CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, siringa abbandonata nel giardino dell’asilo: feriti due bambini

Cronaca e Attualità Terni

Terni, siringa abbandonata nel giardino dell’asilo: feriti due bambini

Redazione
Condividi

La parrocchia di Santa Maria della Misericordia alla quale afferisce la scuola materna

TERNI – L’episodio è accaduto appena dopo pranzo, quando i bambini della scuola materna di Borgo Bovio, di pertinenza della parrocchia di Santa Maria della Misericordia, come ogni giorno sono scesi in giardino a giocare. E’ stato a quel punto che uno dei piccoli si è recato dalla maestra perchè si era punto. Un controllo rapido e l’incredibile scoperta: era stata colpa dell’ago di una siringa: “Lo abbiamo scoperto tramite il suo compagno che teneva in mano questa siringa- conferma don Luciano Afloarei, parroco della chiesa – e quando la maestra ha tolto di mano la siringa al piccolo, si è ferita anche lei”.

L’area è recitata ma don Luciano spiega che “c’è una panchina, appena fuori dove probabilmente qualcuno è venuto a bucarsi e la siringa deve essergli sfuggita ed è finita dentro la zona recintata. Un bambino si è punto, l’altro lo abbiamo trovato con la siringa in mano ed anche lui un taglietto. I due piccoli con la maestra, ferita anche lei, sono andati al Pronto Soccorso, hanno fatto tutti gli esami e il pericolo di contagio da malattie come Aids ci hanno detto che è scongiurato, però è chiaro che ora dovremo fare attenzione. Cosa farò? Intanto ho fatto denuncia alla Polizia – conclude – poi adesso dovrò mettere ulteriori protezioni, probabilmente una bolla in plexiglas che racchiuda il giardino: è brutto dover chiudere ‘in scatola’ i bambini, ma se recintare non basta, faremo anche questo”.

L’Azienda ospedaliera, in una nota riferisce che, due bambini e la giovane maestra arrivati al Pronto Soccorso di Terni alle ore 13 circa, dopo i primi accertamenti sono stati presi in carico dal reparto di malattie infettive: qui sono stati sottoposti a visita e a prelievo per una prima valutazione dei marker ematologici, cui seguiranno altri controlli entro i prossimi sei mesi come da procedura.