CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, ‘odissea’ pomeridiana per i pendolari da Tiburtina

Cronaca e Attualità Terni

Terni, ‘odissea’ pomeridiana per i pendolari da Tiburtina

Andrea Giuli
Condividi

Stazione di Terni

TERNI – Vabbè che il tempo umano è convenzionale e relativo, ma – come si dice – c’è un limite a tutto. Ed un consueto viaggio dalla Capitale alla seconda città umbra si è trasformato in una specie di Transiberiana.

Vicissitudini Un nutrito gruppo di pendolari ternani sono stati mercoledì pomeriggio e loro malgrado protagonisti dell’ennesimo ritardo e dell’ennesimo ‘disguido’ sulle carrozze di Trenitalia che percorrono la tratta tra Roma e Terni. Decine di commenti incacchiati, ma anche amari e sarcasticamente rassegnati, su Facebook da parte di questi ‘forzati’ del treno – studenti e lavoratori -, fino a definirsi dei ‘sequestrati’. È accaduto, a quanto pare, che il treno regionale in partenza da Roma Tiburtina per Terni alle 17.10 è invece riuscito a lasciare lo scalo capitolino solo alle 18.30. Motivo? Sembra che si sia verificato un guasto ad un pantografo del treno regionale delle 14.28 (sempre in partenza da Tiburtina), determinando così una serie di ritardi abissali di vari treni in partenza. Partiti, alfine, alle 18.30 (invece che alle 17.10) i passeggeri hanno dovuto sostare alla stazione di Narni, laddove una suadente voce ha potuto annunciare ai “gentili clienti che siamo ripartiti con con 150 minuti di ritardo”. Gli sventurati sono dunque riusciti a toccare suolo ternano intorno alle 20.30, con circa 3 ore e mezza di ritardo complessivo. Un episodio non esattamente isolato.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere