CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, torna ‘Popoli e religioni’, ma ora scoppia la polemica col Comune

Terni Cultura e Spettacolo

Terni, torna ‘Popoli e religioni’, ma ora scoppia la polemica col Comune

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – Riparte la macchina del Festival cinematografico Popoli e Religioni, organizzato dall’Istess, Istituto per gli studi teologici e storico-sociali della Diocesi, con il contributo della Conferenza Episcopale Umbra e della Fondazione Carit. Dall’11 al 19 novembre si alterneranno proiezioni cinematografiche ed eventi collaterali su un tema molto vasto, ‘Metamorfosi’.

L’evento è stato presentato al Cityplex Terni alla presenza della presidente dell’Istess Stefania Parisi, del direttore artistico Arnaldo Casali, del vescovo monsignor Giuseppe Piemontese, dell’assessore alla cultura del comune di Terni Tiziana De Angelis, di Getulio Petrini di Umbria Film Commission e del direttore dei corsi di laurea di Economia a Terni Loris Nadotti, rinnovando fra l’altro la collaborazione con questa parte dell’ateneo “perchè Economia e cultura possono convivere, la cultura è creazione del lavoro”, ha spiegato il docente universitario.

Larghe vedute. Sarà un festival ad ampio raggio: tanta Terni, ma anche l’India, i francescani, ma anche Micheal Jackson e i Simpson e soprattutto grande attenzione ai temi sociali: “Parleremo  di anoressia, con un corto del regista ternano Giordano Torregiani – dice il direttore artistico Arnaldo Casali – ma anche dei corridoi umanitari e dei profughi: alcuni racconteranno le loro storie e ci saranno delle pellicole sul tema. Parleremo anche di fake news, bufale e post verità, con la presenza del celebre Ermes Maiolica, l’uomo delle bufale, che è ternano”. Il programma è in via di allestimento e anche per questo il direttore artistico non svela più di tanto ma spiega che cresceranno i gemellaggi: “Ne avremo uno con un festival di Nuova Delhi, un altro festival in Polonia e inoltre porteremo alcuni dei nostri corti girati dai ternani negli scorsi anni in un importante festival nazionale italiano”. Presidente di giuria sarà il vincitore dello scorso David Riondino.

Polemica col Comune. Aumentano i contatti, oltre 1000 le iscrizioni per presentare le pellicole, così come gli ospiti (previsto Uberto Pasolini, già candidato al Premio Oscar per ‘Full Monthy”), in una rassegna che da qualche anno va avanti senza contributi comunali. E qui il direttore artistico si è lasciato andare ad una piccola polemica: “Non abbiamo nulla da invidiare a Umbria Jazz, ma per loro il Comune ha stanziato 100.000 euro, mentre a noi non hanno dato nemmeno un centesimo”. Immediata la risposta il conferenza stampa dell’assessore: “Quei soldi erano vincolati dall’anno scorso, quest’anno non abbiamo finanziato nessuna rassegna”.

Metamorfosi come trafigurazione. Il vescovo ha spiegato come la parola più vicina a metamorfosi sia ‘trasfigurazione’ e quindi ‘cambiamento’. Inevitabile il riferimento ai fatti di cronaca: “Stiamo vivendo un periodo nel quale avvengono fatti che mai pensavamo prima per i quali fatichiamo a viaggiare nella giusta direzione. Tutto questo avviene sotto gli occhi di tutti perchè i media ce li portano a conoscenza. Allora ecco che questo festival più essere anche un momento di riflessione su tutto quanto sta avvenendo in questo periodo”. Il Festival, come ha spiegato la professoressa Parisi,  sarà anticipato e seguito da una serie di appuntamenti culturali che fanno parte di un progetto più vasto finanziato dalla fondazione Carit: sono previste presentazioni di libri, un seminario filosofico, un corso sull’islam e un focus sull’India, che poi sarà esplicitato ulteriormente durante la rassegna. Quest’anno inoltre, ai film in concorso saranno assegnati – per ribadire ancora di più lo spirito ecumenico – due premi di natura diversa, il premio Signis, riconoscimento cattolico attribuito al film in concorso più significativo per sensibilità umana e spirituale e quello della rivista Confronti, dei protestanti italiani (sarà presente anche la tavola Valdese).

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere