CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, protesta a Campomicciolo: “No al centro di accoglienza per immigrati”

Cronaca e Attualità Terni Extra

Terni, protesta a Campomicciolo: “No al centro di accoglienza per immigrati”

Emanuele Lombardini
Condividi

La via dove dovrebbe sorgere il centro di accoglienza

TERNI– Monta la protesta a Campomicciolo, dove un comitato civico spontaneo di residenti chiama in causa il Comune, il Questore e il comandante dei Carabinieri e il Prefetto per impedire l’apertura della nuova struttura di accoglienza che dovrebbe ospitare 20 immigrati. A questo scopo è già partita una petizione che ha raccolto 109 firme: “La struttura – dicono i residenti – la struttura verrebbe aperta in via Campomicciolo 361/h proprio all’interno del quartiere e sarebbe gestita da una associazione (l’associazione di volontariato San Martino ndr). Si tratta di una strada privata e senza uscita e quindi, essendo una singola unità abitativa, non garantisce sicurezza per contenere così tanti immigrati”.

Poi puntano l’indice contro gli stessi futuri utilizzatori: “Questi immigrati, che arriverebbero fra coloro che sono sbarcati in Italia- scrive il referente Fabrizio Pettorossi –  sono stati identificati con le sole impronte digitali e di loro le forze dell’ordine sanno ben poco. Fra loro, insieme a persone comuni, può esserci sempre qualcuno capace di delinquere: per ragioni di sicurezza e di pubblica incolumità dei residenti, chiediamo la non apertura del centro di accoglienza e se già aperto l’immediata chiusura”. Una vicenda questa, che nei giorni scorsi aveva trovato l’interessa anche del gruppo ternano di Casapound. I cittadini annunciano poi un presidio davanti al Comune e alla Prefettura, ai quali è stato chiesto un incontro.

 

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere