CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Volley, a Kazan la Sir Perugia sale sul podio della Champions

Perugia Pallavolo Sport Extra EVIDENZA2 Città

Volley, a Kazan la Sir Perugia sale sul podio della Champions

Redazione sportiva
Condividi

di Raffaello Agea 

Kazan (Russia) – Prima di rientrare nelle scuderie perugine, il cavallo di razza Sir ha impennato per l’ultima volta. Nella stagione dei trofei e dei record, non poteva mancare un’ultima piccola soddisfazione: salire comunque sul podio della Champions League 2018.

Nella final four romana di un anno fa, nonostante la miglior posizione, il podio era stato molto più amaro di quello di oggi, perché il secondo posto dietro i russi del Kazan era arrivato con la bacheca dei trofei ancora vuota.

Quest’anno invece, nella cabala dei Block Devils campeggia il numero tre: tre vittorie a livello nazionale e terzo posto nella massima competizione continentale per club.

L’ultimo tre, scontato dirlo, la squadra di Bernardi lo avrebbe evitato volentieri. Ma salire su quel podio, oltre che una vetrina molto importante, avrebbe significato un ultimo abbraccio tra un fantastico gruppo di giocatori, da vivere insieme allo stesso Bernardi, oltre che con tutto lo staff della squadra e il vulcanico presidente Sirci, anche se molto impegnato a lanciare gli ultimi inequivocabili segnali dell’acquisto di Leon.

Però per aggiudicarsi il bronzo e salire sul podio, oggi c’era da disputare una partita, ma soprattutto c’era da vincerla. Cosa non certo facile dopo la delusione della netta sconfitta contro i padroni di casa, anzitutto per trovare la giusta motivazione e il giusto atteggiamento in campo.

Le difficoltà sono così emerse da subito, tanto che all’inizio la Sir, più che di un cavallo di razza, ha avuto le sembianze di ronzino affaticato, desideroso solo di un po’ di biada e di riposo.

Nel primo set la Sir, che pure si era allenata con intensità nella mattinata, praticamente rimane negli spogliatoi, rendendo vita facile ai polacchi, costantemente in vantaggio ben sopra il break. Il servizio di Perugia non è mai incisivo, il muro serve solo agli avversari per i colpi di mani out, la ricostruzione latita e la ricezione soffre molto. Finisce con un eloquente 25 a 17 per lo Zaksa, che ritrova soprattutto l’opposto Torres, autore di un’ottima prestazione in attacco.

Il secondo set consegna ai campioni d’Italia percentuali migliori in tutte le situazioni di gioco, ma nonostante la Sir sia stabilmente in vantaggio, non c’è un allungo decisivo. Anzi, Torres e il giovanissimo schiacciatore Szymura portano lo Zaksa a potersi giocare due set point sul 24 a 22 in loro favore. Shaw annulla il secondo dei set point con un attacco da posto 4 degno dei migliori attaccanti; e anche se i polacchi avranno altre occasioni, un monster block di Zaytsev proprio su Torres e un attacco out dell’altro schiacciatore Deroo, consentono alla Sir di pareggiare il conto dei set ai vantaggi (29 – 27).

Tutto farebbe sperare ad un cambio di passo, ma il terzo set è in sostanza la fotocopia del primo, con gli ingredienti soporiferi che tornano prepotentemente in campo dalla parte della Sir. La squadra di Andrea Gardini, che comunque ha fatto egregiamente il suo, ringrazia e passa a condurre nel conto dei parziali, aggiudicandosi il terzo game con il punteggio di 25 a 19.

Quando il match sembra avviarsi verso una probabile sconfitta, la Sir si rende conto di non poter mollare in questo modo e piano piano ricomincia a macinare gioco. Zaytsev che non aveva mai mollato, soprattutto nei compiti di ricezione, non è più solo in prima linea: tornano a farsi sentire Anzani (che collezionerà anche 5 muri vincenti) e Podrascanin con qualche buona soluzione al centro, ma soprattutto Atanasijevic, che suona la carica per arrembare definitivamente al tie break.

La Sir “impenna” e si aggiudica il quarto set con il minimo scarto (25 – 23), poi “uccidendo” subito il game decisivo, nel corso del quale lascia appena sette punti allo Zaksa (15 – 7).

Alla fine una vera e propria prova di orgoglio, che consacra anche il desiderio di ripagare l’amore dei tifosi per questa squadra; non solo di quella quarantina accorsi in Russia per l’occasione, ma di tutti quelli che da casa, nelle altre trasferte e soprattutto al PalaEvangelisti, hanno sempre “spinto” senza mai mollare.

Con i titoli di coda, il volley delle squadre di club va in ferie, e dopo un stagione molto intesa dà appuntamento al mese di ottobre prossimo venturo, quando saranno ancora la Superlega e le coppe europee a tenere banco.

Per la cronaca la Champions League, per la quarta volta consecutiva e sesta in totale, se l’è aggiudicata lo Zenit Kazan, che pur non avendo brillato come nella partita di ieri, è e rimane una squadra fortissima. Onore anche alla Lube, sconfitta nella finalissima solo al tie break, il cui punto decisivo è stato siglato da un ace di un certo Leon, con Bernardi (quasi certo il suo rinnovo) e gli uomini della Sir che da bordo campo osservavano attenti le gesta del campione cubano, sicuramente pensando a quanto potranno divertirsi e magari vincere ancora con questo asso nella manica.

Primo set

Primo punto per lo Zaksa per l’errore di Zaytsev al servizio.
Pareggia Atanasijevic dopo una lunga azione: 1 – 1:
Szymura sulle mani del muro: 2 a 1 Zaksa.
Atanasijevic gioca sulle mani del muro, ma non c’è nessuno in copertura: 3 a 1 Zaksa.
I polacchi si portano sul 5 a 1 dopo una ricezione sbagliata di Russell.
Anzani dal centro sigla il secondo punto della Sir: 5 – 2 Zaksa.
Ace dello Zaksa su Zaytsev, ma poi c’è l’errore dei polacchi dai nove metri: 7 a 3 Zaksa.
Primo tempo vincente dei polacchi che si portano sull’8 a 3 in loro favore.
Block out di Atansijevic ed è 8 a 4 per lo Zaksa.
Zaytsev mette a segno il primo punto in attacco: 9 – 5 Zaksa.
Primo punto per Torres che porta i suoi sul 10 a 5.
Pipe vincente di Russell: 10 a 6 Zaksa.
Errore in ricezione di Zaytsev e i polacchi sono sul 13 a 7.
Torres vincente in attacco dopo l’ennesima ricezione problematica della Sir: 14 – 7 Sir.
Anche Colaci non trattiene la jump flot di Szymura: 15 – 7 Zaksa.
Russell ritrova un colpo vincente in attacco: 16 – 9 Zaksa.
Ace dello schiacciatore americano di Perugia: 16 – 10 Zaksa.
Atanasijevic dopo una buona ricezione di Zaystev: 17 – 11 Zaksa.
Lo Zar mette a terra un palla difficile da posto 4: 17 – 12 Zaksa.
Errore di Wisnieski in primo tempo: 17 – 13 Zaksa.
Pipe vincente di Russell: 18 – 14 Zaksa.
Szymura trova le mani alte del muro di Perugia: 19 – 14 Zaksa.
Primo tempo vincente di Bieneik: 21 – 14 Zaksa.
Errore di Zaytsev al servizio: 23 – 15 Zaksa.
Out anche il servizio di Torres: 23 – 16 Zaksa.
Pipe vincente di Deroo e lo Zaksa ha 8 set point sul 24 a 16.
Russell annulla il primo set point con un attacco in diagonale: 24 – 17 Zaksa.
Errore di Atansijevic al servizio e lo Zaksa si aggiudica il primo set 25 a 7.

Secondo set

Primo punnto della Sir con una pipe vincente di Zaytsev.
Pareggia Deroo, sempre in pipe.
Russell trova un ottimo mani out: 2 – 1 Sir.
Muro vincente di Anzani: 3 a 1 Sir.
Attacco vincente di Wisnieski, ma poi i polacchi sbagliano al servizio: 4 – 2 Sir.
Zaytsev risolve la solita palla difficile in posto 4: 5 – 3 Sir.
Errore di Deroo al servizio: 6 – 4 Sir.
Torres riporta i suoi a – 1: 6 – 5 Sir.
Zaytsev vincente in attacco da posto 2: 7 – 5 Sir.
Anche Atansijevic è vincente da posto 2: 8 – 6 Sir.
Anzani vincente dal centro: 10 – 7 Sir.
Errore dei polacchi al servizio: 11 – 8 Sir.
Al terzo attacco consecutivo Deroo passa: 11 – 9 Sir.
Primo tempo out di Wisnieski, il challenge conferma che non c’è tocco a muro: 13 – 9 Sir.
Primo tempo vincente di Podrascanin: 14 – 10 Sir.
Lungo il servizio di Zaytsev: 15 – 12 Sir.
Dopo una ricezione lunga di Russell, Torres chiude in attacco: 15 – 13 Sir.
Szymura spinge sulle mani del muro e la palla cade: 15 – 14 Sir.
Attacco vincente di Atanasijevic: 16 – 14 Sir.
Torres mette a terra in parallela da posto 2: 16 – 15 Sir.
Errore di Deroo in attacco, ma c’è il tocco del muro da parte di De Cecco sanzionato dal challenge: 17 – 16 Sir.
Russell molto alto mette a terra: 18 – 16 Sir.
Zaytsev difende e poi chiude con una diagonale stretta da posto 4: 19 – 16 Sir.
Toores in attacco riporta i suoi a – 1: 19 – 18 Sir.
Primo tempo vincente di Anzani: 20 – 18 Sir.
Szymura da seconda linea su una free ball: 20 – 19 Sir.
Deroo, ancora da seconda linea, porta i suoi in parità: 20 – 20.
Podrascanin a terra dal centro per il 21 – 20 Sir.
Szymura in attacco ed è di nuovo parità: 21 – 21.
Ancora Torres in attacco per la parità sul 22 a 22.
Szymura porta in vantaggio lo Zaksa: 23 – 22.
Il challenge dice che su un attacco di Atanasijevic il muro non tocca: 24 – 22 Zaksa.
Out il servizio di Torres: 24 – 23 Zaksa.
Attacco di Shaw da posto 4 che annulla il set point: 24 pari.
Errore di Podrascanin al servizio: 25 – 24 Zaksa.
Primo tempo vincente di Anzani: 25 pari.
Bieniek dal centro è vincente: 26 – 25 Zaksa.
Lunga la battuta di Bieniek: 26 pari.
Errore di Russell al servizio: 27 – 26 Zaksa.
Diagonale stratta di Atanasijevic a terra: 27 pari.
Monster block di Zaytsev su Torres: 28 – 27 Sir.
Attacco out di Deroo e la Sir si aggiudica il parziale: 29 – 27.

Terzo set

Errore di Zaytsev al servizio, ma poi Atanasijevic mette a terra: 1 pari.
Ancora Atanasijevic in attacco, con una diagonale molto stretta: 2 pari.
Deroo in diagonale mette a terra sul muro a 3: 3 pari.
Russell d’astuzia sulle mani del muro: 4 pari.
Poi lo schiacciatore americano sbagli dai nove metri: 5 – 4 Zaksa.
Primo tempo servito dietro ad Anzani che mette a terra. 5 pari.
Pipe di Russell sulla riga laterale: 6 pari.
Pipe vincente di Deroo che assomiglia molto ad un primo tempo: 8 – 6 Zaksa.
Primo tempo di Podrascanin e la Sir è a – 1: 8 – 7.
Zaytsev mette in rete il servizio: 9 – 7 Zaksa.
Russell sorpreso dal servizio un po’ corto di Torres: 11 – 7 Zaksa.
Ace di Torres verso posto 1: 13 – 7 Zaksa.
Atanasijevic accorcia in attacco, ma poi Torres è ancora vincente in attacco: 14 – 8 Zaksa.
Pallonetto vincente di Atanasijevic: 14 – 9 Zaksa.
Pipe vincente di Szymura e lo Zaksa vola sul 16 a 9.
Russell ritrova un attacco vincente, ma è sempre 16 – 10 per i polacchi.
Anche Atanasijevic ritrova un colpo vincente in attacco: 17 – 11 Zaksa.
Errore di Deroo al servizio: 18 – 12 Zaksa.
Zaytsev passa tra le mani Szymura: 18 – 13 Zaksa.
Atansijevic tiene a galla Perugia, ma lo Zaksa è sempre avanti: 21 – 14 Zaksa.
Muro vincente di Anzani su Torres: 21 – 15 Zaksa.
Pipe vincente di Berger: 22 – 16 Zaksa.
Deroo murato ed è 22 a 17 Zaksa.
Atanasijevic murato da Wisnieski: 23 – 17 Zaksa.
De Cecco mette a terra di seconda: 23 – 18 Zaksa.
Primo tempo di Podrascanin che annulla il primo set point dei polacchi, che chiudono con Torres in attacco: 25 – 19.

Quarto set

Errore di Torres al servizio, muro vincente su Szymura: 2 a 0 Sir.
Tapin vincente di Anzani dopo un salvataggio di Colaci: 4 a 1 Sir.
Deroo spinge bene sulle mani del muro out: 5 – 3 Sir.
Ancora Deroo mette a terra tra muro e rete: 5 – 4 Sir.
Zaytsev murato da Wisnieski: 5 pari.
Atanasijevic rischia la diagonale nonostante l’assenza del muro, ma mette a terra: 6 – 5 Sir.
Errore di Deroo al servizio: 7 – 6 Sir.
Ancora Atansijevic con una diagonale moto stretta: 8 – 6 Sir.
Muro vincente di Podrascanin: 9 – 6 Sir.
Primo tempo vincente di Podrascanin su magia ad una mano di De Cecco: 10 – 7 Sir.
Russell vincente in parallela: 11 – 8 Sir.
Pipe vincente di Deroo: 11 – 9 Sir.
Errore di Anzani in primo tempo su una free ball: 11 – 10 Sir.
Anzani spara sulle mani del muro out: 12 – 10 Sir.
Deroo vincente con un mani out: 12 – 11 Sir.
Torres attacca sul nastro, Atansijevic tocca dalla seconda line spedendo la palla out: 14 – 13 Sir.
Primo tempo vincente di Anzani: 15 – 13 Sir.
Errore di Wisnieski al servizio: 16 – 14 Sir.
Zaytsev spedisce out in pipe ed è 16 pari.
Podrascanin murato e i polacchi passano a condurre: 17 – 16.
Errore di Torres al servizio: 17 pari.
Non passa l’attacco di Torres e la Sir torna avanti: 18 – 17 .
Torres fortissimo sulle mani del muro out: 18 pari.
Deroo riporta i suoi in vantaggio: 19 – 18.
Atansijevic mette a terra in parallela: 19 pari.
Ancora l’opposto serbo della Sir attacca una palla difficilissima e mette a terra: 20 – 19 Sir.
Deroo buca ancora il muro della Sir: 20 pari.
Atansijevic mette ancora a terra: 21 – 20 Sir.
21 pari su un tentativo di pallonetto spinto di Zaytsev mal riuscito: 21 pari.
Ennesimo attacco vincente di Atanasijevic in parallela: 22 – 21 Sir.
Torres trova spazio in parallela: 22 pari.
Pipe vincente di Russell: 23 – 22 Sir.
Di nuovo Atanasijevic su alzata in bagher di Colaci: 24 – 22 Sir.
Deroo in pipe annulla il primo set point della Sir: 24 – 23.
Muro vincente di Podrascanin su Torres e la Sir si aggiudica il set: 25 – 23.

Tie break

Errore al servizio di Torres: 1 a 0 Sir.
Szymura spinge sul muro a 3 e trova un mani out: 1 pari.
Atanasijevic mette a terra tra il muro e la rete: 2 – 1 Sir.
Muro tetto di Anzani: 3 – 1 Sir.
Errore di Atansijevic al servizio: 3 – 2 Sir.
Passa ancora Atanasijevic in parallela: 4 – 2 Sir.
Pipe di Russell sul nastro, i polacchi difendono e chiudono con Deroo: 4 – 3 Sir.
Pipe di Russell, stavolta vincente: 5 – 3 Sir.
De Cecco di prima intenzione finge un palleggio e mette a terra: 6 – 3 Sir.
Deroo sbaglia l’attacco in diagonale: 7 – 3 Sir.
Errore di Anzani al servizio: 7 – 4 Sir.
Ennesimo attacco vincente di Atanasijevic: 8 – 4 Sir.
Wisnieski sbaglia al servizio ed è 9 a 5 Sir.
Szymura mette a terra ed è 9 a 6 Sir.
Attacco vincente di Russell: 10 a 6 Sir.
Muro vincente di Anzani su Deroo che attacca da posto 3: 11 – 6 Sir.
Ace di Podrascanin con Torre che tenta un salvataggio sulle transenne: 12 – 6 Sir.
Szymura mette out un attacco son palla molto staccata: 13 – 6 Sir.
Muro vincente di Berger su Torres e per Perugia ci sono 8 match point: 14 – 6.
Errore di Podrascanin al servizio: 14 – 7 Sir.
Szymura sbaglia al servizio e il bronzo e della Sir (15 – 7).

ZAKSA KEDZIERZYN-KOZLE – SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA 2-3 (25-17, 27-29, 25-19, 23-25, 7-15)
ZAKSA KEDZIERZYN-KOZLE: Toniutti, Torres 22, Bieniek 8, Wisniewski 11,
Deroo 21, Szymura 18, Zatorski (libero), Jungiewicz. N.e.: Buszek, Rejno,
Falaschi, Semeniuk, Maziarz, Banach (libero). All. Gardini, vice all.
Chadala.

SIR COLUSSI SICOMA PERUGIA: De Cecco 3, Atanasijevic 24, Podrascanin 8,
Anzani 13, Russell 15, Zaytsev 8, Colaci (libero), Berger 2, Shaw 1, Ricci,
Siirila. N.e.: Della Lunga, Cesarini (libero), Andric. All. Bernardi, vice
all Fontana.

Arbitri: Susana Maria Rodriguez Jativa (SPA) – Laszlo Adler (HUN)

LE CIFRE – ZAKSA: 21 b.s., 6 ace, 33% ric. pos., 14% ric. prf., 49% att., 7
muri. PERUGIA: 20 b.s., 2 ace, 51% ric. pos., 25% ric. prf., 52% att., 10
muri.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere