube.
Primo tempo out di Cester, ma il videocheck corregge: 7 – 4 Lube.
Juantorena chiude dopo azione lunghissima: 8 – 4 Lube.
Servizio out di Leal: 8 – 5 Lube.
Sokolov mette a terra ed è 9 – 5 Lube.
Servizio out di Cester: 9 – 6 Lube.
Ace di Lanza sull’angolo di posto 5: 9 – 7 Lube.
Mani out di Leon e Perugia è a – 1: 9 – 8 Lube.
Non passa Juantorena ed è parità: 9 – 9.
Lanza sbaglia in battuta, ma anche Bruno ed è ancora parità: 10 – 10.
Primo tempo vincente di Simon: 11 – 10 Lube.
Leal trova un buon mani out: 12 – 10 Lube.
Leon trova un diagonale strettissimo: 12 – 11 Lube.
Primo tempo vincente di Simon: 13 – 11 Lube.
Simon mette fuori il servizio: 13 – 12 Lube.
Ace di Leon (131 km/h): 13 pari.
Errore del cubano della Sir al servizio: 14 – 13 Lube.
Anche Sokolov sbaglia in battuta: 14 pari.
Atanasijevic murato: 15 – 14 Lube.
Errore di Sokolov in attacco: 15 pari.
Sokolov insacca tra muro e rete: 16 – 15 Lube.
Primo attacco al centro della Sir con Podrascanin: 16 pari.
Ace di Lanza e la Sir passa in vantaggio: 17 – 16.
Pareggi Sokolov: 17 – 17.
Primo tempo vincente di Podrascanin: 18 – 17 Sir.
Simon: primo tempo vincente ed è di nuovo parità (18 – 18).
Juantorena sbaglia al servizio: 19 – 18 Sir.
Sokolov appoggia sul muri ritardando il colpo: 19 pari.
Muro vincente di Cester su Leon: 20 – 19 Lube.
Pareggia ancora Leon: 20 – 20.
Ace di Leon: 21 – 20.
Attacco vincente di Atanasijevic dopo servizio potentissimo di Leon: 22 – 20 Sir.
Ace di Leon: 23 – 20 Sir.
Errore di Leon al servizio, ma la Sir è ancora a + 2: 23 – 21 Sir.
D’Hulst trova un ace con l’aiuto del nastro: 23 – 22 Sir.
Atansijevic porta la Sir al set point: 24 – 22.
Attacco out di Leal, il videocheck dice che non c’è tocco: 25 – 22 Sir.

Secondo set

Invasione di Ricci ed è 1 a 0 per la Lube.
Muro vincente di Atanasijevic su Leon: 1 pari.
Muro out della Sir: 2 – 1 Lube.
2 pari dopo l’errore di Simon dai nove metri.
Ace di Leon, il videocheck conferma: 3 – 2 Sir.
Dopo una pipe salvata su Leon Sokolov, tocca la palla due volte ed è 4 – 2 Sir.
Atanasijevic mette a terra in diagonale: 5 – 2 Sir.
Lanza d’astuzia appoggia dietro il muro: 6 – 2 Sir.
Ace di Leon: 7 – 2 Sir.
Juantorena accorcia: 7 – 3 Sir.
Primo tempo di Ricci: 8 – 3 Sir.
Leal accorcia ancora: 8 – 4 Sir.
Primo tempo out di Cester: 9 – 4 Sir.
Attacco vincente di Juantorena in parallela: 9 – 5 Sir.
Diagonale vincente di Sokolov: 9 – 6 Sir.
Juantorena trova un ottimo mani out e la Lube è a – 2: 9 – 7 Sir.
Stavolta il diagonale stretto di Juantorena è out: 10 – 7 Sir.
Errore di Lanza al servizio: 10 – 8 Sir.
Leon attacca da fermo sopra il muro: 11 – 8 Sir.
Primo tempo di Simon murato: 12 – 8 Sir.
Atanasijevic mura Sokolov: 13 – 8 Sir.
Ancora Leon altissimo sopra il muro dopo salvataggio di De Cecco: 14 – 8 Sir.
Pipe vincente di Leal: 14 – 9 Sir.
Errore di Juantorena al servizio: 15 – 9 Sir.
Ace di Atanssijevic: 16 – 9 Sir.
Raddoppia l’ace Atanasiejevic: 17 – 9 Sir.
Attacco vincente di Leal: 17 – 10 Sir.
Bagher vincente a filo rete di Ricci dopo azione confusa: 18 – 10 Sir.
Leal mette a terra per il 18 – 11 Sir.
Invasione della Lube su attacco di lanza: 19 – 11 Sir.
Cantagalli attacca con successo da posto 4: 19 – 12 Sir.
Attacco out di Lanza in parallela: 19 – 13 Sir.
Errore di Leal al servizio: 20 – 13 Sir.
Primo tempo dietro di Bruno per Cester: 20 – 14 Sir.
Mani out di Atanasijevic da posto 4: 21 – 14.
Errore al servizio di Della Lunga: 21 – 15 Sir.
Errore al servizio di Cantagalli: 22 – 15 Sir.
Juantorena chiude in attacco sui due metri: 22 – 16 Sir.
Atanssijevic mette a terra ed è 23 – 16 Sir.
Ace di Atanasijevic e per la Sir ci sono 8 set point sul 24 a 16.
Attacco out di Cantagalli e la Sir conquista il secondo set: 25 – 16.

Terzo set

Invasione di Juantorena e primo punto per la Sir.
Muro vincente di Ricci su Simon: 2 – 0 Sir.
Pipe vincente di Leal: 2 – 1 Sir.
Leon altissimo per il 3 a 1 Sir.
Atanasijevic spedisce fuori il servizio: 3 – 2 Sir.
Leon attacca in parallela, il videocheck (chiamato dal primo arbitro conferma): 4 – 2 Sir.
Atanasijevic attacca out, ma nell’azione successiva mette a terra: 5 – 3 Sir.
Mani out su De Cecco su attacco di Leal: 5 – 4 Sir.
Ace di Sokolov: 5 pari.
Pesta la linea Sokolov al servizio: 6 – 5 Sir.
Pipe di Juantorena su free ball: 6 pari.
Pipe di Leal murata da Podrascanin: 7 – 6 Sir.
Bagher di Piccinelli e chiusura di Leon: 8 – 6 Sir.
Stavolta la pipe di Leal è vincente: 8 – 7 Sir.
Chiude ancora Leon: 9 – 7 Sir.
Mani out vincente di Sokolov: 9 – 8 Sir.
Errore di Bruno al servizio: 10 – 8 Sir.
Anche Atansijevic sbaglia dai nove metri: 10 – 9 Sir.
Leon riceve e attacca: 11 – 9 Sir.
Errore di Leon al servizio: 11 – 10 Sir.
Atanasijevic trova gli ultimi centimetri del muro e la palla finisce fuori: 12 – 10 Sir.
Invasione aerea della Sir dopo azione confusa: 12 – 11 Sir.
Attacco vincente di Lanza: 13 – 11 Sir.
Leon e Lanza si ostacolano e la Lube torna a – 1: 13 – 12 Sir.
Errore di Leal e Lanza al servizio: 14 – 13 Sir.
Primo tempo vincente di Podrascanin: 15 – 13 Sir.
Muro vincente Sir su primo tempo di Simon: 16 – 13 Sir.
Juantorena vincente dopo ottime difese dei suoi: 16 – 14 Sir.
Doppio attacco di Leon, il secondo è vincente: 17 – 14 Sir.
Errore di Atansijevic al servizio: 17 – 15 Sir.
Pallonetto vincente di Leon: 18 – 15 Sir.
Muro vincente di Ricci dopo servizio incisivo di Leon: 19 – 15 Sir.
Ace di Leon che abbatte Balaso: 20 – 15 Sir.
Leon mette in rete il servizio. 20 – 16 Sir.
Errore di Lanza su palla alzata in bagher di Atanasijevic che ruba la palla a De Cecco: 20 – 17 Sir.
Atanasijevic mette a terra tra muro e rete: 21 – 17 Sir.
Lanza da fermo molto preciso mette a terra: 22 – 17 Sir.
Sokolov trova un mani out: 22 – 18 Sir.
Servizio out di D’Hulst: 23 – 18 Sir.
Podrascanin mura con successo Cantagalli e per la Sir ci sono 6 match point (24 – 18).
Leon mette a terra una pipe potentissima e consegna ai suoi il set (25 – 18) e la vittoria.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 0-3 (22-25, 16-25, 18-25)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Bruno, Sokolov 9, Cester 2, Simon 3, Juantorena 9, Leal 10, Balaso (libero), D’Hulst 1, Cantagalli 1, Massari, Diamantini 2, Stankovic. N.e.: Marchisio (libero), Sander. All. Medei, vice all. Camperi.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco, Atanasijevic 13, Podrascanin 5, Ricci 5, Leon 21, Lanza 7, Piccinelli (libero), Seif, Galassi, Della Lunga. N.e.: Gabriele. All. Bernardi, vice all Fontana.

ARBITRI: Luca Sobrero – Giuliano Venturi

LE CIFRE – CIVITANOVA: 16 b.s., 2 ace, 42% ric. pos., 15% ric. prf., 46% att., 2 muri. PERUGIA: 14 b.s., 11 ace, 36% ric. pos., 17% ric. prf., 52% att., 7 muri.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere