CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Trasporti, dopo le polemiche arriva il nuovo accordo tra aeroporto e Ryanair

Economia ed Imprese EVIDENZA Extra

Trasporti, dopo le polemiche arriva il nuovo accordo tra aeroporto e Ryanair

Redazione economia
Condividi

Un velivolo di Ryanair all' aeroporto San Francesco

PERUGIA – Nuovo contratto tra la Sase, la società che gestisce l’ aeroporto di Perugia, e Ryanair. L’ accordo – sottolineano in una nota – consentirà, nell’ arco dei prossimi cinque anni, di “stabilizzare e potenziare la presenza in Umbria del principale vettore d’ Europa per passeggeri trasportati”. Il nuovo accordo prevede un progressivo incremento di volumi di traffico e rotte, privilegiando i collegamenti internazionali, con particolare riferimento ai mercati strategici su cui si stanno concentrando le iniziative di promozione programmate dalla Regione. Alle quattro rotte già operate (Londra e Catania annuali, Bruxelles e Trapani stagionali) si aggiungerà dal 27 marzo prossimo il nuovo collegamento da e per Francoforte, operato ogni martedì e sabato.

Cesaretti Per il presidente della Sase Ernesto Cesaretti “l’ accordo con Ryanair testimonia l’ ottimo rapporto, oramai decennale, con il vettore irlandese e rappresenta un tassello essenziale nello sforzo di consolidamento e sviluppo dell’ aeroporto dell’ Umbria“. “Ci consente infatti – ha aggiunto – di guardare con positività ai prossimi anni e mettere nel mirino per il medio periodo il traguardo dei 350.000 passeggeri.

Sviluppo Il nuovo collegamento con Francoforte permetterà di sviluppare ulteriormente l’ incoming turistico dalla Germania (a oggi il primo mercato per quanto riguarda gli arrivi in Umbria) e sarà sicuramente apprezzato sia da chi viaggia per motivi di business che di piacere”. “Siamo lieti di aver siglato questo nuovo accordo di cinque anni con Sase” il commento di David O’ Brien, chief commercial officer di Ryanair. “Perugia ha un ruolo importante nel nostro network – ha proseguito -, con cinque rotte nella programmazione estiva 2018 e siamo impazienti di continuare a far crescere traffico, rotte e i posti di lavoro nella regione”.