CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Treofan, proclamato lo sciopero dopo l’ultima assemblea

Economia ed Imprese Terni

Treofan, proclamato lo sciopero dopo l’ultima assemblea

Redazione economia
Condividi
Un manifestazione degli operai della Treofan
Un manifestazione degli operai della Treofan

TERNI – Stato di agitazione, blocco degli straordinari e un primo blocco di sciopero di otto ore. Questo quanto deciso dai sindacati dopo l’ultima assemblea che ha messo di fronte lavoratori e azienda. La decisione è stata presa dalle segreterie nazionali e territoriali Filctem Cgil, Femaca Cisl e Uiltec Uil, con le Rsu, dopo l’incontro via web tenuto martedì.

La scelta “In data 9 giugno – scrivono in una nota i sindacati – si è tenuta via web un’assemblea con i 150 lavoratori dello stabilimento di Terni. La discussione è stata molto animata ed è emerso il disappunto e la rabbia dei lavoratori intervenuti, che di fronte alle continue promesse dell’amministratore delegato Manfred Kaufmann sulla strategicità dello stabilimento per i progetti Treofan /Jindal, vedono negarsi sistematicamente incontri promessi e risposte chiare per il futuro, come stabilito nell’ultimo incontro al Mise durante il quale si era concordato un incontro tecnico in azienda e la presentazione per iscritto di un piano industriale per lo sviluppo dello stabilimento di Terni. Inoltre, continua il depauperamento degli ordini dei film speciali nati e prodotti da sempre a Terni, che vengono dirottati all’estero, incidendo sull’equilibrio della bilancia dei prodotti italiani, in un settore strategico come quello degli imballaggi plastici alimentari. A risentire pesantemente di queste scelte del manager di Treofan è anche l’equilibrio economico dello stabilimento che, dimezzate le produzioni, rischia di vedere per la prima volta dopo anni un bilancio negativo.

Angoscia Secondo i sindacati “la preoccupazione per il futuro dello stabilimento angosciano pesantemente i pensieri delle famiglie ternane che vedono sullo sfondo lo spettro del destino dello stabilimento di Battipaglia, chiuso definitivamente e passato ad altra società. Il grande senso di responsabilità dimostrato fino a questo momento dai lavoratori in attesa di risposte è encomiabile, nonostante queste risposte  sistematicamente non siano mai arrivate. Soprattutto si sentono derubati del proprio know out e del proprio futuro”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo