CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Viadotto Puleto E45, Marini: “Chiedo al Governo lo stato di emergenza nazionale”. Le aziende vogliono risarcimenti milionari

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Alta Umbria Extra

Viadotto Puleto E45, Marini: “Chiedo al Governo lo stato di emergenza nazionale”. Le aziende vogliono risarcimenti milionari

Redazione
Condividi

Il viadotto Puleto lungo la E45

PERUGIA  – La presidente della Regione, Catiuscia Marini, ha chiesto al presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, e al capo del dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli, lo stato di emergenza nazionale per il territorio della provincia di Perugia, “a seguito della situazione di grave criticità creatasi con la chiusura della E45 nel tratto interessato dal viadotto Puleto. Una situazione – scrive Marini nella lettera inviata a governo e dipartimento, resa nota dall’ufficio stampa della Regione – che ha di fatto determinato l’interruzione della viabilità di collegamento veloce tra l’Umbria, la Toscana e l’Emilia-Romagna e la spaccatura del sistema viario So-Ne dell’Italia centrale, di cui la SS3 Bis Tiberina rappresenta la dorsale fondamentale”. Da qui “i notevoli impatti sociali ed economici sulle comunità e sulle imprese dei territori dell’Umbria, con particolare riferimento alla provincia di Perugia e ai comuni di Umbertide, Montone, Pietralunga, Lisciano Niccone, Città di Castello, Citerna e San Giustino, caratterizzati sia da una connotazione turistica che da un sistema di attività economiche e produttive, rilevanti nel settore manifatturiero e agricolo, che si basano prevalentemente sull” efficienza di questo collegamento stradale”.

Aziende Intanto il mondo delle imprese va all’attacco. Una quindicina di aziende altotiberine tramite l’avvocato Marcello Pecorari hanno presentato alla Procura aretina una richiesta di danni milionaria. Il legale parla di un costante aggravio di costi causato dall’aumento delle percorrenze, che comporta l’utilizzo di più carburante e una maggiore usura dei mezzi, delle ore di guida, del pedaggio autostradale e del gasolio. Oltre a ciò c’è la perdita di alcune commesse. Altre richieste di danni saranno presentate nelle prossime ore.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere