CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Umbertide, imprenditore deceduto: oggi la camera ardente alla Piana Gherardo

EVIDENZA Cronaca e Attualità Alta Umbria Extra

Umbertide, imprenditore deceduto: oggi la camera ardente alla Piana Gherardo

Redazione
Condividi

Piana Gherardo, azienda in cui verrà istituita la camera ardente

UMBERTIDE – Tragedia nella notte fra sabato e domenica scorsa al confine fra Umbria e Toscana. E’ morto Giuseppe Codovini (61 anni), direttore generale e azionista della Metalmeccanica Tiberina Holding, questa notte in un incidente stradale.

L’incidente  Il tragico avvenimento è successo poco dopo le due di notte all’altezza dello svincolo di Sansepolcro sud. Codovini viaggiava sulla sua Maserati quando ha sbandato andando a sbattere sul guard rail per poi volare giù dal cavalcavia. Sul posto sono immediatamente intervenuti il 118 di Arezzo e i Vigili del fuoco. I medici non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’imprenditore, deceduto sul colpo. A lavorare sulla ricostruzione della dinamica la polizia stradale di Città di Castello.

Chi era Giuseppe  Imprenditore di rilievo nazionale Codovini, azionista e direttore generale della Tiberina Holding, era un imprenditore riconosciuto a livello nazionale. Nel 2016 ha ricevuto a Milano il premio “Imprenditore dell’anno”, promosso da Ernst&Young, nella categoria ‘Industrial products’, destinato a coloro che che con ingegno e perseveranza hanno creato e sostenuto con successo la crescita della propria azienda. Tiberina Holding di Umbertide è azienda leader nelle lavorazioni meccaniche per il settore automotive, fornitore privilegiato di FCA (partner principale), Bmw e Daimler. In particolare, Codovini era proprio la cerniera che teneva i rapporti con il gruppo Fiat Chrysler. La sua morte è un colpo durissimo per l’azienda e per l’intero mondo imprenditoriale umbro. Giuseppe era il fratello maggiore di Giovanni Codovini, storico, docente e giornalista. Alla famiglia Codovini, le più sentite condoglianze da parte della redazione de lanotiziaquotidiana.it.

Per ricordare un suo risultato

Il cordoglio della Confindustria Il presidente di Confindustria Umbria Ernesto Cesaretti esprime, anche a nome degli imprenditori umbri, profondo dispiacere per la tragica e improvvisa morte del collega Giuseppe Codovini. “Un imprenditore stimanto – ricorda Cesaretti – e dalle non comuni capacità  manageriali. Con lungimiranza e tenacia ha saputo realizzare con Tiberina Group un gruppo all’avanguardia nel settore automotive diventando un punto di riferimento a livello internazionale per qualità, efficienza e innovazione. Ed è proprio la continua innovazione ad aver caratterizzato l’attività di Codovini facendogli conseguire quei risultati aziendali che hanno reso il Gruppo leader a livello mondiale. La sua morte  – conclude Cesaretti – ci lascia sgomenti nella consapevolezza che la sua scomparsa rappresenta una grave perdita per tutta la comunità regionale e per tutto il sistema imprenditoriale umbro e nazionale. Gli imprenditori di Confindustria Umbria si stringono alla sua famiglia e a tutti i suoi collaboratori”.

Presidente Marini Appresa la notizia della tragica morte dell’industriale Giuseppe Codovini, la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha voluto manifestare il suo più profondo cordoglio a nome suo personale e di tutta la Giunta regionale. “In questo momento – ha affermato Marini – vorrei prima di tutto esprimere la mia vicinanza alla famiglia di Giuseppe Codovini, per la sua improvvisa e drammatica scomparsa. Codovini è stato un protagonista di primo piano della storia economica ed industriale non solo di Umbertide, ma di tutta la regione. le sue grandi doti di manager lo hanno fatto conoscere ed apprezzare, infatti, anche a livello nazionale. vorrei quindi manifestare la mia vicinanza e solidarietà anche a Confindustria Umbria, alla comunità di Umbertide ed a tutte le maestranze della Tiberina Holding”.

Il deputato Pd Walter Verini  “Giuseppe Codovini era un imprenditore serio, capace, che voleva bene al suo lavoro. Una persona perbene, amabile, amico intelligente e ironico. Sono vicino alla sua famiglia, alla cara Silvia, al fratello Gianni. Ogni volta che ci incontravamo, era sempre stimolante parlare con lui, sentirsi raccontare il suo lavoro, i problemi delle imprese, l’ultimo viaggio in Brasile per seguire le attività che lavorano per FCA. O ascoltare le sue idee – giuste – per un Paese sempre più vicino alle imprese e al lavoro. La sua scomparsa così improvvisa, così dolorosa, lascia un vuoto grande nei suoi cari, ma anche in tutti noi, tra le sue maestranze e i collaboratori, nel mondo imprenditoriale, nella comunità di Umbertide e a Città di Castello, dove da tanti anni si era stabilito.”

Il deputato Pd Giampiero Giulietti  “Codovini è sempre stato un punto di riferimento non solo per il Gruppo Tiberina di cui era azionista e direttore generale, ma per l’intero tessuto economico-produttivo dell’Umbria – ha affermato il parlamentare Giulietti – Grazie anche alla sua lungimiranza e alle sue capacità imprenditoriali, nel tempo il gruppo metalmeccanico umbertidese è diventato una delle aziende italiane leader nel settore dell’automotive ed ha assunto una dimensione internazionale, aprendo siti produttivi anche all’estero. Non a caso nel 2016 Giuseppe Codovini aveva ricevuto a Milano il prestigioso riconoscimento di ‘Imprenditore dell’anno’ di Ernst&Young nella categoria ‘Industrial Products’. Con la scomparsa di Codivini, Umbertide e l’intera regione Umbria perdono un imprenditore brillante, capace di guardare sempre avanti, appassionato del suo lavoro e sempre pronto ad accettare nuove sfide. Alla sua famiglia e a tutta la grande comunità del Gruppo Tiberina esprimo le mie più sentite condoglianze e i miei più sinceri sentimenti di vicinanza”.

Camera ardente Ieri presso l’azienda Piana Gherardo (Gruppo Tiberina) è stata istituita la Camera ardente. Oggi i funerali.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere