CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, soldi per l’antisismicità delle scuole è scontro: “Dati senza gara”

Cronaca e Attualità Terni

Terni, soldi per l’antisismicità delle scuole è scontro: “Dati senza gara”

Redazione
Condividi

TERNI – Il consiglio comunale ha approvato con 17 sì (centrodestra), 11 contrari (M5s, Pd, Senso Civico) e un astenuto (Terni Immagina), la variazione di bilancio che consente di utilizzare 579 mila euro per l’antisismicità delle scuole comunali: per le verifiche di vulnerabilità sismica 494 mila euro; 84 mila euro per la progettazione esecutiva per l’adeguamento sismico della scuola Donatelli. Il provvedimento consente di dar luogo a studi sullo stato sismico di 28 edifici scolastici. Si tratta di un atto che era già stato oggetto di approfondimento della terza commissione. Oggetto di discussione nella seduta del consiglio di oggi è stato, oltre alla variazione di bilancio, l’atto amministrativo che viene finanziato dalla stessa, una determina dirigenziale che prevede alcuni lotti per l’affidamento, con gara, degli incarichi professionali. Secondo le opposizioni, come già emerso in commissione, si tratta di un frazionamento per evitare la gara europea.

Orsini Valdimiro Orsini (Pd): “Non vogliamo far perdere niente a nessuno, abbiamo tutto l’interesse che si intervenga sulle scuole ma abbiamo interesse che vengano rispettate le procedure, sono emerse dei fatti che non possiamo far finta di non sapere, a monte c’è stato un frazionamento da parte del dirigente che prende il via da una variazione di giunta, riteniamo che le procedure non siano corrette, altri comuni nella stessa condizione hanno svolto gare europee”.

Gentiletti Alessandro Gentiletti (Senso Civico): “La mia obiezione è che non ci sia serenità di voto sulle procedure adottate in questo percorso amministrativo. Non sto strumentalizzando niente, si tratta di una procedura non chiara”.

De Luca Thomas De Luca (M5s): “Ci sono motivazione oggettive sul tipo di procedura adottate ma sono le stesse del passato, di un passato che ha avuto pesanti risvolti giudiziari che sono attualmente in corso. Sono convinto che l’assessore Melasecche non abbia voluto dar luogo a procedimenti pilotati, ma l’urgenza non può giustificare, il passato ci insegna che nel caso di frazionamento dell’appalto non è sufficiente la motivazione dell’urgenza. Dire poi da parte dei consiglieri di maggioranza che si tratti di una semplice variazioni di bilancio è un atteggiamento pilatesco”.

Ceccotti Di parere diametralmente opposto il capogruppo della Lega Cristiano Ceccotti che in aula ha letto tutti i nomi degli edifici scolastici sui quali si andrà a intervenire: “Il Miur ha concesso un finanziamento di oltre mezzo milione di euro per 28 istituti scolastici, serie di interventi di studio sismico fondamentali per poi dar luogo agli interventi veri e propri per mettere in sicurezza le nostre scuole. E’ stato fatto un sostanziale passo avanti per la risoluzione dei problemi di vulnerabilità sismica. La delibera permette di sfruttare oltre 500 mila euro di un bando comunitario, quindi senza oneri per il bilancio del Comune. La ratifica era un atto dovuto: da un punto di vista tecnico perché gli interventi saranno integralmente coperti dal finanziamento; da un punto di vista morale perché riguarda la sicurezza dei nostri bambini. Chiarificatori gli interventi dell’assessore Melasecche e del consigliere Bordoni della Lega, quest’ultimo anche confermato dal parere del segretario generale sulle competenze del consiglio comunale. Spiace che le opposizioni, anche su temi come questi, non abbiano perso occasione per fare speculazione politica, ipotizzando inesistenti irregolarità”.
“Tutto quello che voi decidete di non votare decidete di fare un danno alla città”, ha concluso Ceccotti riferendosi ai consiglieri di opposizione.

Cecconelli Maurizio Cecconelli (Fdi): “Il tema è quello delle procedure. La realtà è che la votazione non significa girarsi dall’altra, abbiamo la responsabilità di guardare il merito, noi dobbiamo solo decidere di utilizzare i soldi che sono a disposizione, per il resto si tratta di timori infondati. E’ un atto di responsabilità votare questa delibera”. L’assessore ai Lavori Pubblici Enrico Melasecche a più riprese ha sottolineato che “non c’è alcuna anomalia nella procedura che tutto è stato fatto secondo normativa e che le modalità adottate, che comunque hanno previsto le gare nell’affidamento alla quale hanno partecipato circa 40 professionisti per ognuno degli 11 procedimenti in corso, sono dettate dal fatto che questa Amministrazione Comunale sta cercando in tutti i modi di rispettare le scadenze per la fruizione del finanziamento del Miur che altrimenti andrebbe perso con un danno gravissimo per la sicurezza dei nostri figli e dei nostri nipoti”. L’assessore ha fatto riferimento, inoltre, a una relazione tecnica del dirigente, sulla tempista e sulla procedura, che “è alla base dei nostri provvedimenti amministrativi”.

Astensione Il consigliere Palo Angeletti di Terni Immagina si è astenuto: “Avrei voluto votare questo atto perché nel merito tutti ne riconosciamo necessità, stiamo votando una variazione di bilancio però stando alle dichiarazioni dell’ingegner Pierdonati in commissione le perplessità rimangono sempre più forti. In altri comuni hanno utilizzato altri sistemi per raggiungere l’obiettivo legittimamente. Mi astengo quindi perché ho perplessità sulle procedure adottate”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere