CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Volley, una Sir Perugia d’autore stende Ravenna in 3 set

Perugia Pallavolo Sport Città

Volley, una Sir Perugia d’autore stende Ravenna in 3 set

Redazione sportiva
Condividi

di Raffaello Agea

Perugia – Rimpolpata la classifica con le ultime due vittorie di sostanza, in casa Sir c’era bisogno di allungare ancora. Il quarto posto con 16 punti in cascina, raffrontato alla classifica alla stessa giornata delle due stagioni passate, suona un po’ magro. Però, viste le incertezze e le necessità di assestamento palesate nelle prime giornate e al netto della parentesi Supercoppa, quel magro avrebbe potuto essere addirittura scheletrico. Forse il vero esame di questo scorcio di stagione, proprio in vista dei big match con Trento e Modena e in attesa dei primi turni di Champions League, quando all’impegno fisico si aggiungerà quello chilometrico delle lunghe trasferte, era proprio il match casalingo contro Ravenna.

Appena qualche giorno fa i romagnoli avevano fatto paura anche alla schiacciasassi Lube, costringendola al tie break. E dalle dichiarazioni del prepartita c’era da stare certi che la squadra di coach Bonitta sarebbe scesa in campo più che agguerrita.

Partenza bruciante Sir

C’è ancora Hoogendoorn in campo per Perugia, mentre al centro è Russo a sostituire l’indisponibile Ricci. Confermato il resto della formazione, così come per i romagnoli è confermato il sestetto titolare. Leon è scatenato negli scambi iniziali e conduce i suoi subito sul 4 a 1, con 3 attacchi che portano il suo marchio di fabbrica. Si fa sentire anche Hoogendoorn, che con l’attacco in diagonale porta la Sir a + 4 (6 – 2). Bonitta ferma il gioco per vederci chiaro, ma i padroni di casa mantengono il distacco con Podrascanin dal centro (8 – 4), poi allungando ancora con il tocco di Lanza sulle mani del muro (9 – 4). Ace di Hoogendoorn millimetrico verso zona 1, che raddoppia al fischio successivo (13 – 5). Funziona anche il muro per i padroni di casa, con Russo che firma quello vincente del 14 – 7. Mantiene il vantaggio la Sir con il primo tempo di Podrascanin (17 – 10). L’attacco di Ravenna non va e sugli errori di Ter Hoorst e Cortesia, Perugia si porta a + 9 (20 – 11). Ace anche per Lanza (23 – 13) e poi per Russo, che chiude il parziale (25 – 14).

Acceleratore sempre giù

Si riparte da dove era iniziato il primo set, con Leon ancora scatenato che porta Perugia sul 3 a 1. Ravenna non ci sta e con la complicità di qualche sbavatura in casa Sir, agguanta la parità (5 – 5). Leon sbroglia da seconda linea con palla che viene da dietro e riporta la Sir a + 2 (8 – 6). Ancora parità (9 – 9), ma un più che positivo Hoogendoorn firma il sorpasso (10 – 9), con Podrascanin dal centro a dire + 2 (11 – 9). Evans ci crede per i suoi, ma non basta: il muro di Podrascanin riporta la Sir a + 2 (15 – 13). Free ball chiusa da Russo in primo tempo dopo la ricezione problematica di Ravenna, con il centrale che si ripete sull’azione successiva ed è + 4 Sir (19 – 15). Perugia a sul 23 a 18 con l’ennesimo attacco di Hoogendoorn, con il videocheck che conferma il tocco dell’asta dopo quello del muro. Muro vincente su Evans, tocchetto di Leon sul muro che frutta un mani out e il set è di Perugia (25 – 18).

Scatta ancora la squadra di Heynen all’inizio del terzo set: l’ace di Lanza e i tapin di Russo e De Cecco valgono il 7 – 2. Evans cerca di trascinare i suoi, ma viene fermato a muro da Podrascanin (9 – 5). Ravenna non molla e l’ace di Lavia, seppur con l’aiuto del nastro, riporta gli ospiti a – 2 (11 – 9). Time out Heynen, reset e attacco vincente di Hoogendoorn per il 12 – 9. Ravenna si riporta sotto con un tapin vincente di Lavia su incertezza in difesa della Sir (15 – 14) e il tecnico di casa spende il suo secondo time out. Scava il solco la Sir con il turno al servizio di Leon, che consente agevoli attacchi dei suoi (18 – 14). Poi ci pensa ancora Hoogendoorn a mantenere il + 4 con il suo pregevole attacco in diagonale (20 – 16). Non cade nulla dalla parte di Perugia, con Colaci a comandare la retroguardia e Leon a chiudere in attacco (22 – 17). Match point Perugia con il muro di Russo su Recine (24 – 17). Chiude la partita il mani out di Plotnytskyi (25 – 17)

Misura trovata 

Perugia trova, o ritrova, ma alla fine è lo stesso, gioco e prestazioni personali. In altri tempi un’assenza così prolungata di Atanasijevic avrebbe messo in allarme tutto l’ambiente. Ma il sostituto naturale dell’opposto serbo, “Stark” Hoogendoorn, per ora non ha fatto rimpiangere il titolare. L’olandese stasera ha messo a referto 14 punti (con due aces) ed è risultato non solo best scorer dei suoi e della partita, ma soprattutto MVP. Un riconoscimento che il giocatore ha meritato ampiamente. Non solo per quello che ha fatto in campo in questo scorcio di stagione, ma perché si è sempre fatto trovare pronto. 

Il resto lo fanno i soliti, a partire da un Leon che sembra aver trovato la misura che aveva un po’ stentato a trovare al suo arrivo alla corte di patron Sirci. Anche il reparto dei centrali, con Russo che al pari non ha fatto rimpiangere l’infortunato Ricci, ha funzionato alla perfezione. 

Completa il quadro la caparbietà della seconda linea, con il collegamento muro-difesa che a prescindere dai 7 block vincenti è l’ulteriore marcia in più che fa andare questa Sir.

Alla fine, quindi, misura trovata e testa ai prossimi impegni. 

Con una certezza in più: che anche una squadra ben attrezzata come Ravenna non può impensierire questa Perugia. Anche la Perugia delle seconde linee di lusso.

 SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Russo 9, Leon 13, Lanza 7, Hoogendoorn 14, Colaci (L), Podrascanin 8, Zhukouski, Plotnytskyi 1. N.e.: Piccinelli, Ricci, Atanasijevic, Taht, Biglino. All. Heynen, vice all Fontana.

CONSAR RAVENNA: Lavia 7, Saitta, Cortesia 3, Vernon-Evans 9, Ter Horst 8, Grozdanov 2, Stefani, Recine 3, Bortolozzo 4, Alonso, Batak, Kovacic (L). N.e.: Marchini, Cavuto. All. Bomitta, vice all. Greco.

 Arbitri: Alessandro Tanasi, Roberto Boris

I numeri

PERUGIA: b.s. 8,  5 ace, 59% ric. pos., 12% ric. prf., 54% att., 7 muri.

RAVENNA: b.s. 11, 1 ace,  34% ric. pos., 17% ric. prf.,  45% att., 4muri.