CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, ‘My generation’: i Millennials di Classico e Artistico si raccontano in un festival

Terni Cultura e Spettacolo

Terni, ‘My generation’: i Millennials di Classico e Artistico si raccontano in un festival

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – Un anno di alternanza scuola-lavoro per raccontare gli stimoli e le storie di una generazione, quella dei millennials, che si prepara a diventare la società del futuro. “My generation” è il festival che da mercoledì a sabato negli spazi fra il Caffè Letterario della Biblioteca Comunale e il Teatro Secci presenterà i lavori che hanno coinvolto 100 ragazzi del liceo classico Tacito e del Liceo Artistico Metelli. “L’iniziativa è stata resa possibile – spiega la direttrice scolastica Roberta Bambini, grazie ad un bando di selezione promosso dal ministero per i Beni Culturali dal titolo ‘Scuola aperta alla cultura’: è il punto di incontro di un percorso che ha visto i ragazzi sviluppare il tema del racconto generazionale utilizzando varie forme d’arte: un ebook, un cortometraggio, una performance teatrale ed una mostra”.

Fare impresa con la cultura. Attorno a questo progetto è stato allestito un vero e proprio festival che vedrà i giovani confrontarsi con varie realtà culturali, ma anche con il mondo dell’impresa: “Ogni giornata – spiega ancora la professoressa Bambini – si apre con la presentazione di una impresa culturale del territorio regionale, per dimostrare come la creatività possa essere una delle nuove forme per creare lavoro”. Così si passerà dal FabLab dell’Accademia di Belle Arti di Perugia; la ormai celebre Edicola 518 di Perugia, rilevata da un gruppo di giovani e diventata non solo punto di acquisto per riviste introvabili ma anche e soprattutto punto d’incontro culturale; il Postmodernissimo, luogo recuperato col crowdfunding e rilanciato a Perugia e la ternana Move the Game, start up di recente avvio. Alle 16 di ogni giorno sarà questo l’evento di apertura: sempre nella palestra del Metelli, tranne l’evento di sabato, sul Postmodenissimo, che si svolgerà in bibilioteca.

Ospiti di spessore Alle 17.30 sarà la volta degli incontri coi testimoni, anche questi in tre casi alla palestra del Metelli tranne sabato. Nell’ordine:  mercoledì l’incontro con lo schermidore Foconi e i giocatori della Ternana; giovedì con Mp5, street artist e fumettista; venerdì col giornalista Massimo Giannini, autore di una celebre lettera ‘di un padre alla figlia che parte per l’Erasmus’ e infine sabato il doppio appuntamento: in Bct alle 17.30 con il rapper Raige, autore di un romanzo generazionale e la sera alle 21 al Secci con lo stand up comedian Giorgio Montanini, col coordinamento dell’autore televisivo Daniele Giacchetta.

Laboratori. I lavori dei ragazzi saranno aperti dalle 16.45, sempre fino a venerdì al Metelli e sabato in biblioteca: Mercoledì sarà proiettato il cortometraggio ‘Clickbait’, giovedì sarà la volta della mostra ‘I luoghi della creatività, la città dei giovani’; venerdì della performance teatrale Garibaldi Blues e sabato della presentazione dell’ebook ‘Un bicchiere, un dinosauro, l’elicottero e la coscienza’, un racconto scritto dai ragazzi.

 

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere