CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Volley, Champions League: strepitosa Sir: passa a Belgorod e si qualifica per la final four

Calcio Perugia Pallavolo

Volley, Champions League: strepitosa Sir: passa a Belgorod e si qualifica per la final four

Redazione sportiva
Condividi

Belgorod- Sir Sicoma Colussi Perugia 2-3

Parziali: 19-25, 25-16, 26-24, 17-25, 11-15

BELOGORIE BELGOROD: Marlon 2, Zhigalov 17, Muserskiy 15, Smolyar 6, Khtey 10, Tetyukhin 16, Martynyuk (libero), Danilov 5, Poroshin 1, Iereshchenko. N.e.: Fomenko, Podlesnyhin, Kovyryaev (libero), Snegirev. All. Kosarev, vice all. Bogomolov.

SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA: De Cecco 4, Atanasijevic 16, Buti, Podrascanin 7, Berger 17, Russell 16, Bari (libero), Mitic, Della Lunga, Birarelli 6, Chernokozhev. N.e.: Franceschini. All. Bernardi, vice all Fontana.

Arbitri: Yuri Bakunovich (BLR) – Jorg Kellenberger (GER)

LE CIFRE – BELGOROD: 22 b.s., 6 ace, 45% ric. pos., 28% ric. prf., 50% att., 13 muri. PERUGIA: 15 b.s., 5 ace, 43% ric. pos., 26% ric. prf., 51% att., 3 muri.

BELGOROD – La Sir Safety Perugia vince (quarto successo di fila) e stacca il biglietto per la final four di Champions League del Palalottomatica di Roma in anticipo. Alla Sir sono però occorsi cinque set per avere ragione dei tostissimi russi. Bernardi fra l’altro era privo di Ivan Zaytsev e Federico Tosi rimasti a Perugia a a lavorare con l’assistente allenatore Caponeri e con il preparatore atletico Guazzaloca. I padroni di casa dal canto loro presentavano all’esordio il brasiliano Marlon in regia e con Obmochaev nel ruolo di libero.

La chiave. Perugia se l’è giocata a viso aperto, in alcuni frangenti commettendo qualche errore di troppo in attacco, sciupando nel terzo set tre set point consecutivi, ma non mollando mai ed alla lunga dimostrando una solidità tecnica che ha mandato in tilt il Belgorod, formazione dalle qualità fisiche impressionanti ma meno compatta dei Block Devils. Ottimo De Cecco.  Il regista argentino ha deliziato la platea dello Sports Palace Cosmos con alzate di classe pura e con diverse “genialate” (tra cui un primo tempo perfetto in bagher) che hanno mandato più volte gli attaccanti bianconeri ad attaccare con il muro scomposto. 49 i punti totali dei tre schiacciatori di palla alta di Perugia. Atanasijevic, Berger e Russell se li sono equamente suddivisi con Bernardi che, partito con Buti, ha trovato poi energia dal positivo ingresso dal terzo set di capitan Birarelli (per il centrale marchigiano anche un pesantissimo muro su Muserskiy).

Brava Perugia a tenere a bada proprio il colosso russo ed eccellente la reazione dopo aver perso incredibilmente la terza frazione (dal 21-24 al 26-24 con Tetyukhin determinante). Lì la squadra poteva accusare il contraccolpo psicologico, ma Bernardi evidentemente ha saputo trovare la corde giuste perché da lì in avanti i Block Devils non si sono più fermati.

Il match. Buti al centro, Bari libero e Berger in posto quattro in coppia con Russell sono le novità bianconere in campo al via. Il primo set è un vero e proprio inno all’equilibrio con Perugia che prende un minibreak di vantaggio e lo porta fino al secondo timeout tecnico (14-16). Il primo tempo di Podrascanin e poi i quattro tocchi nella meta campo russa portano a +4 i Block Devils (16-20). Lo smash di Russell avvicina Perugia alla conquista del parziale (17-23). Atanasijevic esplode la diagonale del set point (19-24) e sempre l’opposto serbo chiude ancora in diagonale (19-25).

Reazione del Belgorod nel secondo set complici anche tre errori in attacco del bianconeri (6-2). Zhigalov mette a terra l’attacco dell’8-3 che porta alla prima sospensione obbligatoria. I Block Devils riorganizzano il cambio palla, ma i padroni di casa spingono forte dai nove metri e con il primo tempo di Muserskiy si portano a +6 (15-9). L’ingresso di Danilov al servizio propizia l’ulteriore allungo russo (22-15). L’ace di Zhigalov porta il Belgorod al set point (24-16). Chiude il maniout di Tetyukhin (25-16).

C’è Birarelli in campo per Buti nel terzo set. Ma la musica iniziale la suona Tetyukhin (3-1). Il sorpasso bianconero è opera di de Cecco, abile sotto rete (5-6). Perugia però è troppo fallosa in attacco ed i russi nel approfittano (9-7). Russell e Berger si scuotono e la Sir Sicoma Colussi mette di nuovo il naso avanti (10-11). Prosegue l’altalena con i padroni di casa 14-13 dopo l’errore di Atanasijevic. Altro errore in attacco di Perugia (20-17). Bernardi inserisce Mitic al servizio ed il serbo trova la serie che consente ai Block Devils il sorpasso con il murone di Birarelli su Muserskiy (20-22). Incomprensione nella metà campo russa e la Sir Sicoma Colussi arriva al set point (21-24). Tetyukhin (attacco ed ace) ed il muro su Atanasijevic portano il set ai vantaggi (24-24). Berger spara out (25-24). Un altro ace di Tetyukhin chiude incredibilmente il set in favore dei padroni di casa (26-24).

Il parziale perso sembra non intaccare il morale bianconero con Perugia protagonista di un buon avvio (4-6). Ace di De Cecco (5-8). Ace anche per Berger (6-11) e poi primo tempo vincente di Birarelli (7-13). Trova continuità in attacco anche Atanasijevic (10-16). Khtey prova a scuotere i suoi (13-17), ma Birarelli non è da meno e piazza due primi tempi vincenti (16-21). Il maniout di Berger porta i Block Devils al set point (17-24). Khtey spara out e si va al tie break (17-25).

Grande equilibrio in avvio con Berger che trova il punto del 3-4. Fuori Zhigalov (5-7). Ace di Podrascanin (6-9), ma poi muro di Muserskiy (8-9). Pipe vincente di Russell (9-12). Berger porta la Sir Sicoma Colussi al match point (11-14). L’ace di De Cecco fa partire la festa bianconera! (11-15).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere