CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, lavori alla Carducci, M5S: “Mancano 100000 euro”

Terni Politica

Terni, lavori alla Carducci, M5S: “Mancano 100000 euro”

Redazione politica
Condividi

da sinistra Valentina Pococacio, Thomas De Luca, Patrizia Braghiroli e Federico Pasculli

TERNI – Si torna a parlare della scuola Carducci e dei lavori di adeguamento sismico che interessano la scuola. In una nota, i cinque consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle Thomas De Luca, Angelica Trenta, Patrizia Braghiroli, Federico Pasculli e Valentina Pococacio puntano l’indice contro una questione economica:

 “Dopo le nostre interrogazioni e le tante promesse ricevute dagli assessori “competenti” che si sono succeduti la misura ora è davvero colma- scrivono –
Il Comune di Terni qualora non partissero i lavori entro la fine dell’anno rischia di perdere 550.000 euro assegnati per decreto ministeriale, a cui devono essere aggiunti altri 200.000 euro di cofinanziamento da parte del Comune di Terni. In questa fase pare che manchino all’appello 100 mila euro.  
Ricordiamo che la scadenza dei lavori è il 18/11/2018 ma sarebbe doveroso restituire al quartiere una scuola messa in sicurezza entro l’inizio dell’anno scolastico 2018. Probabilmente viste le tempistiche e l’importanza dei lavori parliamo di date utopiche.

Riteniamo irresponsabili le istituzioni e tutti quei soggetti vari che cercano di mitigare una situazione che se non evolverà rapidamente rischia di mandare nel limbo uno dei pezzi della storia del quartiere, cioè quella scuola con cui gli abitanti di Borgo Rivo conservano un legame affettivo molto forte.Sostanzialmente verrà a mancare un importante punto di riferimento per uno dei quartieri più popolosi della città, un vero attentato al diritto all’istruzione. La scuola Carducci si aggiunge ad una fitta lista di opere incompiute che sanciscono l’ennesimo attestato di quanto male sta facendo a questa città il protrarsi dell’agonia di una classe dirigente e di una giunta che per interessi di partito preferisce restare attaccata alla poltrone come delle cozze, piuttosto che ridare voce ai cittadini”.
Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere