CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Terni, San Valentino esce dalla Basilica: folla di fedeli alla processione

Cronaca e Attualità Terni Extra

Terni, San Valentino esce dalla Basilica: folla di fedeli alla processione

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – “Il Santo? Ci ha messi tutti d’accordo“. La processione con l’urna che contiene le spoglie di San Valentino, che ha inaugurato stasera il triduo dei festeggiamenti in onore del Patrono si è svolta esattamente come avrebbe sempre dovuto essere: in pace ed in preghiera. Due anni di inutili e sterili polemiche e la clamorosa protesta di due anni fa  spazzati via in una sera. Il parroco padre Bose i fedeli e i tanti giovani dei gruppi ecclesiali che hanno anche animato poi la veglia (Azione Cattolica e Agesci in testa) parlano quasi all’unisono: “E’ molto bello che finalmente ci sia questa processione che il santo passi per le vie di Terni”. Il parroco di San Valentino dal canto suo aggiunge: “San Valentino ci insegna il valore della vita”.

A presiedere la processione, che dalla Basilica del Santo è giunta fino in Duomo c’era il vescovo monsignor Giuseppe Piemontese, accompagnato dai sacerdoti della Diocesi, dai diaconi i movimenti ecclesiali, autorità civili (in testa il sindaco Leopoldo Di Girolamo) e militari e fedeli della diocesi. 1,8 chilometri in tutto, circa 300 persone e un tragitto che domattina sarà percorso al contrario: via Papa Zaccaria, via San Valentino, via Menotti Serrati, via Turati, corso del Popolo, via dell’Annunziata, via del Vescovado.

Precedenti. Le spoglie del santo sono uscite dalla Basilica per l’ultima volta nel 1974,  in occasione del diciassettesimo centenario del Martirio del Santo: il vescovo di allora Santo Quadri decise per un giro nelle quattro parrocchie periferiche della città, incluso il Duomo. La prima volta, invece, testimoniata anche da documenti ufficiali, è stata nel 1937, quando l’urna con le spoglie fu trasportata alla Cappella della Misericordia.

Pontificale. L’urna con le reliquie del Santo resterà in Cattedrale sino a domattina, quando alle 11 sarà celebrato il solenne Pontificale, presieduto dal vescovo. L’evento sarà preceduto dall’accoglienza da parte del vescovo del corteo delle Istituzioni regionali e locali, autorità civili e militari, i sindaci dei Comuni della Diocesi con i gonfaloni che partirà da palazzo Spada di Terni alle 9.45.

Durante il pontificale – che sarà trasmesso in diretta sul canale youtube della diocesi TerniNarniAmelia e in differita lunedì alle 12.45 su Mep Radio –  si svolgeranno due segni particolari: i rappresentanti delle parrocchie di Terni offriranno un cero al Santo Patrono e il Sindaco accenderà la lampada votiva e pronunzierà l’atto di affidamento della città al Santo Patrono. Terminato il Pontificale, sempre in Processione, l’urna tornerà a San Valentino. Sul sagrato della chiesa ci sarà la lettura del messaggio del presidente diocesano di Azione cattolica, Luca Diotallevi e la benedizione conclusiva del Vescovo. Domani dalle 9.45 sino alle ore 12, nessuna Santa Messa in tutte le chiese di Terni.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere