CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Volley, una Sir Perugia formato cometa natalizia scintillante batte Milano 3 a 0 ed è campione d’inverno

Perugia Pallavolo Sport Città

Volley, una Sir Perugia formato cometa natalizia scintillante batte Milano 3 a 0 ed è campione d’inverno

Redazione sportiva
Condividi

Sir Safety Conad Perugia - Revivre Axopower Milano / 13ª giornata di andata, Campionato Italiano di Pallavolo Maschile SuperLega Credem Banca presso PalaBarton Perugia IT, 23 dicembre 2018. Foto: Michele Benda per LegaVolley [riferimento file: 2018-12-23/DSC_9695]

di Raffaello Agea

Perugia – Tempo di strenne natalizie anche in Superlega e per i tifosi del volley.

In un PalaBarton con la curva dei Sirmaniaci addobbata ad albero di Natale, per i tifosi della Sir stasera miglior regalo non sarebbe potuto venire.

Brilla una cometa che illumina gli spalti e il taraflex: è la stella della Sir, che regolando 3 a 0 Milano, si regala il titolo di campione d’inverno.

Tanto per restare in tema di astri, gioco stellare e risultato mai in discussione per gli uomini di Bernardi, che largheggiano nello score in tutti i parziali.

Potenza e controllo fin dall’inizio

“La potenza è nulla senza controllo”, recitava qualche anno fa lo spot di una nota marca di pneumatici che aveva quale testimonial d’eccezione il “figlio del vento”, al secolo Carl Lewis.

Che la Sir stasera abbia dimostrato per l’ennesima volta la sua consistenza, potrebbe essere cosa scontata. L’attacco, come i numeri dimostrano con eloquenza e senza necessità di commenti, è stato straripante, ma sempre sotto controllo, facendo sempre le cose giuste al momento giusto.

Controllo che non è mancato nemmeno in avvio, quando velenose battute jump flot di un cliente scomodo come Kozamernik, hanno creato qualche difficoltà, soprattutto a Leon, scontato dirlo costantemente bersagliato dal servizio avversario con il chiaro scopo di limitarlo in attacco.

E sono proprio due colpi dai nove metri del centrale sloveno di Milano a mettere in difficoltà il cubano e a mandare i meneghini sul 2 a 0.

Ma la squadra di Bernardi controlla subito la piccola sbandata. Ci pensa Atanasijevic: prima in attacco e poi con il primo dei suoi quattro aces totali, il serbo mette subito in chiaro come stanno le cose. Leon firma il sorpasso mettendo a terra da posto 4 e Atanasijevic sigla il suo secondo ace per i punti che valgono il sorpasso (4 – 2).

Milano ci prova con i suoi uomini miglior. Ma Nimir, anche se già rientrato da qualche tempo, non è certo quello dell’anno scorso. Clevenot cerca concretezza, ma il 38% di squadra in attacco è troppo poco al cospetto della mole di gioco che sviluppa la Sir.

I padroni di casa allungano in modo decisivo (20 – 12) e alla fine, pur ricevendo ben 10 volte, Leon aggiusta le cose in seconda linea. De Cecco distribuisce sia in banda, sia verso posto 2 e i suoi attaccanti di palla alta andranno a segno 11 volte, con 5 centri a testa per Atanasijevic e lo stesso Leon, che varranno il definitivo 25 a 20.

Ancora a velocità supersonica

Partenza a razzo della Sir nel secondo set.

Due aces consecutivi di Atanasijevic valgono il primo break (4 – 1). Ace di Leon, attacco di Atanasijevic dopo un servizio del caraibico e ancora ace dello stesso Leon (128 km/h), per l’ulteriore allungo che porterà la Sir sul 10 a 2.

In pratica il parziale finisce lì, perché anche se Leon soffrirà ancora in ricezione (prendendo anche ace da Nimir), in seconda linea si registrerà la crescita di Lanza (con un 50% di positiva e un 25% di perfetta che non sono niente male).

I frutti si vedranno in attacco, non solo con i punti dei centrali (3 di Podrascanin e 2 di Galassi), ma anche con l’apporto di Lanza (2 i centri per lui) e di Leon (che aggiungerà 4 punti al suo bottino personale).

Ma il vero mattatore del frangente sarà Atanasijevic, implacabile in attacco; non tanto per i 4 punti messi a segno nel corso del parziale, quanto per l’estrema precisione e potenza che lo porteranno al 100% dalla prima linea.

Milano è costretta a forzare al servizio e nonostante si riavvicini un po’, sarà proprio un errore di Nimir dai nove metri a consegnare il set a Perugia (25 – 20).

Nel terzo parziale va in scena lo spettacolo.

La Sir è ormai padrona del campo e sembra quasi che i suoi vogliano affettare subito il panettone che li aspetta nei prossimi giorni.

Non ci saranno aces, quasi a voler dimostrare che i Block Devils possono anche fare a meno di punti diretti con questo colpo.

Ma certo l’85% in attacco è una cifra da capogiro anche se riferita alla sola terza frazione.

Con l’aggiunta di 3 muri vincenti e di appena 3 errori, sarebbe addirittura noioso tentare di dare un’idea dell’andamento del punteggio.

Special mention, ma soprattutto meritatissimo titolo di MVP per Atanasijevic: 4 aces, il 72% in attacco e 13 centri in attacco (con soli 3 errori) sono una delizia per gli occhi di tutti, non solo per quelli di fede perugina.

Il tutto vale il punto esclamativo del 25 a 13 di punteggio finale e la conquista dei 3 punti.

Un Natale sorridente

Il Natale è la festa della famiglia e della condivisione. Ma per la squadra di patron Sirci a rendere ancora più dolce la natività c’è una  vittoria maturata in modo molto più che convincente, frutto di una prestazione di assoluto livello.

Una vittoria che vale il titolo di campione d’inverno e che, grazie alla vitoria di Trento “solo” al tie break in quel di Monza (che ha avuto un match point e che ha veramente “rischiato” di vincere …), vale anche un piccolo allungo (+2) sui diretti inseguitori.

Dunque più che giustificata la gioiosa festa a fine partita, con tutti i Block Devils ad indossare il berretto rosso di Babbo Natale e a far festa insieme ai Sirmaniaci che poco prima avevano indossato lo stesso copricapo.

Per dirla all’anglosassone, Merry Christmas from Block Devils e appuntamento al giorno di Santo Stefano, quando sarà ancora Natale, ma ci sarà da giocare in trasferta contro Latina. Perché la Superlega non conosce pause e perché il pubblico del volley aspetta solo di rivedere i propri beniamini lottare in campo.

Primo set

Si parte con Kozamernink al servizio e il primo punto è per Milano.
Raddoppia Nimir in attacco: 2 – 0 Milano.
Atanasijevic, block out ed è: 2 – 1 Milano.
Ace dell’opposto serbo: 2 – 2.
Leon a terra su palla difficile: 3 – 2 Sir.
Ancora ace di Atanasijevic: 4 – 2 Sir.
Errore di Atanasijevic dai nove metri: 4 – 3 Sir.
Leon potentissimo, block out ed è 5 – 3 Sir.
Errore di Leon al servizio: 5 – 4 Sir.
Out il servizio di Maar: 6 – 4 Sir.
Leon da seconda linea a terra: 7 – 4 Sir.
Invasione a rete di Piano: 8 – 4 Sir.
Attacco di Nimir out: 9 – 5 Sir.
Galassi difende, ma Milano attacca con sucecsso: 9 – 5 Sir.
Primo tempo vincente di Podrascanin: 10 – 5 Sir.
Block out di Atanasijevic: 11 – 5 Sir.
Maar trova un mani out: 11 – 6 Sir.
Invasione sotto rete di Milano: 12 – 6 Sir.
Out il servizio di Lanza, ma anche quello di Clevenot e poi quello di Podrascanin: 13 – 8 Sir.
Mani out di Leon, che riporta la Sir a + 5: 14 – 9.
Nimir a segno in attacco, poi sbaglia al servizio: 15 – 10 Sir.
Galassi a segno in primo tempo: 16 – 11 Sir.
Atanasijevic vincente in attacco: 17 – 11 Sir.
Nimir murato: 18 – 11 Sir.
Piano a segno dal centro: 18 – 12 Sir.
Lanza a segno in mani out: 19 – 12 Sir.
Attacco di Clevenot out: 20 – 12 Sir.
Kozamernik mette a terra dal centro: 20 – 13 Sir.
Ace di Sbertoli su Leon, che poi sbaglia dai nove metri: 21 – 14 Sir.
Basic trova un mani out: 21 – 16 Sir.
Errori di Clevenot Podrascanin al servzio: 22 – 17 Sir.
Leon gira la palla dietro il muro: 23 – 17 Sir.
Nimir attacca con successo: 23 – 18 Sir.
Servizio potente di Nimir, attacco out di Atanasijevic: 23 – 18 Sir.
Out il servizio di Nimir: 24 – 19 Sir.
Errore di Leon al servizio: 24 – 20 Sir.
E’ out il servizio di Basic e Perugia conquista il primo set: 25 – 20.

Secondo set

Monster block di Galassi sul primo tempo: 1 – 0 Sir.
Pareggia Nimir: 1 -1.
Atanasijevic, block out ed è 2 – 1 Sir.
Due aces consecutivi dell’opposto serbo: 4 – 1 Sir.
Piano “spizzica” dal centro e mette fuori tempo il muro: 4 – 2 Sir.
Non passa Basic da posto 4: 5 – 2 Sir.
Ace di Leon dopo primo tempo vincente di Galassi: 8 – 2 Sir.
Colaci difende sulla parallela di Nimir e Atanasijevic chiude in attacco: 9 – 2 Sir.
Ace di Leon su posto 5 (128 km/h): 10 – 2 Sir.
Mani out di Lanza dopo errore del cubano al servizio: 11 – 3 Sir.
Muro vincente di Lanza: 12 – 3 Sir.
Leon murato su palla difficile: 12 – 4 Sir.
A segno Podrascanin dal centro: 13 – 4 Sir.
Leon pestala linea dei tre metri in attacco da seconda linea: 13 – 5 Sir.
Ancora Podrascanin dal centro: 14 – 5 Sir.
Leon murato, ma Perugia è ancora avanti di 8: 14 – 6.
Ace di Clevenot, che poi mette fuori dai nove metri: 15 – 7 Sir.
Primo tempo vincente di Kozamernik: 15 – 8 Sir.
Errore di Kozamernik al servizio: 16 – 9 Sir.
Leon appoggia a terra senza muro: 17 – 9 Sir.
Basic a segno in attacco: 17 – 10 Sir.
Mani out di Leon, ma il videocheck smentisce: 17 – 11 Sir.
Ace di Nimir su Leon: 17 – 12 Sir.
Leon potentissimo a segno: 18 – 12 Sir.
Accorcia Milano in attacco (18 – 13), ma poi mette fuori il servizio: 19 – 13 Sir.
Milano ancora a – 5: 19 – 14 Sir.
Errore di Lanza in attacco: 19 – 15 Sir.
Atamasijevic di classe su palla difficile mette a terra: 20 – 15 Sir.
Podrasacanin in attacco riporta la Sir a + 5: 21 – 16.
Servizio out di Lanza, ace di Hirsch: 22 – 18 Sir.
Hirsch sbaglia al servizio: 23 – 18 Sir.
Hoag subentrato a Podrascanin pesta la linea al servizio: 23 – 19 Sit.
Atanasijevic porta la Sir al set point: 24 – 19.
Basic annulla la prima palla set in attacco: 24 – 20.
Errore di Nimir al servizio e secondo set a Perugia: 25 – 20.

Terzo set

Squadre punto a punto nei primi scambi: 3 – 3.
Atanasijevic in attacco porta la Sir sul 6 – 3.
Out la battuta di Sbertoli, ma il videocheck smentisce ed è 6 – 5 Sir.
Nimir murato e la Sir si riporta a + 3: 8 – 5.
Errore di Lanza al servizio: 8 – 6 Sir.
Pipe vincente di Lanza: 9 – 6 Sir.
Galassi a segno in primo tempo: 10 – 6 Sir.
Invasione aerea di Galassi: 10 – 7 Sir.
Atanasijevic chiude sui tre metri in parallela: 11 – 7 Sir.
Leon, mani out ed è 12 – 8 Sir.
Mani out anche per Basic, che poi mette fuori il servizio: 13 – 9 Sir.
Attacco vincente di Nimir: 13 – 10 Sir.
Atanasijevic ancora a terra sulla parallela: 14 – 10 Sir.
Il nastro porta fuori la conclusione di Nimir: 15 – 10 Sir.
Muro vincente di Podrascanin su Nimir: 16 – 10 Sir.
Difesa di De Cecco che diventa un attacco imprendibile: 17 – 10 Sir.
Out il servizio di Sbertoli: 18 – 11 Sir.
Della Lunga difende e Atanasijevic chiude: 19 – 11 Sir.
Clevenot chiude in attacco, ma sbaglia al servizio: 20 – 12 Sir.
Basic a segno in attacco: 20 – 13 Sir.
Atanasijevic ancora vincente in attacco due volte consecutive: 22 – 13 Sir.
Out l’attacco di Basic: 23 – 13 Sir.
La palla tocca l’asta sulla difesa di Milano ed è match point: 24 – 13
Ancora out l’attacco di Basic e il match è di Perugia: 25 – 13.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – REVIVRE AXOPOWER MILANO 3-0 (25-20, 25-20, 25-13)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 17, Podrascanin 5, Galassi 5, Leon 11, Lanza 6, Colaci (libero), Della Lunga, Seif, Piccinelli, Hoag. N.e.: Bucciarelli, Hoogendoord. All. Bernardi, vice all. Fontana.

REVIVRE AXOPOWER MILANO: Sbertoli 2, AbdelAziz 7, Piano 4, Kozamernik 5, Maar, Clevenot 7, Pesaresi (libero), Basic 8, Hirsch 1. N.e.: Hoffer (libero), Izzo, Gironi, Bossi. All. Giani, vice all. De Cecco.

Arbitri: Massimo Florian – Gianfranco Piperata

LE CIFRE – PERUGIA: 12 b.s., 6 ace, 36% ric. pos., 28% ric. prf., 60% att., 6 muri. MILANO: 19 b.s., 5 ace, 30% ric. pos., 16% ric. prf., 38% att., 2 muri