CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Terni, presentata la lista del FdI e scatta il ‘serrate i ranghi’

Terni Politica Extra

Terni, presentata la lista del FdI e scatta il ‘serrate i ranghi’

Andrea Giuli
Condividi

A.G.

TERNI – L’antica fiamma tricolore e una lista composita, varia.

La lista Una lista, quella di Fratelli d’Italia per il consiglio comunale di Terni, con il disoccupato, l’invaldio sul lavoro, la commessa, il militante, il gagliardo consigliere comunale uscente, l’avvocato del sindacato, la madre di famiglia, il chirurgo, la combattiva pensionata di quartiere, il professionista, il volontario sociale, il grafico, l’informatico, l’architetto, l’ex assessora della Giunta Ciaurro, e così via. Una squadra di 18 donne e 14 maschietti. Tanti giovani, una miscellanea di entusiasmo ed esperienza, competenza e voglia di cimentarsi con la sfida del 10 giugno.

Zaffini e Pace A presentare la lista di Fdi, il cooordinatore regionale Francesco Zaffini e la coordinatrice provinciale di Terni, Eleonora Pace, in veste di puntigliosa ed emozionata presentatrice che introduce, uno dopo l’altro, i profili biografici di ciascun candidato. Poche parole, di incitamento, quelle di Zaffini che ha parlato di un “candidato come Latini che Terni si deve meritare” per risollevare “una città massacrata”. Poi, la raccomandazione, nei giorni che mancano al voto, a convincere amici e conoscenti, a bussare ad ogni porta, per cercare voti a sostegno del candidato a sindaco.

Latini Ed, immancabile, il candidato sindaco del centrodestra “allargato”, il leghista dal volto buono, Leonardo Latini, ha preso la parola: “Sono davvero colpito da tanta passione. Ho sentito molte volte dire la parola mamma e questo è importante, e ho sentito molte volte dire la parola sociale, perché noi abbiamo a cuore anche gli ultimi. Dove il centrodestra amministra, amministra bene in base a capacità, competenza e sensibilità. Non non siamo astratti, ma concreti e il nostro quadro di riferimento è chiaro e solido. Il nostro è un progetto di cambiamento radicale nel profondo ed è una occasione di alternativa reale che non possiamo lasciarci sfuggire. La nostra è una città martoriata, ma bellissima. Ecco, dobbiamo tornare a farla bella, grazie alla capacità e all’entusiasmo di ognuno di noi. Dall’alternativa ternana passerà poi la conquista dell’alternativa in Regione. Questa è una battaglia campale e noi la vinceremo per dimenticare il brutto passato che abbiamo vissuto in questi anni”.

Cecconi E, da par suo, il consigliere comunale uscente, Cecconi, si prende per pochi secondi l’ultima parola con voce tonante: “Dobbiamo tutti impegnarci fino all’ultimo perché dobbiamo vincere al primo turno”. Con pugno finale scatraminato sul banco consiliare. Insomma, come diceva qualcuno: “Vincere, e vinceremo”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere