domenica 2 Ottobre 2022 - 17:31
16.5 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Terni, jazz weekend dal 15 al 18 settembre: anche J.P. BImeni e Mario Biondi

Nei quattro giorni saranno 45 gli eventi eventi che cominceranno in tarda mattinata per terminare dopo la mezzanotte

TERNI  – L’ estate umbra si chiuderà a Terni con Umbria jazz weekend. Dal 15 al 18 settembre la musica jazz e non solo avrà come sfondo la Conca e anche lo scenario unico della cascata delle Marmore. Nei quattro giorni saranno 45 gli eventi eventi che cominceranno in tarda mattinata per terminare dopo la mezzanotte. Saranno di scena 18 band, quasi tutte residenti, per un totale di circa cento musicisti. Undici sono le location ‘fisse’, più, appunto, la cascata delle Marmore teatro delle parate della marching band.

Locali aperti

A illustrare Uj weekend sono stati mercoledì, a Terni, nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio, il direttore artistico Carlo Pagnotta, l’ assessore regionale al turismo Paola Agabiti, il sindaco della città Leonardo Latini, il presidente della Fondazione Uj Gianluca Laurenzi e il presidente della Fondazione Carit Luigi Carlini. Tre saranno i palchi nel centro della città: piazza Tacito, piazza della Repubblica, via Cavour. “Quasi un filo che si collega con l’Umbria Jazz delle origini, alla vigilia del cinquantesimo anniversario della nascita che si festeggia il prossimo anno”, viene sottolineato dagli organizzatori. Sei saranno i locali aperti di pomeriggio e di sera, volendo così valorizzare un’ esperienza culturale e di aggregazione sociale che in questi spazi dura tutto l’ anno e che è un tratto distintivo della città.

L’ anfiteatro romano sarà il main stage

L’ anfiteatro romano sarà il main stage della manifestazione, un simbolo della storia di Terni e luogo di spettacolo per eccellenza ma anche sintesi di passato e contemporaneità. E all’ anfiteatro si esibirà anche il “colpo a sorpresa” dell’ ultimo minuto del maestro Pagnotta, vale a dire J.P. BImeni & The Black Belts, africano del Burundi, londinese di adozione, che “è una delle più belle ed espressive voci soul degli ultimi anni”, sottolinea lo stesso Pagnotta. Sempre all’ anfiteatro si esibirà, tra gli altri, anche Mario Biondi. Nelle piazze e nelle strade cittadine suoneranno anche i Funk Off, vecchia conoscenza di Uj, in particolare nella versione invernale che si tiene ad Orvieto.

La vicinanza della Fondazione

L’ intero programma dettagliato è disponibile sul portale di Uj. Se il presidente Carlini ha evidenziato la vicinanza della Fondazione agli eventi culturali della città, il sindaco Latini ha rimarcato l’ importanza che assume Uj weekend, definendolo “la terza gamba importante di Umbria jazz e per noi ricada in uno dei periodi migliori dell’ anno”. Agabiti ha invece ricordato “l’ internazionalità di Uj. L’ evento di Terni – ha aggiunto – mette in connessione ancora di più questa città con Perugia e Orvieto ed ha la capacità di far rivivere e promuovere questo territorio”. Il direttore Pagnotta, oltre ad aver brevemente illustrato il cartellone, a margine della conferenza stampa – parlando con i giornalisti – ha evidenziato come “la musica stia andando forte, la gente ha voglia di uscire da questo periodo, anche se questo Covid non ci abbandona”. Il manifesto di Uj weekend è stato realizzato da Lucrezia Di Canio, figlia dell’ ex calciatore Paolo.

Agabiti

“Umbria jazz weekend è un evento importante che unisce Perugia, Terni e Orvieto in un triangolo nel segno della musica, della cultura e della valorizzazione dei territori”: a dirlo è stata l’assessore regionale al turismo dell’Umbria, Paolo Agabiti, a margine della presentazione della seconda edizione di Uj weekend che si terrà nella Conca ternana dal 15 al 18 settembre prossimi.

 

 

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]