CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, parcheggio corso del Popolo: flop introiti. Melasecche chiede lumi

Terni Politica

Terni, parcheggio corso del Popolo: flop introiti. Melasecche chiede lumi

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Quattrini e dolori, un binomio fatale e drammatico – specie negli ultimi tempi – per l’amministrazione comunale Ternana alle prese, come noto, con una complessa procedura di Predissesto dell’Ente.

Melasecche in pressing Ancora in periodo tutto sommato feriale, ci pensa il consigliere comunale di opposizione, Enrico Melasecche, a tirare fuori dai cassetti una vecchia questione (evidentemente ancora attuale) che pesa sulle casse di palazzo Spada: le entrate stimate dal parcheggio di corso del Popolo.

Problema economico “È stato già accertato – scrive Melasecche in un atto d’indirizzo con richiesta urgente di accesso agli atti – che il project financing per la realizzazione del complesso di corso del Popolo prevedeva introiti tali dalla gestione del parcheggio interrato che avrebbero contribuito in modo determinante all’equilibrio finanziario complessivo di quella operazione; che la previsione di circa 920.000 euro l’anno di entrate a fronte di circa 300.000 euro reali ha già portato ad un differenziale rilevante a danno delle casse pubbliche. Non si ha più notizia di come questa Giunta ha affrontato il problema, tenuto conto che ben difficilmente l’impresa realizzatrice giungerà a soluzioni che la penalizzino rispetto ad un quadro economico-finanziario già pesante, pretendendo dall’Ente o da qualsiasi società pubblica partecipata, incaricata di quella gestione, l’intero canone annuo previsto in contratto, con conseguenze drammatiche sul bilancio consolidato del Comune”.

Le richieste urgenti al sindaco Di conseguenza, Melasecche invita il sindaco “o chi per lui a produrre, nei termini previsti dalla legge sulla trasparenza, a consegnare copia della corrispondenza fino ad oggi intercorsa con la corso del Popolo e con tutti gli altri soggetti interessati al problema, come il liquidatore della Atc Parcheggi, la banca fornitrice della fidejussione prestata dal Comune all’impresa realizzatrice dei lavori; a produrre con urgenza il quadro finanziario dalla data di apertura ad oggi, con le reali entrate, i costi di gestione e l’introito netto anno per anno, con la differenza in meno rispetto alle previsioni e la loro proiezione nel trentennio; a rispondere in modo chiaro e definitivo in consiglio comunale, confermando o meno l’intenzione della giunta di allargare la Ztl a tutto corso del Popolo, bloccando il traffico alla rotonda dell’obelisco per obbligare tutti ad utilizzare il parcheggio interrato; a fornire in prima Commissione consiliare tutte le spiegazioni necessarie su cosa stia facendo questa amministrazione per far fronte a tale differenza, convocando anche il liquidatore di Atc Parcheggi; ad accertare le responsabilità degli amministratori e dei dirigenti che hanno autorizzato tale procedura e sottoscritto gli impegni per la parte pubblica, gravando il Comune di un onere così pesante, informando il consiglio comunale sulle conseguenze sul piano di rientro dal predissesto”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere