CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, pompieri e Questura portano le fiabe in musica in ospedale con l’autoscala

Cronaca e Attualità

Terni, pompieri e Questura portano le fiabe in musica in ospedale con l’autoscala

Redazione
Condividi

TERNI – La magia del Natale non si ferma con la pandemia: Polizia di Stato, Vigili del Fuoco e personale sanitario hanno portato le fiabe natalizie di Stefano de Majo. Uno spettacolo itinerante di fiabe, tratte dai “Racconti del Ciocco” e narrate dallo stesso autore e attore ternano attraverso le finestre di ospedale, centro geriatrico e abitazioni private. Per mantenere il distanziamento, il narratore si è avvalso dell’autoscala dei pompieri scortata dalle Volanti della Questura di Terni, vestendo un abito confezionato dal laboratorio di sartoria dell’Ipsia di Terni.

Tradizioni Al richiamo della zampogna suonata come una sirena da Marco Baccarelli, polistrumentista e ricercatore delle antiche tradizioni orali del nostro territorio, i mezzi della Polizia di Stato e dei Vigili del Fuoco hanno affiancato le ambulanze e son entrati nel piazzale dell’ospedale di Terni, posizionandosi dapprima nel piazzale sottostante il reparto pediatria per portare doni e sorrisi e raccontando una prima fiaba, interpretata dall’attore per poi spostarsi nel piazzale opposto e utilizzando l’autoscala il cantore del Natale sono saliti in alto in alto in modo da esser visto e ascoltato dai vari reparti in tutti i 6 piani.

Musicista Al suo fianco in cima alla scala, l’attore ha avuto un particolare musicista, un pompiere in divisa, Manuel Trotti,  sassofonista diplomato al conservatorio Morlacchi di Perugia con esperienze sia nella banda nazionale dei Vigili del fuoco che in diverse formazioni jazz con esperienze internazionali, il quale invece che spegnere incendi ha accompagnato col suo sassofono le fiabe di Stefano de Majo accendendo sorrisi di grandi e bambini alle finestre. Dopo l’ospedale la squadra speciale di Pronto Intervento del Natale, si è spostato presso l’abitazione del piccolo Andrea, il bambino di 8 anni affetto da una rara malattia, solo 20 casi al mondo, che non gli permette di alzarsi dal letto e deve essere assistito ogni due ore anche di notte dai genitori rimasti senza assistenza.

Sorrisi La scala questa volta porterà il duo narratore e pompiere di fronte alla finestra di Andrea con un inedito racconto personalizzato.     Dopo la sosta presso la finestra di Andrea, la squadra di poliziotti e vigili del fuoco attraverseranno le vie cittadine per recarsi sino al Centro Geriatrico di Colle Rolletta a far visita alle finestre degli anziani affetti da Covid, perché soprattutto a Natale, come dice il narratore, “Le fiabe non sono solo per i bambini e la nostra forza è nei vostri sorrisi”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere