CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Turismo, a febbraio volare da Perugia a Catania costerà 10 euro

Perugia Cronaca e Attualità Città

Turismo, a febbraio volare da Perugia a Catania costerà 10 euro

Redazione
Condividi

Un velivolo di Ryanair all' aeroporto San Francesco

PERUGIA – Per tutto il mese di febbraio, i collegamenti fra il Subasio e l’Etna – e viceversa – costeranno solo 9,99 euro.  Ha destato grande interesse a Catania il progetto Destinazione Umbria, presentato nei giorni scorsi nella città siciliana da Sviluppumbria  in collaborazione con l’aeroporto ‘San Francesco d’Assisi’ di Perugia e con la società di gestione dell’aeroporto di Catania.

Il progetto La responsabile della promozione turistica di Sviluppumbria, Beatrice Morlunghi, ha illustrato le peculiarità del progetto: “Sono molto orgogliosa di presentare la mia regione, ritengo che il viaggio in Umbria sia un viaggio di scoperta che offre diversi motivi quali eventi, bellezze paesaggistiche, ricchezze culturali incredibili con città d’arte di assoluto pregio. Grazie al nuovo collegamento Ryanair Catania – Perugia potremmo dire che da un’isola di luce si può andare in un’isola di pace”. Inoltre per Sviluppumbria era presente Gianluigi Bettin, che ha avuto il compito di illustrare “la Via di Francesco”, il percorso che unisce i luoghi dove sono avvenuti gli episodi fondamentali della vita di San Francesco d’Assisi, Santo Patrono d’Italia. “L’Umbria è un crocevia di cammini. La Via di Francesco è sicuramente la principale: un unico cammino per raggiungere Assisi sui passi di San Francesco, partendo da Nord (La Verna) o da Sud (Greccio). Un cammino di oltre 270 km nel cuore verde d’Italia ma anche uno stile di viaggio, nello spirito dei pellegrini, basato sul rispetto della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni dei luoghi”. Ha quindi preso la parola l’assessore al Turismo di Assisi, Eugenio Guarducci: “Il più importante assessore nella storia di Assisi è stato, è e rimane San Francesco, un’icona importantissima non solo per Assisi ma per tutto il territorio regionale. Tengo a sottolineare che l’Umbria – ha continuato Guarducci – è una terra raggiungibile e completamente intatta per oltre il 95% della sua estensione. Non ci sono strade disastrate, nemmeno nei territori colpiti dal sisma. C’è la possibilità di raggiungerla grazie a tante motivazioni, ed ecco che ci siamo inventati questa operazione ‘L’Umbria si rimette in moto’, un grande evento per il rilancio del Turismo. L’idea è quella di fare partire dall’Umbria un invito mirato ai mototuristi, i bikers, affinché possano raggiungerla da tutta Italia per poterla vivere e raccontare chilometro dopo chilometro”. All’incontro hanno preso parte anche i vertici di Sac, la società gestrice dello scalo etneo. L’amministratore delegato Nico Torrisi ha commentato: “Sicilia e Umbria sono sempre più vicine. Amo l’Umbria e non è un segreto, tanto che avevamo iniziato già a collaborare nel settore del turismo. Oggi che siamo ancora più ‘vicini’ confidiamo di far volare tanti siciliani da Fontanarossa alla scoperta di questo territorio meraviglioso e di ospitare altrettanti cittadini umbri in un luogo non meno affascinante quale è la Sicilia”.

L’offerta Al termine della conferenza si è tenuto il workshop “Destinazione Umbria” ideato per garantire uno spazio di networking Btob tra operatori umbri, tour operator e agenzie di viaggio locali. Infine, la compagnia Ryanair – che collega Perugia e Catania con tre collegamenti settimanali – ha lanciato una nuova offerta sulla rotta con tariffe da 9,99 euro a tratta (tasse incluse) per viaggiare a febbraio e da 16,49 euro a tratta per viaggiare a marzo. I biglietti in offerta sono già acquistabili su www.ryanair.com.