CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Volley, Perugia fa un sol boccone di Tonno Callipo: battuta anche Vibo Valentia con un nettissimo 3-0

Perugia Pallavolo Sport Città

Volley, Perugia fa un sol boccone di Tonno Callipo: battuta anche Vibo Valentia con un nettissimo 3-0

Redazione sportiva
Condividi

di Raffaello Agea 

PERUGIA – Se qualcuno ha parlato di cannibalismo riferendosi a come Lorenzo Bernardi vuole che la sua squadra affronti ogni avversario, anche quello sulla carta più debole, stasera ha avuto la riprova di come “Mister Secolo” abbia trasmesso questo atteggiamento ai suoi giocatori.

E se dall’altra parte c’erano tonni, Perugia è stata la creatura marina in cima alla catena alimentare del mare-taraflex del Palaevangelisti. Perugia è stata l’orca che in mare non lascia scampo alle sue prede; anzi, che prima di dare il colpo di grazia, sembra volerci giocare.

Il cetaceo bianconero Sir, con Ricci al posto di Anzani al fischio d’inizio, mette subito le cose in chiaro con il servizio; ed è proprio un ace di Atanasijevic ad inizio della frazione iniziale, a dare il primo segnale dell’aggressività. Il muro dei Block Devils, quando chiamato, fa la sua parte, soprattutto toccando per la ricostruzione. Ma i veri numeri vengono dall’attacco, non solo con l’opposto serbo, ma anche con uno scatenato Zaytsev, che nonostante sia costantemente impegnato in ricezione e faccia numeri in seconda linea (7 palloni, nessun errore, 71% di positiva e 43% di perfetta sono cifre che meritano un punto esclamativo di dimensioni non reperibili sulla tastiera), mette a terra 4 volte. Completa il quadro un positivissimo Ricci, che senza macchiarsi di errori, di palloni ne mette giù 4 (compreso un muro). Il controllo del gioco è sempre totale ed alla fine il 25 a 20 del primo game in favore della Sir, non rende nemmeno l’idea della superiorità.

La preda che ha sentito i denti di chi la sta azzannando, di solito reagisce: e Vibo lo fa ad inizio del secondo set, quando mette in campo il massimo sforzo. Alla ripresa del gioco, però, sale in cattedra Atanasijevic, che mette a segno 5 punti, con un eccellente 71% in attacco. Normale per uno come lui, mentre a far riflettere i prossimi avversari, o meglio a creare qualche grattacapo, sono le percentuali degli altri in attacco: 100% per tutti!

A metà della secondo parziale, poi, una poderosa serie al servizio di Russell, che la mette prima tra posto 1 e posto 2 creando non pochi problemi alla ricezione avversaria e poi con un ace in posto 5, consente alla Sir di allungare ancora.

Uno Zar formato olimpico con due ace consecutivi nel finale, il secondo dei quali a ben 124 km/h (!), consente ai suoi di avere ben 9 set point e di chiudere 25 a 18.

Ancora massimo sforzo dei calabresi in avvio del terzo parziale, ma con un attacco che gira in modo fantastico grazie alle poesie di De Cecco al palleggio ed al “cannibalismo” dei suoi terminali offensivi, non ce n’è per nessuno, tanto che alla fine non c’è neanche bisogno di murare (gli 8 muri vincenti della Sir, che sono certo un altro numero ragguardevole, sono equamente distribuiti nei primi due giochi).

Il set finale, che finisce con il punteggio di 25 a 21 per la Sir, consegna al tabellino una percentuale in attacco del 64% quanto alla squadra, con tutti i titolari ben sopra al 50% e con Ricci e Podrascanin che si mantengono sul 100% (!) come in quelli precedenti.

E come è ormai consuetudine, tranne Anzani tenuto prudenzialmente a riposo, tutti hanno il loro spazio in campo: dagli ormai consueti cambi Della Lunga (un ace per lui) per il centrale di turno per incidere al servizio e Shaw per De Cecco (con finalità muro) sul finire di ogni set, scendono in campo anche Siirila (che ha giocato tutto il terzo frangente mettendo a segno ben 5 punti), Berger (1 punto), Andric (2 punti) e Cesarini (autore di un paio di pregevolissime difese e ricezioni).

Tutti si divertono, perché quando una squadra gioca con questo piglio e con questa autorevolezza, si può sorridere sugli errori banali, ma soprattutto si concedono al pubblico giocate di alta scuola, a partire dai palloni di estrema difficoltà in attacco, alle difese acrobatiche, comprese quelle di piede, agli ace di precisione uniti a quelli di potenza, ai muri che sembrano muraglie, ai palleggi che sembrano aerei telecomandati sulle mani dell’attaccante di turno.  

MVP Ivan Zaytsev: meritatamente, ma senza nulla togliere agli altri. Riconoscimento frutto di attacchi degni del martello di Thor (con 12 punti in cascina), ma anche del paziente e preziosissimo lavoro in seconda linea, che insieme al servizio significano forza mentale, maturità, trans agonistica e freddezza al tempo stesso. Una vittoria da festeggiare? Sì, ma solo sotto la doccia, perché oggi è già domani, perché sabato ci sarà un’altra sfida decisiva in chiave classifica. Ci sarà la Lube, che certamente arriverà a Perugia con il coltello tra i denti e con il desiderio di “vendicare” le recenti sconfitte nelle finali delle coppe vinte dalla Sir.

Primo set Sir in campo con Ricci al posto di Anzani al centro. Vibo con la formazione tipo, ovviamente senza Antonov che ha lasciato la squadra per andare a giocare all’estero.
Al servizio Vibo con Lecat che mette a segno un ace: 1 a 0.
Podrascanin pareggia: 1 – 1.
Ricci dal centro riporta in pareggio Perugia: 2 – 2.
Verhees murato da Russell: 3 a 2 Sir.
Ace di Atanasijevic ed è 4 a 2 per la Sir.
Ricci dopo una buonissima difesa di Perugia: 5 a 2 Sir.
Russell da posto 4: 6 a 3 Sir.
Grande difesa di Colaci e chiusura di Atanasijevic: 7 a 3 Sir.
Verhees sbaglia al servizio ed è 9 a 5 per la Sir.
Muro vincente di Podrascanin: 10 a 6 Sir.
Pipe vincente di Zaytsev ed è 11 a 7 per la Sir.
Ricci affetta dal centro e la mette giù: 12 a 8 Sir.
Atanasijevic dopo un’ottima ricezione di Perugia: 13 a 9 Sir.
Ancora Atanasijevic per il 14 a 10 Sir.
Verhees murato da Podrascanin: 15 a 10 Sir. Vibo chiama time out.
Zaytsev potentissimo sulle mani del muro con palla che finisce in tribuna: 16 q 11 Sir.
Muro dello Zar ed è 18 a 11 per la Sir. Nuovo time out chiesto da Vibo.
Siirila in campo al posto di Ricci. Zaytsev ancora potentissimo sul muro: 20 a 12 Sir.
Siirila dal centro a segno: 21 a 12 Sir.
Atanasijevic porta Perugia sul 22 a 14. In campo Berger per Russell.
Entra anche Shaw per alzare il muro di Perugia, ma Vibo recupera qualche punto e si porta sul 23 a 19.
Berger: attacco vincente e set point (24 – 19).
Chiude Ricci dal centro: 25 a 20 per Perugia.

Secondo set Vibo parte bene grazie ad un paio di errori di Perugia: 2 a 0 per gli ospiti.
Patch trova un mani out ed è 3 a 1 per i calabresi.
Attacco in parallela di Atanasijevic ed è 3 a 2 per Vibo.
Ricci chiude una free ball: 4 pari.
Muro vincente di Zaytsev e Perugia è in vantaggio: 5 – 4.
Atanasijevic riporta in vangtaggio la Sir: 6 a 5.
Muro vincente in concorso tra Podrascanin e De Cecco: 7 a 5 Sir.
Ancora un muro vincente di Podrascanin, ma il videocheck corregge per un tocco della rete dei giocatori della Sir: 9 a 8 Perugia.
Russell di precisione morbido sopra il muro: 11 a 9 Sir.
Ace di Patch ed è parità: 11 – 11.
Atanasijevic chiude ancora in parallela (violentissima) ed è 13 a 12 Sir.
Di nuovo Atanasijevi riporta Perugia a + 3: 15 – 12.
De Cecco per un altro muro vincente di Perugia: 16 a 12 Sir.
Ricci chiude un’altra free ball dopo un servizio molto incisivo di Russell in posto 1: 17 a 12 Sir.
Ace di Russell, stavolta in posto 5: 18 a 12 Sir.
Ancora Russell fantastico al servizio, poi chiude Atanasijevic dopo un salvataggio dei suoi di Colaci: 19 a 12 Sir. Entra Shaw per De Cecco, poi Berger per Russell.
Zaytsev da posto 4 inesorabile: 20 a 13 Sir. Della Lunga in campo per Ricci e Siirlila per Podrascanin. Rientra Ricci sul 20 a 14 per la Sir.
Siirila potente sul muro di Vibo con palla che esce a fondo campo: 21 a 14 Sir.
Ancora Siirila dal centro per il 22 a 15.
Esce Atanasijevic ed entra Andric. Anche Cesarini in campo per Colaci.
Ace di Zaytsev: 23 a 15 Sir.
Raddoppia l’ace lo Zar (124 km/h): 24 a 15.
Errore di Vibo al servizio e set a Perugia: 25 a 16.

Terzo set Russell porta subito in vantaggio Perugia, con Siirila che rimane in campo: 1 a 0.
Atansiijevic per il 2 pari.
Poi l’opposto serbo viene murato ed è 3 a 2 per Vibo.
Siirila riporta Perugia sotto di 1 dopo qualche buona azione di Vibo: 5 – 6.
Ace di Coscione su servizio jump flot ed è 8 a 6 per Vibo.
Zaytsev potente da posto 2: 8 a 7 Vibo.
Ace di Siirila: 9 pari.
Dopo un bellissimo scambio con salvataggi ripetuti della Sir (anche di piede, da terra, di De Cecco), chiude l’attacco di Vibo: 11 a 10 per i calabresi.
Zaytsev con un attacco no look mette a terra in parallela da posto 4: 13 a 12 Sir.
Atansijevic per il 14 a 12 e poi (dopo il timeout di Vibo) per il 15 a 12.
Terzo punto consecutivo di Atanasijevic: 16 a 13 Sir.
Esce Ricci per Della Lunga che beffa la ricezione di Vibo con un servizio corto: ace e 17 a 13 Perugia.
Zaytsev mette giù una palla difficilissima da posto 4 chiudendo sui 3 metri in diagonale: 18 a 13 Sir.
Ace di De Cecco e Perugia vola sul 20 a 14. Il capitano di Perugia sostituito da Shaw come da Copione alla fine dei parziali (per il muro).
Atanasijevic schiaccia su palla che Vibo tenta di rimettere dall’altra parte: 21 a 15.
Cesarini (entrato per Colaci) riceve in modo delizioso e Andric (subentrato ad Atansijevic) chiude: 22 a 16.
Vibo recupera qualche punto, ma la Sir è in controllo e dopo un errore al sevizio degli avversari ha 4 match point (24 – 20).
Chiude Andric: 25 a 21.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-0 (25-20, 25-18, 25-21)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 3, Atanasijevic 16, Podrascanin 5, Ricci
7, Zaytsev 12, Russell 6, Colaci (libero), Siirila 5, Berger 1, Shaw, Della
Lunga 1, Andric 2, Cesarini (libero). N.e.: Anzani. All. Bernardi, vice all
Fontana.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Coscione 2, Patch 7, Verhees 4, Costa
8, Massari 5, Lecat 3, Marra (libero), Izzo, Domagala 7, Corrado 1, Presta
3. N.e.: Torchia. All. Fronckoviak, vice all. Valentini.

Arbitri: Marco Zavater – Bruno Frapiccini

LE CIFRE – PERUGIA: 13 b.s., 7 ace, 59% ric. pos., 41% ric. prf., 65% att.,
8 muri. VIBO VALENTIA: 12 b.s., 6 ace, 50% ric. pos., 18% ric. prf., 43%
att., 4 muri.

Prossimo