domenica 29 Maggio 2022 - 11:03
14.7 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Vescovi umbri incontrano i giornalisti: “Costruire fraternità condividendo insieme”

Il tradizionale appuntamento con la festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, ha visto tre vescovi, quelli di Perugia, Terni e Città di Castello, incontrare  la stampa.

PERUGIA/TERNI – Il tradizionale appuntamento con la festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, ha visto tre vescovi, quelli di Perugia, Terni e Città di Castello, incontrare  la stampa.

Santa Messa a Perugia

Il cardinale Gualtiero Bassetti ha celebrato la Santa Messa a Perugia nella cattedrale di San Lorenzo e nel rivolgersi ai giornalisti ha lanciato chiaro il messaggio: “Per ascoltare bene, ci vuole coraggio e un cuore libero da pregiudizi. Non è forse vero che rientra anche nella deontologia della vostra professione il dovere di consultare fonti degne di fede, di fare vere e proprie ricerche (che possono arrivare fino a quello che è definito giornalismo d’inchiesta) per poter così comporre un contributo (un articolo di giornale, o un servizio televisivo o radiofonico, o per un sito internet) che sia obiettivo e leggibile? Quanta serietà ci si aspetta da voi, che siete chiamati non solo a riportare notizie, ma a permettere ai vostri lettori, o ai vostri spettatori e radioascoltatori, di conoscere meglio i fatti perché si formino un’opinione corretta. E quanta responsabilità avete, dal momento che una notizia può essere data in un certo modo, con equilibrio, mentre molte altre volte, lo sappiamo, coloro che si improvvisano ‘blogger’ e usano i mezzi di comunicazione di massa in modo disinvolto, non fanno altro che disorientare, confondere e dividere”.

Incontro a Terni con monsignor Soddu

A Terni primo appuntamento con la stampa per monsignor Francesco Antonio Soddu, neo vescovo. Nel dialogo che è seguito con i giornalisti sono stati affrontati i temi della crisi dell’informazione locale, della chiusura di testate e redazioni e della conseguente precarizzazione generalizzata della professione giornalistica. “Le difficoltà del tempo presente, la crisi e la precarietà che mi avete illustrato – ha detto il vescovo Soddu – ho avuto modo di respirarla in ambito nazionale, dalle parole dei direttori dei diversi organi d’informazione che fanno capo alla Cei. Sono solidale con voi, ma con i suggerimenti che possono venire da tutti, possiamo condividere e andare avanti, insieme per costruire, interagire, per dare un bel volto della realtà che ci circonda. Le difficoltà che esistono oggi, dovute anche a sacche di negligenza e povertà generano nuove criticità. Abbiamo un percorso da fare insieme, in questo presente così importante per la comunicazione. Il tema dell’ascoltare porta tante suggestioni e genera azione. Il primo ascolto è stato quello di Dio presso il popolo di Israele, Dio se ne prese pensiero, Dio in mezzo al suo popolo attraverso le Sacre Scritture”.

E’ stato quindi brevemente presentato il messaggio di papa Francesco per la 56^ giornata delle comunicazioni sociali «Ascoltate», nel quale si esorta il mondo della comunicazione a sviluppare l’ascolto delle persone e della società, poter crescere, anche professionalmente, come comunicatori.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]