CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, processo percolato: prima udienza per 18 ex amministratori

Cronaca e Attualità Terni Politica

Terni, processo percolato: prima udienza per 18 ex amministratori

Andrea Giuli
Condividi

Il tribunale di Terni

TERNI – È cominciata, anzi, per certi aspetti è presguuta lunedì mattina la striscia degli appuntamenti giudiziari che vedono coinvolti diversi esponenti ed amministratori delle ultime due giunte comunali, nonché alcuni dirigenti di palazzo (in carica e non) Spada.

Prima udienza percolato La mattina del 12 marzo, infatti, si è tenuta la prima udienza, di fronte al giudice monocratico Natalia Giubilei presso il tribunale di Terni, del processo riguardante lo smaltimento del percolato della discarica comunale di Valle. Coinvolte 18 persone, fra ex assessori dirigenti comunali: l’ex sindaco Di Girolamo e gli ex amministratori Stefano Bucari, Libero Paci, Luigi Bencivenga, Roberto Fabrini, Silvano Ricci, Sandro Piermatti, Marco Malatesta, Daniela Tedeschi, Renato Bartolini, Simone Guerra, Maria Bruna Fabbri, Giorgio Armillei, Francesco Andreani, Christia Falchetti Ballerani, Emilio Giacchetti e i dirigenti Maurizio Galli (ora in pensione) e Marco Fattore.

Una prescrizione L’indagine, condotta dal pm Iannella, portó alla formulazione per tutti gli indagati dell’accusa di turbata libertà degli incanti. Il dirigente Luciano Sdogati è stato invece prescritto e dunque la sua posizione stralciata. Per il resto, nella prima udienza di lunedì, sono state respinte tutte le eccezioni di nullità sui capi di imputazione, sollevate dai alcuni legali degli imputati, e non si sono registrate costituzioni di parte civile. I legali dei 18 imputati sono Donatella Virili, Enrico De Luca, Attilio Biancifiori, Francesca Abbati, Manlio Morcella, Patrizia Bececco, Roberto Spoldi, Federica Pasero e Carlo Moroni.

Operazione Spada1, gup decide il 4 maggio La prossima udienza è stata fissata per il prossimo 15 ottobre. La giudice Giubilei è la stessa che il prossimo 4 maggio dovrà decidere sulla sorte (rinvio a processo o meno) dei 25 indagati – sempre ex assessori comunali e lo stesso ex primo cittadino Di Girolamo – innrelazione alla prima inchiesta Spada riguardante gli appalti pubblici nella manutenzione del verde, nella gestione dei servizi cimiteriali e in quelli di accoglimento alla cascata delle Marmore. Anche in tal caso (non vi sono state richieste di archiviazione al momento), l’accusa è turbata libertà degli incanti.

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere