CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Volley, Sir imprendibile: messo in cassaforte il primato in regular

Perugia Cronaca e Attualità Città

Volley, Sir imprendibile: messo in cassaforte il primato in regular

Redazione sportiva
Condividi

di Raffaello Agea

PERUGIA – Tre è il numero considerato perfetto da Pitagora e dai suoi seguaci, come perfetta è stata fino ad oggi la stagione della Sir Safety Conad Perugia. Tutto quello che c’era da conquistare gli uomini di Bernardi lo hanno conquistato: Supercoppa, Coppa Italia e primo posto in regular season con due giornate di anticipo. Il tutto con 33 vittorie su 35 disputate.

Un ruolino davvero impressionante, alimentato da una convinzione nei propri mezzi, da solidità mentale e gioco ad altissimo livello che certo non erano mancati nemmeno in passato, ma che in questa stagione sono stati suggellati da una continuità altrettanto impressionante.

La partita di questa sera, però, quella della Sir, è cominciata con una mezz’ora di ritardo. Un guasto all’impianto di illuminazione, un problema sugli spalti, la necessità di sostituire un arbitro? Niente di tutto questo. Molto più semplicemente, Latina è scesa in campo regolarmente alle 20:30, i Block Devils lo hanno fatto solo dopo la fine del primo set.

Sì, perché il primo parziale a favore dei pontini, senza nulla togliere alla loro prestazione, è frutto di una serie di errori della Sir (13 in totale, di cui 5 in attacco, 3 in ricezione e 5 al servizio) veramente inspiegabili; tanto che non si può nemmeno cercare un vero colpevole, giocatore, allenatore o schema che sia. A salvarsi nel primo frangente è forse solo Berger, che pur mettendo a segno solo 3 punti ottiene un ottimo 75% in attacco, segno evidente che lo schiacciatore austriaco, preferito a Russell anche in chiave gestione risorse fisiche, è in forma smagliante, tanto che poi risulterà meritatamente MVP.

Bernardi intuisce subito come si tratti solo di resettare, cosa che a metà del game lo convince a richiamare in panchina anche Atanasijevic, sostituendolo con Andric, per poi farlo rientrare sul finale.

A partire dal secondo set, con Anzani subentrato a Podrascanin a formare la coppia di centrali (insieme a Ricci già in campo al fischio di inizio), si vede la Sir incontenibile che è stata capace di collezionare la lunga serie di vittorie che l’hanno resa prima attrice del volley nostrano ed internazionale: 76% in attacco (con 16 punti), 85% di ricezione positiva, 9 punti in fase break, 3 muri punto ed un ace. Con 20 punti conquistati per meriti propri, anche i 5 mancanti per la conquista del set, pur attribuiti ad errori di Latina, suonano più come errori forzati.

Rimesso il conto dei set in parità, anche nella terza frazione Perugia parte all’arrembaggio ed allunga in modo consistente, fino al 17 a 10 in suo favore. A quel punto coach Di Pinto gioca la carta Ishikawa, che qualche problema lo aveva creato anche all’andata. Il giapponese mette a segno un’ottima serie al servizio, permettendo ai suoi di contrattaccare con efficacia e di riportarsi sotto fino al 21 a 20 in favore dei padroni di casa. Ma la Sir non si scompone, anzi è proprio in queste situazioni che riesce a giocare con la massima attenzione. E lo fa con Zaytsev che dall’alto della sua esperienza non chiude il colpo, con l’attacco al centro che viene innescato con precisione e con Atanasijevic che mette a segno un ace portando i suoi sul 2 a 1.

Il quarto set è accademia. I numeri sono in pratica gli stessi del secondo parziale, ma gli ingredienti che rendono deliziosa la pietanza sono l’estrema varietà dei colpi e delle situazioni di gioco, con la sapiente polverina magica di Bernardi che coinvolge sempre anche le seconde linee: da Della Lunga per il turno di sevizio al posto del centrale per la ricerca della potenza, da Siirila utilizzato quando il mister preferisce invece una jump flot dai nove metri; fino a Shaw per il muro e Andric nel ruolo di opposto. Il parziale finisce con un significativo 25 a 10, che la dice tutta su quanto si siano divertiti i ragazzi sul taraflex e su quanto abbiano fatto divertire il pubblico.

Atanasijevic, Berger e Zaytsev in doppia cifra (rispettivamente 18, 15 e 16 punti per loro), con i due martelli perugini mattatori della ricezione e con Colaci stratosferico in difesa sono l’ulteriore suggello insieme al lavoro dei centrali ed ai muri vincenti (ben 13) equamente suddivisi tra tutti.

Ed è proprio Berger, che seppur meno utilizzato si fa sempre trovare pronto quando serve che si aggiudica il riconoscimento di giocatore della serata grazie. Cosa che gli spetta di diritto anche in virtù della classifica di rendimento in attacco, che lo vede in testa con  un sonoro quanto rotondo 87%.

Sulle note degli ultimi punti, poi, i Sirmaniaci spingono tutto il pubblico ad intonare il motivetto che ormai può dirsi definitivo: “salutate la capolista”!

Che dire di più? Saluti e chapeau ad un Sir che per almeno due giornate, quelle rimanenti alla fine della stagione regolare, può godersi sul campo questo ambito ed importante titolo.

Primo set Sir in campo con il sextet base, ma con Berger al posto di Russell e Ricci al centro al posto di Anzani. Latina con la formazione tipo.
Atanasijevic mette a segno l’1 pari, dopo il primo punto per Latina di Maruotti.
Dopo alcuni errori al sevizio da ambo le parti il punteggio è sul 5 a 3 per Latina.
Time out di Perugia dopo un errore di Atanasijevic in attacco che porta Latina sul 7 a 3.
Tocco di seconda intenzione di De Cecco: 7 a 4 Latina.
Muro tetto di Podrascanin che porta Perugia sul 8 a 6 in favore di Latina.
Zaytsev d’astuzia chiude tra posto 1 e 2 del campo dei laziali: 8 a 7 Latina.
Attacco out di Starovic: 8 pari.
Starovic riporta in vantaggio Latina con un abuona parallela che il muro di Perugia non riesce a contenere: 12 – 10 per i pontini.
Latina di nuovo a + 3 con Maruotti: 14 – 11.
Atanasijevic murato con Latina sempre a + 3: 16 – 13. Bernardi sostituisce l’opposto serbo con Andric, ma Latina è sempre in vantaggio: 17 – 13.
Nonostante un eccellente tuffo di Berger che tenta un salvataggio, Latina è sempre avanti: 19 – 14.
Servizio out di Zaytsev: 21 – 15 Latina.
Errore di Podrascanin al servizio e 24 – 16, con Latina che chiude il set alla prima occasione con un attacco out di Atanasijevc (25 – 16).

Secondo set Anzani in campo al posto di Podrascanin. Apre lo Zar con una pipe vincente: 1 a 0 Sir.
3 pari dopo un muro vincente di Latina su Zaytsev.
Zaytsev: 2 punti consecutivi dello Zar in attacco ed è 6 – 4 Sir.
Attacco out di Savani e primo allungo di Perugia sull’8 a 4 in suo favore.
Perugia sempre in vantaggio (12 – 7), dopo una pipe di Zaytsev.
Ace di Atanasijevic e massimo vantaggio Sir: 14 – 7.
Torna anche il muro a fare punto per Perugia: 15 – 7.
Berger da posto 4 e Perugia vola sul 16 a 8.
Muro vincente di Zaytsev ed è 17 a 9 Sir. Esce Ricci ed entra Della Lunga che tenta un ervizio corto che non sorprende la ricezione di Latina (17 – 10).
Anzani a segno per il 18 – 11 Sir.
Zaytsev palleggia per Atanasijevic che mette un pallonetto morbido sopra il muro di latina: 20 – 12 Sir.
Ricci dal centro mette a terra ed è 22 a 15 per Perugia. Entra Shaw per De cecco.
Set point Perugia sul 24 a 16 per Perugia: chiude Ricci con un muro vincente (25 – 16).

Terzo set La Sir parte con un attacco vincente di Berger: 1 – 0.
3 – 1 Sir dopo un tapin di Atanasijevic.
Ancora pipe dello Zar: 4 a 2 Sir.
Berger altissimo spara sul muro di latina e la palla finisce in tribuna: 5 – 3 Sir.
Sottile prova di seconda intenzione, ma De Cecco è attentissimo e spedisce la palla a terra dall’altra parte: 7 – 3 Sir.
Berger scatenato, dopo un ottimo servizio chiude in pipe: 8 a 3 Sir.
Il tocco di seconda improvviso riesce a De Cecco per l’11 a 5 per Perugia.
Ace di Zaytsev, potente (115 km/h) e preciso verso posto1: 14 a 6 Sir.
Starovic murato da Ricci: 16 – 9 Sir.
Sul 17 – 10 per la Sir entra Shaw per De Cecco.
Ishikawa entrato nelle file di Latina mette a segno una buona serie al servizio e Latina si riporta sotto (18 – 14 Sir).
Latina a – 1: è sempre il giapponese che incide al servizio (18 – 17), non consentendo contrattacchi di Perugia.
Torna ad allungare Perugia (20 – 17), dopo un errore al servizio di Ishikawa ed un attacco sulla rete degli ospiti.
Pipe di Zaytsev difesa da Latina, con Starovic che contrattacca e porta i suoi sul 21 a 20.
Tocco a muro di latina su attacco di Zaytsev confermato dal videocheck: 23 – 20 Sir.
Primo tempo di Ricci che porta Perugia al set point (24 – 21).
Chiude un ace di Atanasijevic (25 – 21).

Quarto set Si parte in equilibrio, con Atanasijevic che firma il 2 pari e poi va al servizio sparando un ace in zona posto 1 (3 – 2 Sir).
Ancora Atanasijevic incide al servizio e poi chiude da seconda linea: 4 – 2 Sir.
Le Goff mette a terra un palla vagante sopra il nastro dopo ricezione lunga di Perugia: 4 pari.
Muro vincente di Ricci e Perugia è di nuovo a + 2: 6 – 4.
Atanasijevic difende e poi mette a terra: 8 a 5 Sir.
Zaytsev chiude in tapin dopo difese di Perugia all’ultimo respiro: 11 – 6 Sir.
Vola la Sir che con un muro vincente di Atansijevic va sul 15 a 8 in suo favore.
Vola ancora Perugia con Della Lunga che mette a segno un ace (107 km/h) e si porta sul 18 a 8.
Due muri vincenti consecutivi di Shaw portano Perugia sul 21 a 19.
Tapin di Berger dopo sevizio con effetto maligno di Andric (23 – 9 Sir).
Ancora Berger morbido sopra il muro di Latina Perugia è ad un punto dalla conquista della regular season.
Si chiude sul 25 a 10 con un errore di Latina ed il Palevangelisti esplode.

(A breve il servizio completo dell’incontro)