CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Viadotto Montoro, girandola di incontri per superare i disagi

Cronaca e Attualità Narni Orvieto Amelia

Viadotto Montoro, girandola di incontri per superare i disagi

Redazione
Condividi
Il pilone danneggiato
Il pilone danneggiato

TERNI – Quattro mesi i tempi minimi che dovrebbero servire per ripristinare la circolazione sul viadotto Montoro lungo il raccordo Terni-Orte. Il tutto a causa di un pilone della struttura danneggiato. Nel frattempo il sindaco di Narni, Francesco De Rebotti, mette in agenda una serie di richieste per migliorare la viabilità alternativa, sulla quale in questi giorni, e nei prossimi, si riverseranno migliaia di veicoli ogni giorno. E l’assessore regionale a lavori pubblici e infrastrutture, Enrico Melasecche, rassicura: “Sono in corso i lavori sul fondovalle, sotto la pila interessata per eliminare la boscaglia e consentire ai progettisti di accedere alla struttura. L’amministratore unico delll’Anas, ingegner Simonini, mi ha assicurato che sia a livello progettuale che per quanto riguarda l’appalto verranno abbreviati al minimo i tempi necessari rispetto ai canoni ordinari in modo da consentire di ripristinare quanto prima quella che è la porta principale dal lato Sud dell’Umbria”.

Verifica “La verifica che sta facendo gradualmente Anas su tutti i viadotti di propria competenza – ricostruisce Melasecche – ha portato alla sospensione, ormai da qualche mese, del traffico pesante sulla Flaminia da Terni a Spoleto mentre ha obbligato ad interrompere prima quello pesante poi anche quello leggero sul viadotto Montoro che sulla E45 collega Orte a Terni e al nord della regione. Ci siamo messi in contatto immediatamente con Anas per sollecitare una puntuale comunicazione ai viaggiatori e soprattutto agli autotrasportatori, affinché potessero utilizzare le migliori strade alternative. In una prima video conferenza effettuata con le varie autorità competenti – ha proseguito l’assessore – sono state fatte tutte le valutazioni in modo da accelerare al massimo le necessarie decisioni mentre nella seconda, che si è svolta ieri sera, si è deciso di bloccare il traffico pesante in ingresso da Orte per impedire che aumentassero le file al punto da creare anche problemi di ordine pubblico”.

Incontro De Rebotti incontrerà giovedì mattina i tecnici Anas e nel pomeriggio, a Roma, l’amministratore dell’azienda (lunedì prossimo la questione sarà portata al ministero delle infrastrutture) per fare il punto sulla situazione ma anche per presentare una serie di interventi da realizzare sulla viabilità alternativa al fine di migliorare la situazione di stress che le strade del territorio stanno subendo.

Interventi “Realizzazione bretella di Narni scalo da via Tuderte a via Capitonese, realizzazione barriere fonoassorbenti San Liberato-Montoro, consolidamento del ponticello di Taizzano e ripristino viabilità, messa in sicurezza ponte della zona industriale di Nera Montoro, ripavimentazione strada dei Confini e realizzazione rotonda di ingresso della E-45 all’innesto di strada di Marrano, messa in sicurezza incrocio di Ponte Sanguinaro attraverso realizzazione della rotonda, ripavimentazione e messa in sicurezza della strada Montorese compreso il tratto di attraversamento del borgo di Montoro fino alla Madonnella. Chiederò a tutti, a partire dalla Regione e dalla Provincia – dice De Rebotti – di sostenere queste richieste che possono trovare riscontro immediato e migliorare una viabilità che soprattutto nei momenti di emergenza non garantisce efficienza e sicurezza. Siamo duramente provati da quest’esperienza e con soluzioni intelligenti sulle alternative alla viabilità proposte ieri ed in fase di adozione e con investimenti ragionevoli, accanto a quelli per il viadotto, ci possono riconsegnare una situazione tollerabile e sostenibile. Non abbiamo bisogno solo di parole ma di atti, concreti, rapidi ed incisivi. Grazie al personale delle forze dell’ordine, al prefetto ed al questore di Terni che ci fanno sentire la loro vicinanza e credere che il lavoro di squadra – conclude – per obiettivi e governo delle questioni è l’unica soluzione”.La partita è aperta e molto importante saranno i tempi di realizzazione dei lavori.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere