CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, omicidio Raggi: la Cassazione conferma i 30 anni ad Amine Assoul

Cronaca e Attualità Terni

Terni, omicidio Raggi: la Cassazione conferma i 30 anni ad Amine Assoul

Redazione
Condividi

TERNI – Confermata anche in Cassazione la condanna a 30 anni di reclusione per Amine Aassoul “Aziz’, il marocchino che in stato di ubriachezza uccise con una bottiglia rotta senza alcun motivo il giovane ternano David Raggi il 12 maggio 2015 a Terni, davanti ad un locale in Piazza dell’Olmo.

Ammende Oggi la sentenza definitiva della Corte che ha respinto il ricorso della difesa e confermato la condanna in secondo grado. Il marocchino è stato anche condannato a pagare 2 mila euro alla Cassa delle ammende e 4.900 euro per le spese di costituzione della parte civile. Confermati i risarcimenti già stabiliti nel processo di primo grado a Terni e confermati in appello.

Filone Il marocchino, secondo l’avvocato della famiglia Raggi, Massimo Proietti, non avrebbe dovuto trovarsi nè libero, in quanto già condannato a quasi 7 anni per reati commessi precedentemente nelle Marche, nè in Italia, visto che era stata respinta la richiesta di protezione internazionale. Su queste basi, muove l’altro filone ancora aperto, quello della causa intentata dalla famiglia Raggi allo Stato.

Che non ha istituito il fondo per reati di natura transnazionale come invece era previsto nel 2005 e che non otterrà secondo lo stato nemmeno il risarcimento che lo Stato aveva successivamente inserito per rimediare, perchè Davide guadagnava più della cifra massima stabilita.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere