CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, la Uilm avvia una nuova fase a partire dal successo delle rsu Ast

Economia ed Imprese Terni Politica

Terni, la Uilm avvia una nuova fase a partire dal successo delle rsu Ast

Andrea Giuli
Condividi

Nicola Pasini, segretario Uilm Terni

TERNI – In qualche modo, nei prossimi mesi, si avvierà una nuova fase anche per i metalmeccanici della Uil ternana che, tra l’altro e da quanto è dato capire, potrebbe portare ad un avvicendamento alla segreteria provinciale della categoria, oggi impersonata dal segretario Nicola Pasini.

Fase consgressuale Si è riunito martedì, infatti, il direttivo territoriale Uilm di Terni per deliberare l’apertura della fase congressuale che terminerà con la celebrazione del congresso nazionale il 17, 18 e 19 aprile 2018 a Torino. L’obbligo degli adempimenti statutari ha fornito l’occasione per sviluppare un dibattito incentrato sull’attività dell’organizzazione in generale, a partire dalle valutazioni sul recentissimo test elettorale che ha portato al rinnovo della Rsu dell’Acciai Speciali Terni.

Successo nel rinnovo rsu Ast “La soddisfazione del risultato ottenuto – si legge in una nota della stessa Uilm Terni – ha permesso di sottolineare alcuni aspetti non trascurabili, riguardanti le modalità che hanno permesso alla lista della Uilm di ottenere il 30 % in più di preferenze rispetto agli iscritti. Il costante impegno di quotidiano confronto con tutti i lavoratori da parte dei delegati uscenti, sommato ad una campagna elettorale sobria e priva di retorica, ha consentito l’investitura di cinque Rsu, con un mix di esperienza dei tre riconfermati e di entusiasmo di due neofiti che sicuramente crea le premesse per continuare e  migliorare il lavoro svolto nella precedente legislatura”.

Responsabilità e priorità Per la Uilm locale “accanto alla soddisfazione, è comunque presente la consapevolezza delle responsabilità che si acquisiscono assumendo una delega di rappresentanza all’interno di un sito industriale come Ast, vitale per l’economia del territorio, della Regione e strategico per il Paese. La riconquista di un tavolo di confronto serio con l’azienda sui vari temi lasciati in sospeso e forse trascurati nei mesi scorsi, sarà la cartina tornasole di un rinnovato rapporto di fiducia con i lavoratori. A partire dalla questione ambientale e della sicurezza sui posti di lavoro, laddove, nonostante gli sforzi sinora compiuti, esiste ancora un grosso problema di controllo e gestione quotidiana degli strumenti di contrattazione e legislativi a disposizione. Ma anche la costruzione di una piattaforma integrativa che fornisca il riconoscimento adeguato ai lavoratori che negli ultimi tre anni si sono fatti carico di una organizzazione del lavoro modificata, con inevitabile incremento dei ritmi e recupero di produttività, senza contropartite in termini salariali e di crescite professionali. Tutto ciò, senza trascurare gli aspetti che riguardano la necessità di incalzare la multinazionale sul versante delle prospettive di medio periodo rispetto agli assetti societari, nonostante le rassicurazioni del management attuale”.

Rsu Ilserv Auspichiamo, conclude l’organizzazione, “che il valore dell’altissima adesione al voto dei lavoratori venga interpretato in maniera adeguata e preso a riferimento per i prossimi, imminenti rinnovi di altre realtà importanti del territorio, a partire da Ilserv”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere