CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Tributo ad Endrigo 2017, l’omaggio di Dolcenera nel concerto di chiusura

Eventi Terni Cultura e Spettacolo

Tributo ad Endrigo 2017, l’omaggio di Dolcenera nel concerto di chiusura

Emanuele Lombardini
Condividi

(Foto Niccolò Francesconi)

TERNI – Piazza Europa era gremita e Dolcenera non ha deluso le attese. La cantautrice salentina è stata la degna conclusione del Tributo a Sergio Endrigo 2017 organizzato dall’associazione Terni Città Futura. Due ore di concerto, nel quale l’artista ha alternato le canzoni del cantautore istriano ai suoi successi. Ma Endrigo, il suo modo di scrivere canzoni, ha attraversato in fondo tutta la serata, perchè Dolcenera ha spesso e volentieri usato i suoi pensieri su Endrigo come contrappunto: “La grandezza di Endrigo – ha detto nel corso del concerto – non stava solo nell’uso armonico degli accordi, ma anche nella sua semplicità, nello scrivere e come persona. Non era choosy, per usare un termine oggi molto in voga”. Non semplici cover, quelle proposte da Dolcenera, ma vere e proprie rivisitazioni, come una versione rock di ‘Ci vuole un fiore’, eseguita “perchè Endrigo era un grande anche nel confronto con canzoni per bambini”.

Dolcenera è quella di sempre: coinvolgente col pubblico, col quale non ha lesinato il dialogo fra un brano e l’altro: il live è il suo mondo, molto più di quella tv che pure le ha consentito di affinare ancora di più le doti comunicative; fresca e affascinante. Il resto lo hanno fatto i successi di una carriera lunga 15 anni, che seppur non sempre ha raccolto i riscontri che avrebbe meritato a livello discografico è comunque riuscita a far breccia in più generazioni.

Le stesse che dopo aver cantato le sue canzoni, al termine del concerto si sono fermate ad aspettarla per foto, selfies e autografi: lei non si è negata, tutt’altro: oltre mezzora, prima di salire in macchina e ripartire. Nel video sotto, alcuni momenti del bagno di folla.

TRIBUTO A ENDRIGO, VIDEO INTERVISTA A BEPPE VESSICCHIO

TRIBUTO A ENDRIGO, VIDEO INTERVISTA A FEDERICA CAMBA, DANIELE CORO E GIULIA ANANIA

Bilancio positivo per l’evento. Quanto al Tributo ad Endrigo, verrebbe da dire: buona la sesta. La grande affluenza agli eventi testimonia la bontà della scelta di trasformare l’evento in una kermesse di tre giorni, nella quale hanno trovato spazio non solo i grandi nomi della musica, ma anche i giovani talenti locali, che hanno avuto la possibilità di esibirsi di fronte ad un pubblico che ha potuto conoscere le loro canzoni.

Il ricordo e il tributo del grande cantautore di Pola, che fu sposato con una ternana e ora con lei è sepolto nel cimitero cittadino, è diventato il trampolino per parlare di musica con chi la fa di mestiere e per ascoltarne tanta e di buona, da varie e differenti angolazioni. Con la stessa onestà intellettuale con la quale in passato s’era scritto delle zoppìe che avevano caratterizzato le prime quattro uscite e del miglioramento arrivato con Morgan, adesso si può dire che il Tributo ad Endrigo è finalmente maturo ed ha probabilmente trovato la chiave giusta. Da qui l’evento può senz’altro prendere lo slancio, magari per crescere ancora.

Si ringrazia Niccolò Francesconi per le foto scattate nel corso del concerto

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere