CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni-Roma, nuove politiche territoriali per rilanciare il dialogo

Cronaca e Attualità Terni

Terni-Roma, nuove politiche territoriali per rilanciare il dialogo

Redazione
Condividi
Leonardo Latini
Leonardo Latini

TERNI – “Un approccio finalmente di carattere scientifico che ci consentirà di dare concretezza a idee e progetti dei quali si parla da anni”. Così il sindaco Leonardo Latini ha definito lunedì mattina nel corso di una conferenza stampa on line, l’avvio del focus di ricerca sul ruolo territoriale di Terni rispetto all’area metropolitana di Roma e alla cosiddetta “Regione Capitale”. “Si tratta – ha aggiunto il sindaco – di un percorso importante per arrivare a definire una volta per tutte un tema che da decenni domina il dibattito della scena economica locale, quello cioè di come mettere a sistema al meglio il ruolo di Terni in un’area vasta, partendo dalla considerazione che Terni è una città cerniera tra Lazio, Umbria e l’intera fascia mediana dell’Italia centrale. La definizione di questo ruolo e i conseguenti interventi possono costituire un fondamentale asset di sviluppo per la nostra area”.

Bordoni. “Quella che si apre oggi – ha detto l’assessore all’urbanistica Leonardo Bordoni – è una fase di interlocuzione tra gli enti che prevede anche la partecipazione dei cittadini e dei principali stekeholders. Con questo progetto vogliamo definire gli ambiti e i temi su cui andare poi a lavorare in concreto. Il progetto che viene presentato oggi e che si sta per avviare è il frutto di un ‘intesa e di un lavoro dei quali dobbiamo ringraziare la Regione Lazio, la Regione Umbria, la Fondazione Carit che ci ha creduto e che ha lo ha finanziato, oltre che tutti i nostri tecnici. Dalle parole ai fatti – ha aggiunto l’assessore Bordoni – perché il focus e tutte le attività di ricerca e studio connesse non resteranno teoria, ma serviranno come base per atti amministrativi concreti, oltre che per avvicinare e far dialogare istituzioni, cittadini e imprenditori con l’unico interesse di individuare le direttrici di sviluppo futuro dei nostri territori”.

Carlini. “La Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni – ha detto il presidente Luigi Carlini –  si fa da sempre promotrice dello sviluppo economico locale. Pertanto, nell’ambito della propria attività istituzionale, ha accolto con vivo entusiasmo la richiesta di sostegno a questo importante progetto. Terni è una città che per la posizione geografica ha un elevato potenziale di sviluppo, economico e turistico, purtroppo non ancora del tutto espresso. È in questa cornice che il Consiglio di amministrazione della Fondazione Carit lo scorso 27 aprile ha deciso di intervenire con un contributo in favore del Comune di Terni per la realizzazione del “Focus di ricerca direttrice Terni-Roma” nell’ambito dell’Osservatorio urbanistico sul territorio della Regione Lazio e dell’Università Roma Tre. L’intento è di contribuire all’approfondimento del tema del ruolo dell’area metropolitana di Roma nel più ampio contesto del centro Italia. Col fine ultimo di valorizzare il legame tra Roma e l’Umbria meridionale, ci si è domandato quali possano essere le prospettive di influenza della Capitale sulla città di Terni e correlativamente il punto di presa della città di Terni sulla Capitale”.

Melasecche ’L’Umbria è policentrica e la sua parte centro meridionale – ha aggiunto l’assessore regionale Enrico Melasecche  – ha rapporti molto stretti con l’area di Roma nell’ambito di un fitto scambio di esperienze e di opportunità al quale vorremmo aggiungere altri tasselli con il contributo dell’Università di RomaTre e in collaborazione con la Regione Lazio. L’obiettivo – ha detto l’assessore Melasecche – è di potenziare il percorso che porti a migliori servizi per i cittadini, come stiamo facendo in questa fase, come Regione Umbria, per quello che riguarda il settore delle infrastrutture”.

La ricerca Il Focus di ricerca – ha spiegato Roberto Meloni che è il responsabile del procedimento per il Comune di Terni – nasce in relazione alla rilevanza dei fenomeni osservati lungo la direttrice interregionale umbro laziale, grazie al lavoro dell’ Osservatorio urbanistico della Regione Lazio, che ha prodotto il rapporto di ricerca  Roma Regione Capitale, nel quale si evidenziano le relazioni fra Roma e l’area vasta, con riferimento ad un ambito che travalica i confini regionali e include anche il sistema urbano e socioeconomico ternano. L’attivazione del Focus, derivante dalla partecipazione del Comune di Terni al tavolo tecnico istituito all’Osservatorio urbanistico, avviene a valle della sottoscrizione Accordo tra Regione Lazio, Università Roma Tre e Comune, nonché in attuazione della Convenzione di ricerca sottoscritta tra il Comune e l’Università. Il lavoro è regolato da un Disciplinare che, anche sulla scorta della fase preparatoria di ascolto, verrà sottoscritto tra le parti entro tre mesi dalla Convenzione, a cui seguirà l’attività di ricerca della durata di 12 mesi.

Finalità La finalità della ricerca è quella di approfondire il quadro conoscitivo dei fenomeni per arrivare ad una consapevolezza e una conoscenza in grado di fornire i punti di presa a supporto dei processi decisionali dell’Amministrazione in merito alle politiche d’area vasta. Tra gli effetti attesi del Focus anche la cooperazione tra diversi livelli istituzionali, anche nella dimensione interregionale, nonché la messa a punto di un know how in grado di arricchire gli strumenti di indagine ed osservazione e le modalità operative in capo all’Amministrazione ed agli altri enti interessati. Il Focus è finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni. Il processo è riassunto nella presentazione Focus di ricerca Terni Roma

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere