lunedì 20 Settembre 2021 - 07:22
22.8 C
Rome

Vendeva prodotti petroliferi in Umbria evadendo le tasse: sequestri per oltre 300 milioni

Maxi blitz dell'Agenzia delle Dogane partita da una inchiesta su una azienda del territorio: l’evasione portata a termine dal sodalizio criminoso era addirittura superiore ai centodieci milioni accertati in fase penale.

PERUGIA– Cinquantuno milioni di euro di IVA evasa e almeno centocinquantatre milioni di relative sanzioni. Sono i numeri dell’accertamento concluso in questi giorni dai funzionari della  Agenzia delle accise, dogane e monopoli di Perugia e contestato a una società di Milano operante nella vendita di prodotti petroliferi provenienti da Paesi UE (Romania, Repubblica Ceca, Croazia) destinati per una cospicua parte al mercato umbro.

La complessa attività di verifica economico-finanziaria ha trovato riscontro dall’esame della imponente documentazione sequestrata su ordine della Procura della Repubblica del capoluogo regionale umbro, nonché, per le operazioni poste in essere nel 2019, dalle analisi ricavate da banche dati e iniziative di intelligence portate a termine dai funzionari ADM perugini. Le attività espletate hanno permesso di ricostruire i volumi di prodotto commercializzato, la provenienza e l’ammontare complessivo della frode realizzata. ADM ha provveduto a notificare gli atti alla gestione della società milanese, mentre sono in corso di formalizzazione quelli propedeutici al recupero dell’ingente evasione e all’irrogazione delle relative sanzioni amministrative.

L’indagine. Il periodo oggetto di indagine ha interessato le attività svolte tra il 2017 e il 2019 e le violazioni contestate riguardano la presentazione di dichiarazioni IVA evasa oltre che omessi versamenti della stessa imposta afferente la commercializzazione sul territorio nazionale del prodotto petrolifero proveniente dai Paesi UE.

La società fa parte di una serie di soggetti giuridici individuati nell’ambito dell’indagine denominata Operazione Grifo Fuel,  coordinata dalla stessa Procura della Repubblica e condotta dall’Ufficio ADM di Perugia congiuntamente al locale Comando della Guardia di Finanza, che nel febbraio 2020 portò all’arresto di tre soggetti, due milanesi e un romano, ritenuti responsabili di una colossale frode carosello su scala internazionale, che aveva portato all’evasione di quasi cento milioni di euro di IVA e il riciclaggio di ulteriori dieci milioni di euro di proventi illeciti grazie a un colossale giro di fatture false per circa settecento milioni di euro.

L’inchiesta, partita a seguito di un controllo fiscale nei confronti di un’azienda umbra operante nella compravendita di carburante, ha coinvolto cinquanta persone e trentatre società (con sedi in Campania, Lombardia, Lazio e Molise) e, su disposizione del GIP di Perugia, al sequestro per equivalente di beni come terreni, fabbricati, appartamenti, autoveicoli, imbarcazioni e quote societarie.

L’accertamento concluso in questi giorni sta consentendo di verificare che l’evasione portata a termine dal sodalizio criminoso era addirittura superiore ai centodieci milioni accertati in fase penale.

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi