CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, via dell’Argine si tira a lucido: parcheggi, piste ciclabili e area giochi

Cronaca e Attualità Terni

Terni, via dell’Argine si tira a lucido: parcheggi, piste ciclabili e area giochi

Redazione
Condividi

TERNI – Terminati i lavori lungo via dell’Argine, in zona Lungonera, a Terni, realizzati con un investimento di circa 200mila euro. Chiuso il cantiere per 51 posti auto, marciapiedi e una pista ciclabile. E lunedì saranno messi a dimora 19 alberi, tutti provenienti dalle donazioni dei cittadini nell’ambito del progetto Terni Verde organizzato dall’amministrazione comunale. Posizionati anche i giochi per i bambini, mentre per le panchine si procederà da lunedì. “Si tratta di un intervento che il quartiere aspettava da anni, che era stato promesso addirittura fin dal 2009 – spiega in una nota l’assessore ai Lavori pubblici Enrico Melasecche – e che ora, finalmente, sarà portato a termine e ulteriormente perfezionato”. Sarà realizzata anche un’area cani, con panchine e una fontanella, così da tener ben distinte le aree relax e per i giochi dei bambini da quelle riservate al benessere degli animali.

 

Aprile “Contiamo di terminare tutto entro i primissimi giorni di aprile – sottolinea Melasecche – e di aprire l’area al pubblico con una vera festa di quartiere. Il nostro auspicio infatti è che queste nuove aree verdi di via dell’Argine, alle quali si aggiungeranno a breve i nuovi giardini in corso di realizzazione tra via Farini e via Gramsci, diventino un luogo di ritrovo, ma soprattutto che siano in qualche maniera adottate dai cittadini che abitano nella zona, con i quali potremmo creare un rapporto di collaborazione, raccogliendo le loro idee per far sì che i lavori eseguiti, i giardini e i giochi siano frequentati e rispettati da tutti. Un segnale in questo senso viene anche dalle nuove alberature che, appunto, sono state donate dai cittadini attraverso il progetto lanciato dalla nostra amministrazione in collaborazione tra l’assessorato ai Lavori pubblici e l’assessorato all’Ambiente di Benedetta Salvati”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere