CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Todi Festival verso la chiusura del sipario

Eventi Cultura e Spettacolo Marsciano Todi Deruta Città

Todi Festival verso la chiusura del sipario

Francesca Cecchini
Condividi

SIPARIO UMBRIA – Weekend finale per il Todi Festival, in scena a Todi fino al 3 settembre. Giornata ricca di eventi domani (2 settembre), penultima giornata, che inizierà alle ore 11 con un appuntamento dedicato alla musica classica all’Aula Magna del Liceo Jacopone da Todi. Ad esibirsi nel concerto Musica al Femminile, sarà l’Orchestra della Scuola Musicale di Musica di Todi, diretta da Stefano Giardino. Alle ore 17.30 alla Sala del Consiglio di Palazzo del Capitano l’attenzione si sposta su un tema attuale quale la violenza di genere con lo spettacolo in anteprima nazionale della Compagnia degli Gnomi Maledetta la neve, intervista a mariti assassini. Le voci sono quelle di uomini normali quelle che parlano, padri di famiglia, figli di madri amorevoli. Che sono anche assassini, assassini delle proprie compagne, delle proprie mogli, delle madri dei propri figli. Persone comuni eppure assassini.La pièce è tratta dal libro edito da Morlacchi Non è colpa mia che verrà presentato a seguire alla presenza delle autrici Vanna Ugolini e Lucia Magionami.

nessuno-puo-mettere-baby-in-un-angolo

Alle ore 19 al Nido dell’Aquila, per Todi OFF, sarà la volta di Nessuno può tenere Baby in un angolo della Compagnia Amendola-Malorini. Prova a prendere sonno pensando che non esisti, che nessuna donna da nessuna parte ti sta pensando. Gli indizi stringono su uno che poteva fare tante cose e fa il benzinaio. Nessuno può tenere Baby in un angolo è un giallo, un giallo ocra. Un racconto in tre movimenti, un uomo e nessuna riga in cronaca nera. Tre atti per una verità, difficile da raggiungere. Come difficile è il dialogo nei rapporti. Come difficile è non finire a parlare soli. In un monologo. Nessuno può tenere Baby in un angolo è l’ultima possibilità per Luciano Schiamone detto Lucio di essere una persona. Anche con le donne. Che non riesce ad amare come vorrebbe. Sempre alle 19 si terrà il reading del format Giardini Segreti che vedrà protagonista il graphic novelist e musicista Alessandro Baronciani (info per secret concert delle ore 21 e ore 22.30: 329.1813629). Alle 20 il teatro Comunale ospiterà Lavoro è vita, produzione della compagnia Elisa di Rivombrosa, regia di Giampiero Frondini. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Fontemaggiore, che ne cura la direzione artistica, e l’Associazione Italiana Persone Down, che ha fortemente voluto un percorso teatrale attraverso il quale i ragazzi potessero arrivare a gestire autonomamente la scena. Lo spettacolo parla del lavoro, quello desiderato e quello reale. C’è chi sogna di diventare un pilota di Formula 1, chi di recitare alla Scala di Milano, chi di essere una scrittrice di successo, chi una grande attrice come Anna Magnani. Poi, si torna alla realtà, dove c’è chi serve in un fast-food e si cruccia di dover pulire sotto i tavolini a causa della sua allergia alla polvere, chi lavora in pizzeria e fa volteggiare le pizze in aria, chi fa risotti o taglia verdure: lavori più comuni di quelli desiderati, ma comunque amati. E così questa allegra brigata di lavoratori, in un allegro finale, troverà giusto festeggiare quello che ha: una lavoro e quindi una dignità. Alle 20.30 e alle 22.30 prenderà invece il via Medea per strada, spettacolo itinerante al debutto, con Elena Cotugno. In scena, la storia di una giovane migrante scappata dal proprio paese, arrivata in Italia e finita a prostituirsi per amore di un uomo da cui si crede ricambiata. L’ambientazione è la strada o meglio le strade locali della prostituzione tra Todi e Perugia. Il pubblico, sette spettatori in tutto, viene invitato a salire su un vecchio IVECO Daily insieme alla protagonista. Spettacolo di punta, alle 21.30 in piazza del Popolo, sarà Michelangelo di e con Vittorio Sgarbi. Lo spettacolo, promosso dall’associazione Umbra della Canzone e della Musica d’Autore, è in anteprima per l’Umbria. Dopo lo straordinario successo dello spettacolo teatrale Caravaggio, dove Vittorio Sgarbi ha condotto il pubblico in un percorso trasversale fra storia dell’artista e l’attualità del nostro tempo, parte una nuova esplorazione sull’universo Michelangelo. Musiche dal vivo esguite da Valentino Corvino, video ed elaborazioni visive di Tommaso Arosio. Prevendite on line su Ticket Italia

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere