CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Umbertide, nuovi immigrati al Calzolaro: cittadini infuriati annunciano raccolta firme

Alta Umbria Extra

Umbertide, nuovi immigrati al Calzolaro: cittadini infuriati annunciano raccolta firme

Redazione
Condividi

Una strada del Calzolaro (Umbertide)

UMBERTIDE – “Sbarchi da record. In questi giorni si sta verificando l’esodo più impetuoso dell’anno. Barconi e gommoni assediano le coste italiane e il Ministro dell’Interno ne prevede 12 mila in pochi giorni. Perfino il Presidente della Repubblica ha chiesto il blocco delle navi. Anche in Altotevere il quadro già precario è destinato a peggiorare tanto che l’agreste frazione de ‘Il Calzolaro’ nel comune di Umbertide sta già allestendo case – accoglienza per l’arrivo di nuovi migranti”. A denunciare il fatto il coordinatore giovanile Lega Nord Umbria, Riccardo Augusto Marchetti congiuntamente al referente cittadino per il Carroccio Vittorio Galmacci.

Ulteriori migranti  “Accompagnato da decine di abitanti – spiega Marchetti – mi sono recato nella residenza in questione dove ho potuto verificare con i miei stessi occhi, che la casa inquisita, fino a pochi mesi fa abbandonata, sta cambiando destinazione d’uso e preparandosi ad accogliere ulteriori migranti. Stando alle prime ricostruzioni dei cittadini, in arrivo ci sarebbe un numero cospicuo di nuovi inquilini tanto da essere spartito in più abitazioni, presi in considerazioni anche agriturismi locali. La posizione dei residenti è chiara , loro non vogliono ulteriori persone nella propria frazione, anche perché sono poco più di duecento anime ed hanno pronta una raccolta firme.

“Il governo locale continua a mietere danni”  Un governo locale in salute non avrebbe permesso tutto questo, si sarebbe abilmente imposto per tutelare i propri concittadini, ma il Pd umbertidese – spiegano Marchetti e Galmacci – continua a mietere danni, non bastava una mega moschea per minare la sicurezza dei cittadini, ora si predispongono graziosi ‘residence’ ben arredati per migranti, gli stessi che nel solo comune di Città di Castello ci costano oltre 700 mila euro l’anno, gli stessi che vengono in Italia non perché scappano da guerre, ma perché la scellerata politica opportunista del PD e della sinistra permette loro di essere accolti, ospitati e mantenuti a spese degli onesti lavoratori italiani. Il sistema di accoglienza – integrano Marchetti e Galmacci – è alle corde, siamo ad oltre 190 mila sbarchi e stando alle prime direttive ministeriali, il piano di accoglienza per il 2017 dovrà essere rivisto e rialzato di almeno un 10%. Ciò significa che per i comuni come ad esempio Umbertide dove il sindaco del Pd ha detto ‘si’ all’accoglienza si prevede un sostanzioso incremento di immigrati rispetto al numero già importante. L’unico modo per arginare questo problema è mandare a casa chi lo permette, ossia il Partito democratico che specula su temi umani come l’accoglienza”

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere