CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, semaforo guasto, è polemica. Salvati: “Gara chiusa solo il 5 agosto”

Cronaca e Attualità Terni

Terni, semaforo guasto, è polemica. Salvati: “Gara chiusa solo il 5 agosto”

Redazione
Condividi

TERNI – L’incidente dell’altra sera all’altezza del semaforo fra via Turati e via Lungonera, che dovrebbe regolare uno degli incroci chiave della città ma che invece è rotto da due mesi, ha riacceso le polemiche. Fra i feriti ci sono infatti anche due bambine e l’impatto fra i mezzi è stato violento tanto che è una fortuna che le ferite siano lievi.

Polemica. Da sinistra e dal misto, piovono le polemiche contro il Comune, reo di non aver messo mano all’impianto semaforico.

Valdimiro Orsini del Pd scrive: “Il significativo incidente all’incrocio tra via Turati e via Lungonera Savoia che ha coinvolto ben tre auto e provacato diversi feriti, fortunatamente non gravi, è avvenuto in un incrocio che vede da giorni non funzionare l’impianto semaforico. Si tratta di un atto di sciatteria amministrativa grave. La città sicura non passa attraverso i proclami o l’odio verso gli immigrati, la Terni sicura che vogliamo è fatta di cittadini che possono muoversi in sicurezza anche in auto. Invece di pensare alle poltrone e alle lotte intestine al centrodestra il sindaco e la giunta si occupino della città. Evitino il solito piantarello delle risorse che non ci sono, perché riparare un semaforo è un costo contenuto, irrisorio, a fronte dei 430 mila euro l’anno di sole indennità che costa questa giunta ai Ternani, un costo della cattiva politica che non è stato ridotto neanche dall’ultimo rimpasto che ha visto la conferma dello stesso numero di amministratori. Sul tema dei costi della giunta e sulle mancate entrate siamo pronti – se dovesse servire –  a fornire ulteriori elementi”.

Emanuele Fiorini, esponente del misto ed ex leghista, rincara la dose: “Ritengo che i criteri per sostituire gli assessori non possano essere i desiderata del commissario politico inviato da Roma ma debbano saper valutare la reale capacità di amministrare. Gli assessori devono garantire il funzionamento della città in particolare di quei servizi essenziali ai fini della sicurezza, compresa quella stradale. Mi riferisco al semaforo di via Turati che da settimane non funziona e che nei giorni scorsi è stato luogo di un grave incidente stradale che poteva avere conseguenze ben più gravi visto anche il coinvolgimento di una famiglia con bambini in tenera età. Mi domando – prosegue il consigliere – perché l’assessore deputato non abbia dato disposizioni di intervenire per una riparazione. Una situazione di pericolo segnalata da numerosi cittadini e da altrettanti gruppi social. Sono altresì dell’avviso – conclude Fiorini- che il Sindaco debba, quanto prima, rispondere di queste situazioni e avviare un confronto costruttivo con tutta la sua maggioranza, compreso il Gruppo misto che anche nelle recenti votazioni sul bilancio lo ha sostenuto con lealtà”

Salvati risponde. A loro replica l’assessore alla viabilità  Benedetta Salvati: “Da fine maggio sto sollecitando in maniera molto energica gli uffici, anche formalmente, come qualunque cittadino o consigliere potrà verificare accedendo alla mia casella di posta elettronica pubblica nella massima trasparenza, per risolvere in maniera adeguata e con una manutenzione seria il problema degli impianti semaforici fuori servizio in città, problema che rientra nelle competenze del mio assessorato. I tecnici hanno intrapreso un iter burocratico a norma di legge che ha portato l’amministrazione, dopo l’individuazione delle risorse economiche, all’indizione di una gara per la manutenzione di tredici impianti semaforici. I termini di scadenza della gara si concludevano il 29 luglio scorso, ma c’è stata una proroga tecnica fino al 5 agosto. L’aggiudicatario non ha però ancora fornito dei documenti. Non ci sono dunque responsabilità di carattere politico – precisa Benedetta Salvati – dal momento che come amministratore ho compiuto pienamente il mio dovere di sollecito rispetto ad alcune problematiche che ritengo, io per prima, prioritarie per la sicurezza della viabilità”. “Ho preteso quindi che, passata la settimana di Ferragosto, venga immediatamente incaricata la ditta aggiudicataria e vengano eseguiti gli interventi di manutenzione, primo fra tutti quello sull’impianto semaforico di via XX Settembre e via Turati”.