CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Umbertide, moschea: domani la presentazione del ‘Protocollo d’intesa’. Il 5 Stelle: “Solo per addetti ai lavori, dovrebbe partecipare anche la cittadinanza”

Alta Umbria Politica Extra

Umbertide, moschea: domani la presentazione del ‘Protocollo d’intesa’. Il 5 Stelle: “Solo per addetti ai lavori, dovrebbe partecipare anche la cittadinanza”

Redazione
Condividi

Moschea in costruzione, i lavori

UMBERTIDE – Si terrà domani giovedì 30 novembre alle ore 18 presso la Biblioteca comunale di Umbertide l’incontro di presentazione del ‘Protocollo di intesa per favorire la convivenza tra le diverse comunità religiose, per consolidare la coesione sociale e promuovere processi di integrazione’ stipulato tra Prefettura di Perugia, Comune di Umbertide e Associazione Centro culturale islamico di Umbertide.

Si tratta di un incontro, rivolto principalmente agli addetti ai lavori, che vedrà la partecipazione di autorevoli soggetti del mondo delle Istituzioni e della Diocesi che insieme a rappresentanti della comunità musulmana discuteranno del recente protocollo che è stato siglato fra il Prefetto di Perugia, il Sindaco di Umbertide e l’imam di Umbertide. Il protocollo riprende i contenuti del Patto italiano di cittadinanza siglato all’inizio del 2017 fra le varie comunità islamiche italiane e recepito dal Ministero degli Interni. Quello siglato ad Umbertide rappresenta un primo importante passo al quale ne seguiranno altri con l’obiettivo di definire in maniera concreta il percorso di convivenza tra le varie comunità ed etnie presenti ad Umbertide, percorso che ad Umbertide è iniziato sin dagli anni 80 e che oggi con la firma di questo protocollo e dei successivi vede un importante momento di evoluzione dal punto di vista culturale e religioso. All’incontro sono stati invitati a partecipare, oltre al sindaco di Umbertide Marco Locchi, il Sottosegretario al Ministero degli Interni Gianpiero Bocci, l’assessore al Welfare e alle Politiche dell’immigrazione della Regione Umbria Luca Barberini, Gianfranco Chiacchieroni membro della Prima commissione consiliare della Regione, la presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Umbria Donatella Porzi, il Prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro, l’Ambasciatore del Marocco in Italia Hassan Abouyoub, il sindaco di Marsciano Alfio Todini, il vescovo della Diocesi di Gubbio mons. Mario Ceccobelli, il segretario generale della Confederazione Islamica Italiana Abdallah Massimo Cozzolino, il presidente dell’Associazione Centro Culturale Islamico di Umbertide Chafiq El Oqayly e il responsabile dell’Ufficio Ecumenico e dialogo Interreligioso della Diocesi di Perugia don Mauro Pesce.

Il 5 Stelle “Incontro promosso dalla Prefettura di Perugia, dal Comune di Umbertide e dall’Associazione Centro Culturale Islamico di Umbertide. Classico evento autoreferenziale? Temiamo proprio di sì, visto che la cittadinanza non è stata invitata a partecipare e che per l’occasione, come era stato pubblicato sul sito del Comune alcuni giorni fa, la biblioteca resterà chiusa per l’intera giornata senza spiegarne il motivo. Perché se sulla carta la struttura di Umbertide è un centro culturale islamico e non una moschea? L’autorizzazione riguarda la costruzione di un centro culturale e non di un luogo di culto, questo va contro quanto stabilito dal nostro piano regolatore che non prevede che il terreno sia destinato a questo scopo. Quello che lascia veramente stupiti è il fatto che anziché chiarire questo aspetto, tutti coloro che rappresentano le istituzioni, in primis il Prefetto, sembrano non voler cogliere questa differenza. Viene rilasciata da un Comune l’autorizzazione per la costruzione di un centro ricreativo culturale (così dice il piano regolatore) e ci ritroviamo un luogo di culto? O forse dovremmo aspettarci a breve un cambio di destinazione d’uso? Oltretutto il patto non è inclusivo di tutti i musulmani presenti nel nostro territorio perché si sta dialogando solo con una parte di essi, la comunità islamica è ben più vasta, ignorare che ci siano altre fazioni è un grave errore se veramente si vuole raggiungere la tanto pubblicizzata integrazione.”

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere