CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, “Tutti per aria” con le Fondazioni Carit e Umberto Veronesi

Terni Cultura e Spettacolo Extra

Terni, “Tutti per aria” con le Fondazioni Carit e Umberto Veronesi

Redazione
Condividi

TERNI – Fra l’ambiente in cui viviamo e la nostra salute esiste un legame indissolubile e complesso. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità nove persone su dieci nel mondo sono esposte agli effetti nocivi dell’inquinamento, che è causa ormai riconosciuta di malattie cardiovascolari, respiratorie, oncologiche. Ecco perché Fondazione Umberto Veronesi, con il sostegno di Fondazione Carit, ha ideato e organizzato “Tutti per Aria. Dieci giorni dedicati alla salute di grandi e piccini”, un ciclo di eventi unico nel suo genere che a Terni, dal 21 al 30 settembre, coinvolgerà cittadini adulti e bambini, scienziati e giornalisti, tutti insieme per discutere di stili di vita, cibo, aria, acqua, suolo e aree verdi. La rassegna, realizzata nell’ambito del progetto “Parliamo di Scienza con Fondazione Umberto Veronesi grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni”, che ha il patrocinio del Comune di Terni, sarà l’occasione per trattare apertamente il tema dell’inquinamento ambientale, per migliorare la sensibilità e il livello di informazione sul tema, ma anche per fare chiarezza sui rischi e sulle possibili soluzioni. Straordinariamente ricco il programma degli appuntamenti, che prevedono iniziative all’aria aperta all’insegna dello sport e del verde, incontri con i massimi esperti sul tema, laboratori educativi per bambini e ragazzi. Durante l’evento sarà presentato il nuovo Manuale “Inquinamento e salute” di Fondazione Umberto Veronesi, uno strumento pratico che si propone di fornire risposte chiare, esaurienti e rigorose sul piano scientifico alle domande più comuni in tema di inquinamento sul luogo di lavoro, in casa e all’aperto. Il manuale sarà scaricabile gratuitamente dall’area download del sito www.fondazioneveronesi.it a partire dal 1 ottobre.

Ricerca scientifica. “La Fondazione Umberto Veronesi si impegna da quindici anni per finanziare la ricerca scientifica d’eccellenza e diffondere la cultura della prevenzione. Abbiamo ritenuto urgente e necessario affrontare un tema complesso come l’inquinamento” ha spiegato Paolo Veronesi, Presidente di Fondazione. “Sappiamo che le sostanze presenti nell’ambiente influiscono sulla nostra salute, possono contribuire a farci vivere meglio o, al contrario, arrecare danni gravi – prosegue il Professor Veronesi -. Quasi un quarto dei decessi al mondo sono legati all’inquinamento: è un peso enorme, che però possiamo attenuare e prevenire, in primo luogo attraverso la conoscenza di cosa, dove e in quale modo può aumentare il nostro rischio di ammalarci. È un obiettivo tutt’altro che semplice, in un ambito in cui spesso allarmi e indifferenza si alternano senza una logica apparente. La scienza gioca un ruolo fondamentale e Tutti per aria è un’occasione di incontro, informazione e dibattito per i cittadini e per chi ha il compito di prendere decisioni cruciali per la salute di tutti”.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, sorta il 24 luglio 1992 a seguito dello scorporo dall’omonima società bancaria, persegue scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico locale. “Nell’ambito della propria attività istituzionale Fondazione CARIT ha accolto con molto piacere la possibilità di poter sostenere questo importante progetto curato dalla Fondazione Umberto Veronesi, un’eccellenza per la nostra nazione nel campo della ricerca scientifica” ha dichiarato Luigi Carlini, Presidente della Fondazione. “Terni, collocata nel “cuore verde” d’Italia, è purtroppo una delle aree più colpite dagli effetti negativi sull’ambiente conseguenti al processo di industrializzazione degli ultimi centocinquanta anni. Da autorevoli studi pubblicati recentemente sono emerse notevoli criticità ed è stato rilevato il rapporto sempre più stretto tra inquinamento e salute della comunità. È in questa cornice che si è inserita la volontà del Consiglio di amministrazione della Fondazione Carit di intervenire con un contributo per la realizzazione della manifestazione Tutti per Aria. Dieci giorni dedicati alla salute di grandi e piccini, nell’ambito del progetto Parliamo di scienza con Fondazione Umberto Veronesi grazie a Fondazione Carit. L’auspicio è che con la pubblicazione del manuale Inquinamento e salute si possa contribuire a chiarire questa tematica con l’obiettivo di sviluppare nel cittadino una consapevolezza più diffusa dell’argomento e una coscienza più significativa dell’importanza di perseguire una efficace prevenzione per una migliore qualità della vita”. L’intera manifestazione Tutti per aria è resa possibile grazie all’impegno della Delegazione di Terni di Fondazione Umberto Veronesi, guidata da Maria Possenti Castelli. La delegazione è nata nel giugno nel 2013 e in questi anni ha portato avanti una grande attività di divulgazione sul territorio, organizzando, in particolare, laboratori educativi rivolti alle famiglie.

Il programma completo. 21 settembre 2018 – 4ª Notturna di Fine Estate Memorial Mauro Moroni, di Ternana Marathon Club in collaborazione con IoCorro. Una camminata e corsa ludico-motoria di 5 e 10 km a favore della Delegazione di Terni di Fondazione Umberto Veronesi. Appuntamento a Largo Villa Glori, ore 20.00 ritrovo e iscrizioni, ore 21.00 partenza, iscrizione 5 euro; soci FIASP 4,50 euro (per informazioni: 347 6217014; info@ternanamarathonclub.it)

22 – 30 settembre 2018 – Bosco in Città, installazione aperta al pubblico in Piazza della Repubblica. 28-29 settembre 2018 – Incontro con la cittadinanza su inquinamento e salute, Sala Blu Palazzo Gazzoli (Via Teatro Romano, 13). Aperto a tutti, con i migliori esperti a livello nazionale che illustreranno i dati più attuali, le evidenze epidemiologiche e le esperienze delle aree interessate. Interverranno Carla Ancona, Massimo Bernardoni, Lucia Bisceglia, Edoardo Croci, Aldo Di Benedetto, Susanna Esposito, Francesco Forastiere, Margherita Fronte, Massimo Galbiati, Walter Ganapini, Silvio Garattini, Sergio Harari, Pier Mannuccio Mannucci, Nicola Murgia, Daniela Ovadia, Roberta Pirastu, Andrea Ranzi. A condurre le due giornate Donatella Barus, Direttore del Magazine di Fondazione Umberto Veronesi. È possibile iscriversi online al seguente link: https://tuttiperaria_incontro_inquinamentoesalute.eventbrite.it. Nel corso dell’incontro sarà anche consegnato il primo Premio giornalistico nazionale Fondazione Umberto Veronesi su “Inquinamento e salute”.

29 e 30 settembre 2018 – Laboratori educativi per le scuole, Istituto Leonino Scuola Cattolica Partitaria in Via Aurelio Saffi, 8. 4 turni per giornata: • 10.00-11.00 • 11.30-12.30 • 14.30-15.30 • 16.00-17.00. Bimbi in cucina, genitori in classe: per i bambini delle scuole elementari, che imparano a cucinare merende e colazioni salutari, mentre i loro genitori seguono l’intervento di una nutrizionista che illustra tante semplici regole per mettere in tavola piatti gustosissimi, ma che fanno bene a tutti, grandi e piccoli. Ragazzi in laboratorio, genitori in classe: dedicato agli studenti della scuola secondaria di primo grado per veicolare in modo coinvolgente e divertente i concetti base legati al DNA, la molecola della vita, e spiegare come l’alimentazione influenza i nostri geni e quindi la nostra salute. Durante i laboratori, gli studenti, guidati dai divulgatori scientifici di Fondazione Umberto Veronesi, realizzano un esperimento scientifico estraendo il DNA da un frutto e successivamente approfondiscono la relazione tra il cibo con cui ci nutriamo e il nostro patrimonio genetico. Parallelamente, una nutrizionista di Fondazione Umberto Veronesi spiega ai genitori l’interazione tra alimenti e DNA.

Premio giornalistico. Nel corso della rassegna Tutti per Aria. Dieci giorni dedicati alla salute di grandi e piccini saranno premiati i vincitori del primo Premio giornalistico Fondazione Umberto Veronesi su Inquinamento e salute. La giuria, presieduta dal Professor Pier Mannuccio Mannucci, Professore Emerito di Medicina Interna dell’Università Statale di Milano, ha deciso di premiare Daniela Cipolloni, per i servizi Polveri killer andati in onda su Petrolio – Raiuno il 15 giugno 2017. Perché affronta il tema dell’inquinamento da polveri con un linguaggio al contempo chiaro e rigoroso; ne racconta l’impatto, anche nei suoi aspetti meno scontati, con grande forza comunicativa, senza perdere di vista la necessità di dare allo spettatore gli strumenti per comprendere le informazioni scientifiche e per interpretare l’attualità sui temi ambientali. Il lavoro apre nuovi spunti di riflessione sulla salute e l’aria che respiriamo, nella speranza di un cambiamento possibile. Il secondo premio è stato assegnato a Elena Meli per gli articoli Ripulire l’aria in casa riduce anche lo stress e Lo smog può favorire la fibrosi polmonare pubblicati sul Corriere della Sera il 1 ottobre 2017 e il 4 febbraio 2018. I servizi affrontano tematiche di interesse diffuso con un approccio pragmatico, contribuiscono a promuovere consapevolezza nel lettore offrendo ponendolo nella condizione di tutelare la salute attraverso i gesti quotidiani, in modo attivo e responsabile. La giuria ha poi deciso di riconoscere due menzioni speciali. La prima a Daniele Morgera, per il servizio Quei campi sulla Via Pontina trasmesso sul Giornale Radio Rai – Radio 1. Morgera attraverso un racconto a più voci rende un resoconto lucido dei problemi ambientali di un territorio spesso trascurato dall’informazione, l’Agro Pontino, ponendo in luce le pesanti ricadute sulle attività produttive e sulla salute di un’intera comunità. La seconda menzione è per Cristina Da Rold che con l’articolo Inquinamento atmosferico e salute cardio-respiratoria: tre nuovi importanti studi affronta fenomeni di interesse diffuso ma di grande complessità; dimostra che, nel buon giornalismo, l’approfondimento scientifico di alto livello e la buona lettura possono felicemente convivere. La Giuria dell’edizione 2018 del Premio è così composta: Presidente Pier Mannuccio Mannucci (Professore Emerito di Medicina Interna presso l’IRCCS Fondazione Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano), Sergio Harari, (Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Pneumologia dell’Ospedale San Giuseppe di Milano), Luigi Ripamonti, (Responsabile Corriere Salute – Corriere della Sera), Donatella Barus, (Direttore del Magazine Fondazione Umberto Veronesi), Roberto Giovannini (FIMA/ La Stampa), Franco Marchetti (Presidente UNAMSI), Vincenzo Morgante, (Direttore Testata Giornalistica Regionale RAI), Federico Ferrazza (Direttore Wired), Margherita Fronte (giornalista Focus).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere