CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Valfabbrica, finto avvocato ma vero raggiro: arrestato trentasettenne

Cronaca e Attualità Assisi

Valfabbrica, finto avvocato ma vero raggiro: arrestato trentasettenne

Redazione
Condividi

VALFABBRICA– L’incidente era falso, ma i quasi 1.500 euro ad un’anziana malcapitata erano veri e in contanti. Una truffa odiosa che rientra in una casistica classica, che questa volta, per fortuna, ha portato alla denuncia per truffa di un campano di 37 anni. L’uomo, ha raggirato la signora di 72 anni, con l’espediente del finto incidente causato dal figlio.

Il truffatore, ha fatto precedere la sua visita a domicilio da due telefonate. Nella prima, fingendosi maresciallo dei Carabinieri ha avvertito la vittima che il figlio aveva investito un motociclista procurandogli lesioni alle gambe motivo per il quale era in stato di fermo presso la Stazione Carabinieri e che sarebbe poi stata contattata da un legale per sistemare la situazione. Nella seconda si è finto l’avvocato della controparte, convincendo la donna che  il proprio assistito era stato investito dal ragazzo riportando fratture. Le ha poi intimato di pagare 4500 euro per evitare la querela e la  sospensione della patente di guida.

Il truffatore – in “veste” di avvocato, si  è poi presentato a casa della vittima, facendosi consegnare come “risoluzione bonaria” della vicenda 1500 euro. La donna ha telefonato poi al figlio e una volta scoperto che non aveva avuto alcun incidente, ha denunciato il fatto ai veri Carabinieri della stazione di Valfabbrica, che hanno avviato immediatamente le indagini-

C’è voluta una lunga indagine per individuare prima ad individuare la vettura e successivamente l’autore del reato, risultato già  noto alle forze di polizia. Sono in corso accertamenti per stabilire se il “balordo” sia responsabile di altre episodi simili occorsi nella provincia di Perugia nei giorni scorsi.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere