CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Volley, la Sir va avanti e chiude in bellezza il 2017: 1-3 a Padova

Perugia Pallavolo Sport Extra EVIDENZA2 Città

Volley, la Sir va avanti e chiude in bellezza il 2017: 1-3 a Padova

Redazione sportiva
Condividi

di Raffaello Agea

PADOVA – Perugia supera anche gli esami di fine anno e può brindare all’anno nuovo dall’alto della classifica. Non era un vero e proprio esame di maturità, perché come a scuola, quello ci sarà a fine stagione. Però alla fine di questo trimestre di gioco, gli uomini di Bernardi non solo hanno mantenuto la prima posizione della regular season, ma hanno messo in campo una prestazione che ha il significato di concentrazione, presenza, ma soprattutto di livello di gioco ben sopra la media.

E la cosa non era proprio facile, perché se appena quattro giorni fa Padova aveva fatto sua l’intera posta in gioco in quel di Modena, per rimanere in testa i Block Devils non potevano concedersi nessuna distrazione.

I precedenti dell’inizio stagione ormai in archivio (con le due nette vittorie consecutive della Sir in terra umbra), non erano proprio significativi per la sfida odierna, che vedeva i padroni di casa ben più attrezzati rispetto a qualche mese fa.

A dire il vero alcune distrazioni della Sir, insieme agli innegabili meriti dei padroni di casa, anche se durate poco più di un set, in realtà ci sono state.

La squadra di mister Baldovin sa bene che deve aggredire la preda e che non la deve mollare. Cosa che riesce a fare egregiamente nel corso del primo parziale, quando il suo muro funziona alla perfezione. Un muro che, quando non è vincente, consente ai patavini di ricostruire e di mettere a terra diversi palloni con i terminali offensivi. Il muro di Perugia, invece, così come il servizio, latita un po’; e nonostante i padroni di casa non allunghino mai veramente (4 punti il loro massimo vantaggio), sul finale del set è proprio il servizio della Kioene a tenere a distanza gli ospiti.

Qualche volta è Atanasijevic a risolvere queste situazioni, ma all’inizio il serbo non sembra in una delle sue serate migliori, tanto che ad un certo punto Bernardi gli concede un po’ di respiro facendo entrare Andric.

Con la prima frazione in cascina, Padova torna in campo con la convinzione di potercela fare. Ed è forse con il morale alto che, grazie anche a tre aces e ad al muro che continua a funzionare, resta avanti per buona parte del secondo set. Ma Bernardi non si scompone e chiede ai suoi giocatori di non chiudere i colpi in attacco e di ricostruire con pazienza. Probabilmente è proprio un salvataggio di Russell sugli schermi dei computer della postazione Rai poi trasformato in punto – preceduto dai fondamentali che erano mancati fino a quel momento (un ace di Zaytsev ed un muro vincente di Atanasijevic) – a far girare la partita. E’ il punto del 21 pari ed è da quel momento che si comincia a rivedere la squadra cinica che molte volte “ha ucciso” le partite in questo scorcio di stagione: servizio dinamite di Atanasijevic che costringe Balaso all’errore in palleggio, muro vincente e 25 a 22 per Perugia.

Nel terzo game sembrerebbe ristabilirsi l’equilibrio, ma la sensazione è nettamente quella di una Sir tornata su livelli di gioco  molto alti. A metà terzo set c’è lo strappo che Padova non riuscirà più a ricucire, con tutti i colpi dei perugini che vanno a meraviglia, da tutte le parti del campo e con tutti gli uomini. Il punteggio è eloquente: 25 a 15 in favore di De Ceco e soci.

E’ Podrascanin a consentire subito un allungo dei suoi già all’inizio del quarto gioco, ma non dalla prima linea: quattro aces del Potke in un lunghissimo turno di servizio (7 volte dai 9 metri) portano Perugia a + 10 (11 a 1).

Gli oltre 4.200 sugli spalti, tra i quali il solito nutrito gruppo di Sirmaniaci, potrebbero dire di aver già visto la fine del film, perché a quel punto Padova getta la spugna, mentre Bernardi continua ad incitare la sua squadra a continuare a lottare come se ogni punto fosse il match point ai vantaggi di un tie break. Ed ha ragione, perché al netto dell’atteggiamento remissivo degli avversari, la Sir sfodera una grande prestazione anche quando il punteggio è totalmente sotto controllo.

Ancora una volta è il punteggio a parlare: 25 a 14.

Fuochi d’artificio per festeggiare l’arrivo del 2018? Meglio parlare di una batteria di pezzi di artiglieria che ha sparato all’unisono, perché a prescindere dalle eccellenti prestazioni personali e dalle percentuali, quando la prima linea viaggia con questi numeri (Atanasijevic e Zaytsev 16, Podrascanin 15, Russell 12, Anzani 8), non c’è bisogno di stare in trincea.

E siccome la trincea logora, meglio sparare in questo modo e meglio continuare a farlo in vista di quegli esami di fine anno che non sono poi così lontani come sembra.

Primo set Si parte con Nelli al servizio per Padova che mette a segno un ace: 1 a 0 per i padroni di casa. Pallonetto dello Zar ed è 2 a 1 per Padova. Ancora Zaytsev che costringe all’invasione gli avversari: 3 a 2 per Padova. Primo tempo di Podrascanin: 4 a 3 per Padova. Travica al servizio per i patavini: la palla muore sul nastro e cade dalla parte di Perugia (6 a 4 per Padova. Tapin di Russell dopo un servizio potente di Atanasjevic: 8 a 7 per la Sir. Muro di Volpato su Russell: 10 a 8 per Padova. Bernardi chiama time out sull’11 a 8 per Kioene. Servizio fuori di un soffio di Russell ed è 13 a 9 per Padova. Zaytsev prima da posto 2 in attacco e poi con un ace: 15 a 13 per i padroni di casa. Il muro di Padova sembra fare la differenza, ma è quello di Perugia che riporta i Block Devils a – 3 (17 a 14 per Kioene). Andric entra al posto di Atanasijevic. Lunga pausa per un problema di referto elettronico sul 18 a 14 per Padova. De Cecco di seconda intenzione viene murato e Padova ottiene il massimo vantaggio: 18 a 15. Rientra Atanasijevic per Andric. Russell recupera un punto e poi Zaytsev su un gran recupero di De Cecco: 21 a 17 per Padova. Randazzo mette a segno un ace ed è 23 a 17 per i padroni di casa. Atanasijevic per il 23 a 18. Zaytsev la mette giù nonostante un’invasione aerea di Padova non rilevata: 23 a 19 per Padova. Pipe di Russell che annulla un set point: 24 a 20 per Padova. Chiude il set Cirovic con un attacco vincente: 25 a 20 per Padova.

Secondo set Muro di Podrascanin: 1 a 0 per Perugia.
Russell strettissimo da posto 4: 2 a 1 Sir.
Ace di Randazzo all’incrocio delle righe di posto 1: 3 a 1 per Padova.
Perugia si riporta a – 1 con un pallonetto di seconda di De Cecco (5 – 4).
Atanasijevic potentissimo in attacco: 7 a 6 per Padova.
Nelli sbaglia in attacco e Perugia pareggia: 7 a 7.
Ace di Polo per Padova che si porta sul 9 a 7 in suo favore.
Time out chiesto da Bernardi sul 10 a 7 per Padova.
Primo tempo di Podrascanin per il 10 a 8.
Ace di Nelli: 12 a 8 per Padova.
Atanasijevic buca il muro di Padova: 13 a 10 per Padova.
Ancora Atanasijevic incide al servizio e costringe all’errore Padova: 13 a 12 per i veneti.
Pipe di Randazzo murata da Anzani, ma c’è invasione del centrale perugino: 14 a 12 per Padova.
Atanasijevic in attacco per il 14 a 13.
Primo tempo di Anzani: 15 a 14 per Padova.
Errore di Cirovic in attacco: 15 pari.
Zaytev murato ed è 18 a 15 per Padova.
Zaytsev attacca con successo e poi mette a segno un ace: 19 a 18 per Padova.
Errore al servizio di Nelli, ma Padova è ancora a + 2 (21 a 19).
Dopo un alunga azione con più muri da ambo le parti, la mette giù Anzani e riporta Perugia a – 1 (21 a 20 per Kioene).
Muro di Atanasijevic dopo un salvataggio di Russell sulla postazione Rai: 21 pari.
Perugia in vantaggio 22 a 21 dopo un ace di Podrascanin con palla che danza sul nastro e cade dalla parte di Padova.
Doppia di Balaso dopo un sevizio al fulmicotone di Atanasijevic e 2 set point per la Sir: 24 a 22.
Muro vincente dei Block Devils e secondo set in favore di Perugia (25 a 22).

Terzo set Si parte in equilibrio (4 – 4), poi è De Cecco che alza in bagher dal tavolo degli ufficiali di gara e Atanasijevic attacca con successo portando in vantaggio Perugia sul 5 a 4.
Zaytsev spinge una palla in modo vincente ed è 8 pari.
Pallonetto di Atansijevic che cade a terra per la nuova parità (8 – 8).
Russell trova spazio in mezzo al muro di Padova ed è di nuovo parità (9 – 9).
Ace di Atanasijevic: 10 a 9.
Anche Russell è vincente al servizio con palla che cade sull’angolo di posto 5: 12 a 10 per Perugia.
Salvataggio di piede di Zaytsev in autocopertura e primo tempo di Anzani: 14 a 10 per la Sir.
Muro vincente di De Cecco su Cirovic ed è massimo vantaggio Sir: 16 a 11.
Rusell da posto 2 dopo un paio di salvataggi: 17 a 11 per Perugia.
Ancora muro vincente di Podrascanin: 19 a 11 per gli umbri.
Zaytsev vincente da posto 4: 20 a 12 Sir.
Ace di De Cecco: 21 a 12.
Ancora Zaytsev strettissimo da posto 4: 22 a 13 per Perugia.
Muro tetto di Perugia ed è 23 a 14 per la Sir.
Perugia chiude sul 25 a 15 con Russell in attacco.

Quarto set Si comincia con un ace dello Zar: 1 a 0 Perugia.
Cirovic sbaglia da posto 4: 2 a 2.
Muro vincente di Atanasijevic, che si porta sul 4 a 2 in suo favore.
Ace di Podrascanin per il 5 a 2.
Ancora ace del centrale serbo di Perugia ed è 6 a 1 Sir.
Terzo ace nel set di Podrascanin: 8 a 1 Perugia.
Muro vincente della Sir: 9 a 1.
Quarto ace di Podrascanin in questo set: 10 a 1.
Muro vincente di Perugia: 11 a 1.
Atanasijevic mette a segno un altro attacco vincente: 12 a 2 per la Sir.
Padova recupera qualche punto e si porta a – 7 (12 a 5 Sir).
Primo tempo di Anzani: 13 a 5 Perugia.
Ace di Nelli ed è 13 a 7 per gli ospiti.
Zaytsev riceve sopra la testa di De Cecco e poi attacca con successo da posto 4 in parallela: 15 a 7 per la Sir.
Randazzo sabglia al servizio ed è 18 a 7 per la Sir.
Ancora primo tempo vincente di Podrascanin: 17 a 8 per Perugia.
20 a 10 per la Sir dopo un primo tempo vincente di Polo per padova.
Atanasijevic per il + 11 Perugia (21 a 10).
Tapin di Anzani: 22 a 20 per Perugia.
Anzani in primo tempo e ci sono 12 set point per Perugia: 24 a 22.
Padova recupera 2 punti, ma poi chiude Russell sul 25 a 14.

KIOENE PADOVA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3 Parziali: 25-20, 22-25, 15-25, 14-25

KIOENE PADOVA: Travica 2, Nelli 14, Polo 7, Volpato 8, Cirovic 3, Randazzo 18, Balaso (libero), Premovic, Koprivica 3, Scanferla. N.e.: Peslac, Gozzo, Sperandio. All. Baldovin, vice all. Baldon.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 3, Atanasijevic 16, Podrascanin 15, Anzani 8, Zaytsev 16, Russell 12, Colaci (libero), Andric, Della Lunga, Shaw, Cesarini. N.e.: Berger, Siirila. All. Bernardi, vice all Fontana.

Arbitri: Fabrizio Pasquali – Stefano Cesare

LE CIFRE – PADOVA: 12 b.s., 7 ace, 38% ric. pos., 20% ric. prf., 38% att., 12 muri. PERUGIA: 14 b.s., 12 ace, 37% ric. pos., 15% ric. prf., 48% att., 13 muri.