CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Visioninmusica, a Terni le contaminazioni musicali da tutto il mondo

Eventi Terni Cultura e Spettacolo Extra

Visioninmusica, a Terni le contaminazioni musicali da tutto il mondo

Redazione cultura
Condividi

TERNI – Tutto pronto per l’edizione 2017 di Visioninmusica, la rassegna di grandi artisti della musica italiana ed internazionale che spazia attraverso vari generi musicali. Un appuntamento ormai divenuto tradizionale che quest’anno prevede sette appuntamenti, il primo dei quali il 20 gennaio.

 Gli appuntamenti. “La musica insieme” – in programma alle 21 a palazzo Gazzoli – è uno spettacolo teatrale a tutto tondo tratto dagli omonimi libro, dvd e cd che raccolgono riflessioni, canzoni e musiche prodotte dallo scrittore Erri De Luca e dal sassofonista Jazz Stefano Di Battista (affiancato da Nicky Nicolai alla voce, Andrea Rea al piano, Daniele Sorrentino al contrabbasso e Roberto Pistolesi alla batteria).

A seguire, il 2 febbraio, spazio al Trio Bobo, ovvero Faso e Christian Meyer degli Elio e le storie tese insieme ad Alessio Menconi, uno dei chitarrsti jazz più talentuosi ed apprezzati. Presenteranno il loro album Pepper Games, dove brani originali e cover sono miscelati con grande talento, mentre speziate note musicali vanno alla ricerca di un suono unico, potente e spazioso.

Il 17 febbraio sarà il turno dei Mountain Men: un attesissimo ritorno per questo gruppo che si presenta in una versione inedita dagli accenti decisamente più rock, anche grazie a due nuovi acquisti: Denis Barthe, celebre batterista dei Noir Désir e produttore del disco, e Olivier Mathios (The Hyènes) al basso. Un distillato di pura vitalità la loro musica: dura, semplice, bella, universale.

Il 10 Marzo invece si esibirà  Kinga Glyk, bassista polacca, enfant prodige, che ad appena 19 anni ha già suonato con molti grandi musicisti, arrivando ad essere considerata una stella nascente del jazz e della musica blues europea. La settimana dopo spazio al pianista armeno Tigran Hamasyan che  proporrà un incrocio di rock, folclore armeno, metal e jazz. Ritornato in Armenia dopo una lunga e proficua parentesi statunitense, ha al suo attivo importanti premi e riconoscimenti internazionali quali, tra gli altri, il Montreux Jazz Festival’s Piano Competition, nel 2013, il Thelonious Monk International Jazz Piano Competition nel 2006 e l’Echo Jazz Awards 2016. Pianista originalissimo, proporrà al pubblico di Terni indimenticabili atmosfere che ci condurranno attraverso un’esperienza unica.

Il 7 aprile, invece chi ama il jazz manouche (ovvero il jazz tipico delle band tzigane) mescolato con samba, danze tradizionali e greche potrà godere dello spettacolo della ensemble franco-greca Banda Magda, dal nome della sua leader la pianista greca Magda Giannikou, Conclusione il 21 aprile con la Rimbamband: estrosi suonatori pugliesi, in penenne disaccordo armonico, che presenteranno il loro terzo album, Note da Oscar, pronti a trascinare il pubblico in un luna park d’immaginazione in cui sognare ad occhi aperti è ancora possibile.