CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Treofan, arriva la fumata bianca: firmato l’accordo al Mise

EVIDENZA Terni

Treofan, arriva la fumata bianca: firmato l’accordo al Mise

Redazione economia
Condividi
Un manifestazione degli operai della Treofan
Un manifestazione degli operai della Treofan

ROMA – Fumata bianca. Nella notte tra lunedì e martedì è stato firmato, sotto il coordinamento del Mise, l’accordo tra i vertici di Treofan e sindacati sul futuro dello stabilimento del polo chimico di Terni. ‘accordo arriva dopo un mese e mezzo di sciopero. Tra i punti presenti nell’accordo sottoscritto c’è l’apertura della cassa integrazione ordinaria per Covid, l’uscita di prodotti finiti a fronte di ordini di produzione (ma non in quantità paritetica), la conferma dei trasferimenti dal sito dismesso di Battipaglia di una taglierina e di un ventilatore per silos e la promessa di prove sperimentali per la produzione di nuovi materiali. Da capire la posizione delle sigle sindacali.

L’accordo “Il Mise – scrive in una nota la sottosegretaria, esponente Cinque stelle Alessandra Todde  – riferisce che l’accordo prevede la sospensione dello sciopero dei lavoratori, che proseguiva dal 29 giugno scorso, e il contemporaneo impegno dell’azienda a ristabilire normali relazioni industriali e sindacali. In questo contesto, l’azienda si è inoltre impegnata a ripartire da subito con la pianificazione della produzione per i prossimi mesi, al fine di riconquistare la fiducia dei clienti e consentire il rilancio dello stabilimento di Terni. Inoltre, le parti hanno concordato che a partire da oggi, martedì 11 agosto, Treofan avvierà il ricorso alla Cassa Integrazione Covid-19 e si mobiliterà per anticipare il pagamento del trattamento economico. In merito alla cassa integrazione, sarà consentito ai lavoratori che ne faranno richiesta di godere prioritariamente delle ferie maturate e che saranno attuate modalità di rotazione. In aggiunta, l’azienda si è impegnata ad incontrare la Regione Umbria per approfondire eventuali opportunità connesse con i piani di sviluppo regionale, con il Polo Industriale di Terni e con l’area di crisi complessa. Lo sforzo per raggiungere questa intesa – aggiunge Todde –  è stato importante. Abbiamo mantenuto il tavolo aperto da venerdì scorso fino alla tarda notte di ieri, in modo che si trovasse una mediazione”.

Fioroni L’assessore allo Sviluppo economico della Regione, Michele Fioroni, ha espresso soddisfazione per la sottoscrizione dell’accordo tra la Treofan e le organizzazioni sindacali, intervenuto nella notte.  “Con l’accordo, il ristabilirsi delle relazioni industriali, la sospensione dello sciopero ed il riavvio dell’attività produttiva – come ha sottolineato l’assessore Fioroni – si è compiuto un passo importante nella direzione del rilancio strutturale dello stabilimento di Terni, che traguardi lo sviluppo dell’azienda e dell’intero polo chimico, i cui avanzamenti saranno monitorati già a partire della metà di settembre”. L’assessore ha ribadito “l’impegno della Regione Umbria in relazione alle prospettive di sviluppo dell’azienda, rendendo disponibile la propria strumentazione, anche riguardo alle opportunità connesse all’area di crisi complessa di Terni-Narni”.

Pd  Sulla vertenza anche il deputato Pd Walter Verini: “L’accordo raggiunto nella notte crea le condizioni per consentire allo stabilimento ternano di continuare ad avere un futuro produttivo e occupazionale di qualità. Il Governo, con la Sottosegretaria Todde, ha svolto un ruolo significativo per avvicinare le parti e chiudere una vertenza che aveva costretto lavoratori e sindacati a una dura azione di sciopero, di fronte ad atteggiamenti inaccettabili della proprietà. Ora l’accordo va applicato, monitorato per garantire la piena ripresa produttiva di un sito che rappresenta una realtà fondamentale del polo chimico ternano, in un territorio fortemente colpito dalla crisi e che si batte contemporaneamente per il futuro delle acciaierie. Come Pd ternano, umbro e nazionale – ricordiamo anche l’incontro con i lavoratori della Presidente della Commissione Lavoro Debora Serracchiani – abbiamo seguito da vicino la vertenza, fino al momento dell’intesa di questa notte e continueremo a farlo avendo a cuore le priorità rappresentate dal lavoro, dall’impresa, dall’occupazione”.

M5s  “Esprimiamo moderata soddisfazione – dichiara il consiglio regionale del M5S Thomas De Luca  – per l’accordo raggiunto nella notte tra sindacati e la proprietà Jindal in merito alla vertenza Treofan. Si tratta di un risultato importante nel breve termine e che ha visto il Governo, nella persona della sottosegretario Alessandra Todde e del vicecapo di gabinetto Giorgio Sorial, protagonista in prima linea attraverso un impegno fermo e deciso. Il Governo da parte sua ha ribadito la piena attenzione sulla vertenza con un monitoraggio del rispetto degli impegni presi e una prossima riconvocazione dell’azienda a metà settembre. Il ripristino delle condizioni essenziali per il riavvio dell’attività, il trasferimento di alcuni macchinari da Battipaglia e gli altri strumenti contenuti nell’accordo dimostrano che la partita è ancora aperta ed è tutta da giocare. Ora però la palla passa alla Regione Umbria ed è necessario un deciso cambio di passo. Ci aspettiamo – conclude – che vengano messe sul tavolo risorse, programmi, progetti e strumenti di programmazione a livello territoriale decisivi per garantire l’attrattività del sito e dell’intero polo chimico come successo negli stabilimenti in Puglia”.

 

(Servizio in aggiornamento)

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere