CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Turismo in Umbria, Federalberghi: segnali positivi per luglio e agosto

Economia ed Imprese Perugia Terni

Turismo in Umbria, Federalberghi: segnali positivi per luglio e agosto

Redazione economia
Condividi
Due turisti ad Assisi
Due turisti ad Assisi

PERUGIA – Turismo? Questo è il quadro: a giugno quasi la metà degli alberghi umbri che hanno riaperto ha fatto registrare un’occupazione inferiore al 25%. Numeri drammatici, con un piccolo barlume di speranza per luglio e agosto, dove quasi il 60% prevede di arrivare al 40%. Intanto oltre la metà delle strutture dichiara di voler accettare i buoni vacanza attivati dal governo. È un quadro difficile quello sul turismo che emerge dall’ultima rilevazione di Federalberghi. “L’unica cosa positiva – dice il presidente Simone Fittuccia – è la volontà eroica degli imprenditori di questo settore di resistere, nonostante tutto. Segnali di ripresa ci sono, ma sono davvero troppo timidi per dire che va tutto bene”.

Camere vuote  “In Umbria – prosegue – ci sono migliaia di lavoratori in cassa integrazione, ci sono migliaia di camere vuote. L’imprenditore deve essere ottimista per natura, ma in questo momento è davvero difficile: con una occupazione media delle strutture alberghiere intorno al 30% è davvero difficile continuare a resistere». I dati sono «molto negativi – aggiunge il presidente di Federalberghi Umbria – che non hanno bisogno di essere commentati. Questi dati cozzano con le affermazioni ottimistiche che capita di leggere. Oggi tutti si sentono autorizzati a parlare di turismo e a fornire dati che spesso non hanno alcun fondamento. Noi il mercato lo conosciamo e lo monitoriamo costantemente, in attesa di poter disporre dei dati ufficiali della Regione. Tutto il resto è da prendere con le molle”.

Il quadro A fronte di un 14% di imprese che non ha mai chiuso i battenti, c’è un altro 14% che non ha ancora riaperto, e la metà di queste imprese non riaprirà prima del 2021. Quasi la metà (44,3%) delle imprese del campione Federalberghi (circa 100 sul totale delle 500 attività alberghiere attive in Umbria) denuncia un tasso di occupazione medio nel mese di giugno sotto il 25%; un ulteriore 10,1% tra il 26 e il 40%. Su due elementi tutte le imprese del campione di Federalberghi sono concordi: la quasi totale assenza dei turisti stranieri e la totale scomparsa del turismo organizzato. Ci si affida invece, in grandissima parte, alla prenotazione last minute, che certamente non aiuta le imprese a programmare la gestione della propria attività. Altro dato preoccupante quello relativo alla permanenza media, che per oltre il 70% del campione è di una o al massimo due notti.

Previsioni E’ sulle previsioni per l’immediato futuro che si gioca la partita dei primi, piccoli, segnali di ripresa. Quasi il 60% del campione prevede di arrivare al 40% di occupazione media della propria struttura nei mesi di luglio e agosto. Ancora troppo poco per ridare fiato alle imprese più colpite dall’emergenza economica dovuta al Covid-19. Sta crescendo, intanto, il numero degli alberghi che dichiarano di voler accettare i buoni vacanza attivati dal governo: al momento in Umbria sono il 51,9%.

Incontro Oltre alla pressione che Federalberghi e Confcommercio stanno facendo su temi centrali per le imprese – come quelli della nuova programmazione dei Fondi strutturali 2021 / 2027, lotta all’abusivismo, tassazione e misure di sostegno, locazioni e ammortizzatori sociali – si intensifica anche l’attività della organizzazione sul fronte della promozione e della commercializzazione dell’Umbria turistica. È in programma la prossima settimana l’incontro, che coinvolgerà anche l’Enit e l’assessore della Regione Umbria Paola Agabiti, sulla proposta presentata da Federalberghi Umbria alla sottosegretaria al Turismo Lorenza Bonaccorsi per concordare azioni molto mirate di promozione turistica verso il mercato italiano e quello europeo che saranno finalizzate, a partire dal prossimo autunno e in particolare per il 2021, a valorizzare le eccellenze della regione dal punto di vista dell’ambiente, della cultura, dell’enogastronomia.

Nuova offerta Altro fronte, quello della commercializzazione dell’offerta turistica regionale. Anche Federalberghi è attivamente al lavoro assieme ai rappresentanti di tutte le componenti del turismo in Confcommercio Umbria – dalle strutture ricettive alle agenzie di viaggio, dai pubblici esercizi ai campeggi e alle guide turistiche – per costruire, tutti insieme, una nuova offerta turistica umbra assolutamente trasversale, un sistema di pacchetti pronti per la commercializzazione capaci di integrare la proposta dei privati con quella pubblica, dalla cultura alla qualità agroalimentare. In questo momento si sta lavorando, in definitiva, alla costruzione di proposte per il mercato turistico all inclusive, in grado di allungare la permanenza media in Umbria ed integrarla con offerte nuove e potenzialmente uniche. In una prima fase, ci si rivolgerà prevalentemente al mercato italiano e successivamente a quello internazionale.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere