CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Regione Tesei in Consiglio: “Siamo in guerra contro il virus, servono unità e vaccini”

EVIDENZA Extra

Regione Tesei in Consiglio: “Siamo in guerra contro il virus, servono unità e vaccini”

Redazione politica
Condividi
L'aula del consiglio regionale
L'aula del consiglio regionale

PERUGIA – La presidente della Regione Donatella Tesei ha parlato martedì mattina in consiglio regionale, facendo il punto sull’emergenza Covid. Parlando della zona rossa che ormai racchiude trequarti dell’Umbria, spiega: “Abbiamo fatto la cosa che avrebbe fatto qualsiasi governatore. Affrontando l’impopolarità ma a tutela della salute che è il bene primario di tutti. E’ stato per me un momento di grande dolore perché ho a cuore gli umbri, che sono chiamati ad un sacrificio importante, ed i giovani a cui va il nostro primo pensiero. La variante brasiliana rischia di diventare il ‘nuovo mostro’ di questa crisi, ma non per l’Umbria, per tutta l’Italia. Vengono segnalati focolai in diverse zone del Paese. Se sarà così, ovviamente spero di no, all’Umbria è toccato il compito di affrontare per prima tale variante e non ho dubbi che, ancora una volta, tutti insieme supereremo questa terribile sfida”

Subito vaccini e ristori. L’emergenza è quella dei vaccini, col piano nazionale che va molto lento. Ma c’è anche l’economia che ha bisogno di una scossa: “Ho scritto al Governo – dice -per chiedere ristori per le ‘zone rosse’ per l’Umbria e la costituzione di un fondo di 10 milioni per le famiglie che devono assistere i bambini sotto i 12 anni a casa. Al commissario Arcuri ho chiesto altri 50 mila vaccini ulteriori rispetto al piano per l’Umbria. Sugli anticorpi monoclonali, oggi stesso scriverò perché il commissario possa anticipare dosi adeguate per iniziare la somministrazione. Sui vaccini, unica vera soluzione al virus, va fatta chiarezza: siamo la quinta regione per vaccini somministrati rispetto alle dosi ricevute. Siamo sempre stati una delle regioni più attente al rispetto della somministrazione sulle categorie, come previsto dal Governo. Ora abbiamo 3.500 vaccini, sufficienti per appena due giorni, fra oggi e domani dovrebbero arrivarne altri. Dal 15 febbraio vaccineremo gli ultra 80enni, gli odontoiatri, farmacisti e medici libero professionisti”.

Disabili Tesei ha poi sottolineato come “poi passeremo a disabili, insegnanti, forze dell’ordine, servizi di pubblica utilità e poi le altre categorie di età. Serve una campagna forte di cui potrei occuparmi io direttamente. Va detto però, nel rispetto della verità, che ci sono cambiamenti continui che derivano da circostanze come le consegne delle aziende, ma anche altre questioni e studi che si stanno prospettando alla luce della reattività dei vaccini alle varianti. Non dobbiamo parlare in modo semplicistico ma seguire la scienza. Noi ci siamo e la nostra organizzazione vaccinale, basata su 27 team, 12 sedi e 13 team itineranti sul territorio, è solida. Possiamo somministrare oltre 1.800 dosi ogni giorno: oltre ciò che ci è stato reso sinora disponibile

Come una guerra. Tesei usa un termine forte ma efficace: “Siamo in guerra ed in guerra non ci si divide mai: si risponde in maniera corale all’aggressione di un nemico per difendere la propria terra. Sono convinta del senso di responsabilità che caratterizza tutti voi consiglieri ed i cittadini  Di fronte a noi c’è un grande nemico che è il virus con forme sempre più violente e diffusive, individuate da noi in maniera molto veloce come riconosciuto dall’ISS e dal ministro della Salute. Sono convinta che riusciremo a fronteggiare tale situazione. Sappiate che antepongo a tutto il bene degli umbri, dei cittadini della mia regione e dei giovani. Cercheremo di fare fronte a tutto ciò e di dare le risposte che i cittadini meritano di avere”.

A Fratelli d’Italia Replicando alle acritiche provenienti da Fratelli d’Italia, la presidente ha rimarcato che “le azioni indifferibili in sanità non le chiede solo un pezzo di maggioranza, ma tutta la maggioranza, l’intera giunta e io in primis, così come le chiedono gli umbri”.

Opposizione Critiche dal versante dell’opposizione è arrivata dal portavoce Fabio Paparelli secondi cui la maggioranza “la maggioranza non si è dimostrata all’altezza di assumere responsabilità tempestive”,

Mozione e polemica Votata all’unanimità la mozione presentata da Fratelli dìItalia che chiedeva alla Giunta “un cambio di passo”. “Siamo stati chiamati a ricostruire. E per questo – ha detto il consigliere Pace – abbiamo presentato questa mozione, che contiene una serie di proposte scaturite dall’ascolto e dalle audizioni, dalle visite negli ospedali e dal confronto con le associazioni di volontariato. Il cambio di passo da passo della giunta è necessario e l’inerzia è un lusso che possiamo permetterci”. Dai banchi della Lega invece il capogruppo Stefano Pastorelli ha difeso l’operato della Giunta.  Duro il commento del coordinatore regionale e parlamentare della Lega, Virginio Caparvi. “Dopo l’ennesimo zelante comunicato stampa di FdI – dice Caparvi – non possiamo che prendere atto di una bizzarra consuetudine che vede una forza di maggioranza preferire la stampa al dibattito interno. Tutto ciò in barba al “proverbiale senso di responsabilità” che i patrioti nostrani predicano ma non praticano”. Respinte al mittente, invece, le mozioni di Pd e M5S. Ma lo scontro all’interno della maggioranza non sembra concluso. Ci saranno, molto probabilmente, altre puntate.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere