CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Urban regeneration, Terni e Narni in prima linea nella green economy (VIDEOINTERVISTE)

Economia ed Imprese Terni Narni Orvieto Amelia

Urban regeneration, Terni e Narni in prima linea nella green economy (VIDEOINTERVISTE)

Redazione economia
Condividi

Un momento dell'incontro

TERNI –  Con Urban Re-Generation prende avvio a Terni il progetto per costituire il primo Distretto italiano della Sostenibilità, dell’Economia circolare e della Rigenerazione urbana.  L’annuncio è stato dato alla presentazione dei risultati della prima fase del progetto nel corso dell’evento che si è svolto oggi a Terni nella sede di Confindustria Umbria. Sono intervenuti: Antonio Alunni, Presidente di Confindustria Umbria, Donatella Tesei, Presidente della Regione Umbria, Leonardo Latini, Sindaco di Terni, Luigi Carlini, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni. I risultati del progetto sono stati illustrati da Giammarco Urbani, Presidente della Sezione Territoriale di Terni di Confindustria Umbria e discussi con Stefano Ciafani, Presidente Nazionale di Legambiente.

Promosso da Confindustria Umbria e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, Urban Re-Generation è nato grazie all’adesione di un primo nucleo fondativo di otto imprese: Acciai Speciali Terni, Beaulieu Fibres International, Exolon Group, ERG Hydro, Fucine Umbre, Sangraf International, Novamont e Tarkett. Il progetto punta alla valorizzazione del territorio in chiave di sviluppo sostenibile, promuovendo una rigenerazione non soltanto legata ad aspetti urbanistici ma all’insieme delle dinamiche produttive e sociali.

GIammarco Urbani

Le Buone pratiche ambientali delle imprese aderenti Nel primo semestre 2020 presso le prime otto imprese aderenti al progetto è stata realizzata una ricerca a perimetro omogeneo finalizzata alla mappatura delle buone pratiche in materia di sostenibilità ambientale e di economia circolare. La ricerca ha individuato, in coerenza con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030, 32 obiettivi già raggiunti dalle aziende aderenti, e 17 progetti di ulteriore miglioramento da attuare nella successiva fase. Urban Re-Generation, di cui è stato presentato anche il logo, prevede, per arrivare alla costituzione del Distretto, un piano di sviluppo nel quale verrà promossa l’adesione di nuove imprese, mentre le aziende aderenti hanno già individuato un set di 17 obiettivi per l’ulteriore miglioramento delle proprie performance di sostenibilità. Verrà quindi sviluppato un dialogo aperto con le comunità locali e verranno promosse iniziative di comunicazione a livello nazionale e internazionale finalizzate alla promozione del territorio e al confronto con le migliori pratiche europee.

Nella videointervista, il presidente di Confindustria Terni Giammarco Urbani e quello della Fondazione Carit Luigi Carlini illustrano il progetto

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere