CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Trema ancora la Valnerina: scossa di terremoto di magnitudo 4 a Norcia, torna di nuovo la paura in città e gente in strada

EVIDENZA Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra

Trema ancora la Valnerina: scossa di terremoto di magnitudo 4 a Norcia, torna di nuovo la paura in città e gente in strada

Redazione
Condividi
Un sismografo
Un sismografo

NORCIA – Non bastasse la devastazione e l’oblio, la terra torna a tremare ancora a Norcia. Una scossa di terremoto, ben distinta chiaramente in tutta l’Umbria, è avvenuta alle 2.02 di domenica con epicentro a 4 chilometri da Norcia. Magnitudo 4, profondità 8 metri, secondo quanto riscontra l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Alle ore 7,12 è  stata avvertita una seconda scossa di 2,7 gradi Richter. Al momento non si riscontrano feriti o danni. Diverse sono state comunque le telefonate giunte ai vigili del fuoco da persone che chiedevano informazioni. Si tratta dell’ultimo sciame sismico di una scia cominciata con tre scosse di lieve entità in serata a Trevi, una a Campello sul Clitunno e una sempre lieve, alle 1.24, anche a Pietralunga.

Alemanno “La paura del terremoto è qualcosa che ti sedimenta dentro e che torna con tutta la sua prepotenza non appena senti il boato della terra”, ha dichiarato il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, dopo l’ennesima importante scossa di terremoto di magnitudo 4.1 che si è verificata alle 2,02 della notte. “Viviamo da sempre in una zona sismica – ha sottolineato ancora Alemanno – ma non ci si abitua mai al terremoto. Questo nuovo episodio, e parlo da sindaco, porta in me un po’ di frustrazione perché sembra che questa emergenza non finisca mai e quando pensi che ti sei messo alle spalle il peggio ecco che ripiombi indietro nel tempo”. “Ma come non ci siamo fatti vincere dalla paura tre anni fa – ha detto ancora il sindaco di Norcia – meno che mai dobbiamo cedere adesso”.

Verifiche “Dalle prime verifiche eseguite con i vigili del fuoco e la protezione civile le messe in sicurezza hanno tutte perfettamente retto, compresa quella alla Basilica di San Benedetto”, ha dichiarato Alemanno che subito dopo la scossa di 4.1 della notte ha attivato la macchina dell’emergenza per eseguire tutti i primi controlli necessari sia nel capoluogo sia nelle frazioni”. “Abbiamo fatto dei sopralluoghi a tutti i principali siti già danneggiati dai terremoti del 2016 – ha spiegato – e abbiamo constatato che le messe in sicurezza hanno tutte ben tenuto. Anche se nelle prossime ore e nei prossimi giorni si procederà a controlli più approfonditi”. Sono state verificate anche lo stato delle strade, compresa quella che porta da Norcia a Castelluccio e “anche in questo caso non si registrano situazioni di criticità”.

La lettera “La ricostruzione post terremoto sia al centro del programma del nuovo Governo”: a chiederlo è il presidente della Regione Umbria Fabio Paparelli. Il quale ha annunciato che lunedì invierà una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Paparelli sta seguendo la situazione in contatto con la Protezione civile regionale e nazionale. “Non risultano danni alle strutture già messe in sicurezza – ha detto – ma sarà necessario rifare i sopralluoghi agli edifici privati con danni lievi. La macchina si è già rimessa in moto anche se in realtà non si è mai fermata”.

Incontro Saranno 18 le rappresentanze delle cittadine colpite dal terremoto in visita dal premier Giuseppe Conte, nella giornata di domani, lunedì. Per Norcia ci saranno Lorenzo Delle Grotti e Rosa Maria Marini. All’appuntamento con il premier i rappresentanti portano proposte per accelerare e rendere possibile un ritorno a una vita se non ‘normale’ quantomeno in grado di creare i presupposti per ripartire.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere