CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Umbertide, dopo i pozzi viene vietato anche l’uso dell’acquedotto a Spedalicchio e Molino Vitelli

Extra

Umbertide, dopo i pozzi viene vietato anche l’uso dell’acquedotto a Spedalicchio e Molino Vitelli

Redazione
Condividi

La Valle del Niccone

UMBERTIDE – Vista la nota dell’USL Umbria n. 1 –Servizio igiene sanità pubblica- prot. 0105285 del 28/07/16 nella quale viene segnalata, a seguito dei risultati analitici trasmessi da ARPA UMBRIA  ed effettuati su campioni di acqua provenienti dall’acquedotto della frazione di Spedalicchio, la presenza di Ferro e Manganese in concentrazioni superiori al limite consentito dal D.lgs. 31/01 e s.m.i (paret C all I) nei campioni di acqua prelevati, ai fini di tutelare la salute pubblica, è stata emessa ordinanza n. 90 del 29/07/16, che impone il divieto di utilizzo dell’acqua proveniente dall’acquedotto, per uso potabile come bevanda o per la preparazione di alimenti quando l’acqua rappresenta l’ingrediente principale, mantenendo la possibilità di altri usi (lavaggio frutta e verdure, lavaggio stoviglie, igiene della persona e della casa). Tale divieto riguarda le frazioni di Spedalicchio e Molino Vitelli. La società UMBRA ACQUE, che gestisce l’acquedotto, provvederà immediatamente a dare diffusione della presente ordinanza alle utenze servite dall’acquedotto di Spedalicchio.

Sino all’emissione della revoca dell’Ordinanza Sindacale, UMBRA ACQUE S.p.A. garantirà un servizio sostitutivo mediante distribuzione di acqua attraverso autobotte che servirà le località interessate dall’Ordinanza in due fasce orarie in tarda mattinata e nel tardo pomeriggio.

 Ulteriori informazioni potranno essere richieste al numero verde  800 250 445 di Umbra Acque S.p.A., attivo 24 ore su 24, tutti i giorni, compresi i festivi.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere